Il viaggio nel tempo di Marco Masini

Scritto da Martedì, 17 Novembre 2015

Concerto al Teatro Nazionale di Milano
Lunedì 16 novembre 2015

Cronologia ma non solo, il viaggio nelle emozioni che Marco Masini regala al suo pubblico con due ore generose di spettacolo dove il respiro batte all’unisono dalle due parti del teatro. Non è solo un cammino che ripercorre venticinque anni di carriera, sofferta, travagliata e riuscita. E’ un andare a ritroso, provare a riavvolgere il nastro, lasciarsi trasportare nei deragliamenti per raccontarsi e riflettere sull’uomo, sul bisogno disperato d’amore che alla fine è l’unica cosa che conta e sulla musica come vocazione che anche e proprio nei momenti più duri non lascia solo nessuno e fa sentire come un piccolo Chopin chi si mette a un pianoforte. Uno spettacolo di teatro, di parole e non solo quelle cantate: un uomo che si mette a nudo con il suo coraggio senza rinnegare le paure e senza dimenticare un mondo che sembra andare in rovina. Una bella prova di energia e di garbo, una voce calda e rotonda che mostra senza esibizione lo studio e la versatilità del suo muoversi sul palco, lasciando la rabbia alle spalle dei primi anni di carriera. Protagonista certamente, riesce però a farsi avvolgere in un tutto che si muove in armonia: i compagni di viaggio che lo accompagnano sul palcoscenico e i video che non scorrono alle spalle come una “decorazione” o una didascalia ma dialogano come personaggi e voce narrante di questo teatro musicale.

Uno spettacolo dal respiro americano quello del Naïf Tour e una Liza Minnelli in fieri sul palco. Fa tappa il 3 novembre a Roma. Sold out. Buio in sala: un po' folletto un po' pixie, Malika Ayane, colori del bosco in autunno, cappuccio verde bosco, ali arancio kaki per maniche, pantaloni blu e body nero, in mezzo a quattro ballerini in tuta grigia, un po' boscaioli un po’ no, saltando e ballando raggiunge il palco ed appunto “Blu” è il brano di apertura del concerto.

Il bello di questo Expo 2015 consiste anche nel regalo dei tanti spettacoli fuori Expo come questo delizioso concerto del bravo Sergio Cammariere tenutosi al Teatro Manzoni il 29 settembre, data unica, nel corso di una rassegna di grandi eventi internazionali, che ha annoverato tra i propri protagonisti Toquinho, Belcanto, Gino Paoli, Ornella Vanoni e altri ancora. Accolto al suo ingresso da una standing ovation immediata, a dimostrazione che il pubblico presente in teatro lo ama incondizionatamente, il cantautore e pianista si è seduto a un lungo pianoforte a coda mentre i suoi tre musicisti accompagnatori restavano in silenzio. Nel corso della serata numerosi sono stati gli assolo al piano, oppure le parentesi solo piano e canto e mai nessuno è parso lamentarsene. Il Manzoni, tra l’altro, era tutto esaurito.

Un teatro Quirinetta gremito all'inverosimile, da un pubblico caloroso ed entusiasta (nonché composto per la maggior parte da esponenti del gentil sesso), ha ospitato sabato la tappa romana dell'“Abbi cura di te tour” di Levante. Una nuova serie di concerti con i quali l'artista siciliana, ma torinese d'adozione, promuove il suo secondo e omonimo album. Che, dopo la sorpresa di “Manuale Distruzione”, la conferma come la voce più promettente dell'ultima generazione del cantautorato femminile all'italiana.

Nuovo Mei @ Faenza, 3-4/10/2015

Scritto da Giovedì, 08 Ottobre 2015

Mei, ancora tu, ma non dovevamo vederci più. Ebbene si: Giordano Sangiorgi, il patron del Mei (meeting delle etichette indipendenti) lo scorso anno, a cavallo della 20esima edizione, dichiarò che sarebbe stata l'ultima, il Mei cessava di esistere.

Palazzetto gremito in tutti e tre i livelli e nel parterre, una roulotte sul boccascena del palco aspettano Mika e il suo concerto, ma ecco dall’alto scende una grande insegna luminosa “Heaven” e le luci del palco illuminano un uomo a mo’ di vigilante, tutto in nero con cappelletto e striscia in vita catarifrangente gialla, accasciato sul fianco del van. Tonalità sommessa, a guisa di preghiera, le note di “No place in Heaven”, il titolo al nuovo album e il pretesto, vista la recente pubblicazione del lavoro, alle nuove date d’autunno del concerto, danno il via allo spettacolo.

TOP