Una stagione difficile si apre per uno spazio privato, “piccolo”, che ha scelto la via del teatro per professionisti, in un ex capannone industriale della periferia di Milano. Sesta stagione orientata decisamente al contemporaneo per lo Spazio Tertulliano, con venti titoli in cartellone e proposte originali, ispirate a lavori noti ri-scritti e rivisitati.

Per prima cosa evitare facili, e scontati, raffronti con Giorgio Gaber. Il primo ad essere cosciente dell'inarrivabilità del signor G è proprio Martino Corti. Il bravo Martino Corti, che ha assorbito la lezione del Maestro e porta avanti con sapiente mestiere un'esperienza artistica simile al teatro-canzone.

TOP