“Una giornata qualunque del danzatore Gregorio Samsa” è lo spettacolo presentato dal 24 al 27 gennaio al Triennale Teatro dell’Arte di Milano, con Lorenzo Gleijeses nel personaggio del danzatore. Eugenio Barba, fondatore e direttore dell'Odin Teatret, condivide per l’occasione la regia e la drammaturgia con Gleijeses e Julia Varley. Gli oggetti che compaiono in scena sono di Michele Di Stefano (Leone d’Argento alla Biennale di Venezia 2014); la consulenza sulla drammaturgia è di Chiara Lagani (drammaturga e attrice della compagnia Fanny & Alexander).

Lunedì, 06 Agosto 2018 20:34

Anelante - Biennale Teatro 2018 (Venezia)

Terzo e ultimo appuntamento all’interno del 46. Festival Internazionale del Teatro di Venezia per Antonio Rezza e Flavia Mastrella, è andato in scena al Teatro alle Tese “Anelante”, spettacolo del 2015 che cambia registro rispetto ai progetti (“7 14 21 28” e “Fratto_X”) presentati nelle due sere precedenti.

Lunedì, 22 Febbraio 2016 20:45

Anelante - Teatro Elfo Puccini (Milano)

E’ in scena al Teatro Elfo Puccini di Milano, dal 16 al 28 febbraio, "Anelante", il nuovo irriverente e caustico spettacolo di Antonio Rezza e Flavia Mastrella.

Lunedì, 21 Dicembre 2015 18:40

Anelante - Teatro Vascello (Roma)

Flavia Mastrella ed Antonio Rezza tornano prepotentemente sul palco del Teatro Vascello di Roma con la nuovissima produzione "Anelante". In scena per sei settimane, dal 9 dicembre al 17 gennaio, dopo il debutto torinese, e pronti per una lunga tournée nazionale, che toccherà tra gli altri il Teatro Elfo Puccini di Milano, il Teatro Duse di Bologna, il Puccini di Firenze, il Teatro Metastasio di Prato, il Teatro Massimo di Cagliari ed il Teatro Astra di Vicenza. "In uno spazio privo di volume, il muro piatto chiude alla vista la carne rituale che esplode e si ribella. Non c'è dialogo per chi si parla sotto. Un matematico scrive a voce alta, un lettore parla mentre legge e non capisce ciò che legge ma solo ciò che dice. Con la saggezza senile l'adolescente, completamente in contrasto col buon senso, sguazza nel recinto circondato dalle cospirazioni. Spia, senza essere visto, personaggi che in piena vita si lasciano trasportare dagli eventi, perdizione e delirio lungo il muro. Il silenzio della morte contro l'oratoria patologica, un contrasto tra rumori, graffi e parole risonanti. Il suono stravolge il rimasuglio di un concetto e lo depaupera. Spazio alla logorrea, dissenteria della bocca in avaria, scarico intestinale dalla parte meno congeniale".

TOP