Dal 23 gennaio all' 11 febbraio al Teatro Franco Parenti di Milano, Luca Micheletti e Federica Fracassi proseguono la loro personale esplorazione dell’universo ibseniano, proponendo “Rosmersholm” come un monodramma a due voci secondo l'intuizione di Massimo Castri.

La nuova stagione del Teatro Franco Parenti di Milano è fortemente ancorata ai suoi spazi. La fantasia, la capacità di sognare, li attraversa tutti. C'è anche una nuova sala interrata, un buco spazioso che diventerà qualcosa di non ancora progettato; perché il Franco Parenti cambia giornalmente insieme alla città di Milano, creando nuove identità per i propri luoghi e tessendo possibilità di incontri sociali. Questo è possibile grazie al sostegno di partner istituzionali come il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Comune di Milano e la Regione Lombardia; e partner privati che considerano la crescita economica di un paese inscindibile da quella culturale e civile, come Intesa Sanpaolo, Pirelli e AcomeA.

Il Teatro Argot Studio è pronto ad accogliere il suo pubblico per la nuova stagione teatrale 2015/2016: Il Folle Volo Continua… Una presentazione originale alla stampa della nuova stagione articolata tra spettacoli di “lunga durata” e progetti, rassegne e laboratori, unendo il classico e soprattutto la rilettura e riscrittura di testi noti a novità in prima nazionale. Presentazione all’ insegna dello spettacolo con le musiche del Maestro Paolo Vivaldi, caratterizzate da note struggenti e di grande raffinatezza.

La stagione 2015/16 a LabArca, per la direzione artistica di Anna Bonel e l’organizzazione dell’Associazione Arcaduemila, si apre il 13 settembre con il vernissage della mostra fotografica di Matteo Ceschi, All the World’s a Stage, seguita da sei appuntamenti teatrali e musicali, che danno vita alla rassegna, appositamente pensata per Expo, dal titolo ExpoinbArca.

Dal 3 al 7 aprile. Con le ultime cinque e acclamatissime repliche al Teatro Argentina, lo stesso che ne ha visto il debutto tre anni fa, si chiude la lunga e fortunata tournée de “La Resistibile ascesa di Arturo Ui” di Bertolt Brecht, l’ultima opera scritta dal grande drammaturgo tedesco durante il suo esilio in Finlandia. Una messinscena, consacrata al successo dal pubblico, dalla stampa e dalla critica, nella tournèe iniziata – in questa stagione teatrale - tre mesi fa e che, dopo aver calcato i palcoscenici dei teatri più prestigiosi della penisola, si conclude là dove tutto era iniziato. Un successo salutato anche da una calorosa accoglienza internazionale con la partecipazione, ad aprile dell’anno scorso, al Festival dell’Unione dei Teatri d’Europa al Maly Theater di Mosca.

Vincitore del Premio dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro come spettacolo dell’anno 2011, La resistibile ascesa di Arturo Ui ritorna al Teatro Argentina dal 3 al 7 aprile, a tre anni dal debutto che ne ha consacrato il successo di pubblico e di stampa. Una ripresa che vuole celebrare l’ideale chiusura di un articolato progetto di produzione nato sul palcoscenico dello Stabile capitolino, e che ha proseguito la sua vita nelle tournée nazionali, fino ad approdare sulla scena estera del Maly Theater di Mosca, selezionato tra le produzioni internazionali dell’edizione 2012 del Festival dell’Unione dei Teatri d’Europa.

Mercoledì, 20 Aprile 2011 16:23

Luca Micheletti: l’arte dell’attore

Arturo Ui

Dal 29 marzo al 29 aprile, al Teatro Argentina di Roma, è in cartellone “La resistibile ascesa di Arturo Ui” di Bertolt Brecht per la regia di Claudio Longhi. Siamo riusciti ad intervistare l’attore e dramaturg dello spettacolo Luca Micheletti, un giovane attore discendente da una famiglia di artisti, che interpreta il personaggio di Giuseppe Givola alias Joseph Goebbels, il ministro della Propaganda nazista.

TOP