Wilco in concerto @ Alcatraz (Milano) - 08/03/2012

Scritto da  Sabato, 10 Marzo 2012 

Wilco concerto Alcatraz (MilanoNemmeno la concomitanza con la festa della donna ha impedito ai Wilco di fare il tutto esaurito nella loro data milanese del “The whole love tour” all’Alcatraz. La band di Chicago non ha tradito le aspettative con uno show impeccabile, per non dire perfetto, che ha conquistato uomini e donne.

 

 

 

L’apertura è affidata proprio ad una rappresentante dell’altra metà del cielo. In perfetta solitudine Scarlett O’Hanna ha presentato un set breve ma intenso alternandosi tra piano ed elettrica, con largo uso di loop delay.

Con una voce che ricorda quella di Harriet Wheeler dei The sundays (per chi se li ricorda) ha regalato alcuni ottimi brani a metà strada tra Joseph Arthur ed Andrew Bird, guadagnandosi i meritati applausi.

Dopo quaranta minuti di attesa finalmente sul palco arriva la band di Jeff Tweedy. La scaletta è ben amalgamata alternando sperimentazioni, noise, l’alternative country che li ha resi famosi ed i tanti tuffi nel pop intelligente tipico dei loro album più belli. Tweedy e Nels Cline fanno al solito la parte dei leader, cambiando un’infinità di chitarre (tra Jazzmaster, Gibson “diavoletto”, Jaguar ed acustiche a iosa) e regalando perle che i presenti non potevano che apprezzare.

Il resto della band non sfigura di certo a partire dal polistrumentista Pat Sansone. Le vette sono rappresentate da classici come “At Least That’s What You Said” o “Spiders” ed “Hummingbirds”, per non parlare di “Impossible Germany” dove Cline giganteggia con assolo di chitarra che non lascerebbe indifferente nemmeno un morto.

Come bis i Wilco regalano ben nove pezzi (che portano la durata del concerto a ben due ore complessive). “The Whole Love” è il primo brano di questa "prova del nove” e già basterebbe per zittire tutti, ma in mezzo ci sono pure una toccante “Jesus, Etc.” con Tweedy fa cantare anche il pubblico, “Heavy Metal Drummer” ed altre gemme. Il gran finale è con la scoppiettante “Hoodoo woodoo” tratta da “Mermaid avenue”, l’album fatto con il mitico Billy Bragg.  

Non ci sarebbe altro da aggiungere, ma vorrei concludere con un consiglio dedicato a tutti quei chitarristi che pensano che “essere bravi” voglia dire lanciarsi in assoli “sbrodoloni” suonati a mille all’ora, che più che musica appaiono come atti onanistici senza arte né parte. Ascoltatevi almeno una volta un concerto della coppia Tweedy/Cline (ma anche Sansone mica scherza): imparerete qualcosa!

 

 

Setlist.

01 - Hell is Chrome

02 - Art of Almost

03 - I Might

04 - Misunderstood

05 - Bull Black Nova

06 - At Least That's What You Said

07 - Spiders (Kidsmoke)

08 - Impossible Germany

09 - Born Alone

10 - Laminated Cat

11 - Open Mind

12 - Hummingbird

13 - Handshake Drugs

14 - Box Full of Letters

15 - Capitol City

16 - War On War

17 - Dawned On Me

18 - Shot in the Arm

 

Bis:

19 - Whole Love

20 - I'm the Man Who Loves You

21 - Jesus, Etc.

22 - Theologians

23 - Heavy Metal Drummer

24 - Red-Eyed and Blue

25 - I Got You (At the End of the Century)

26 - Outtasite (Outta Mind)

27 - Hoodoo Voodoo

WILCO sono:

Jeff Tweedy - voce e chitarra

Nels Cline - chitarra

Patrick Sansone - chitarra, tastiere

Glenn Kotche - batteria

John Stirratt - basso

Mikael Jorgensen - tastiere

 


Articolo di: Stefano Vietta

Foto © Profilo Facebook Wilco

Grazie a: Annachiara Pipino, Ufficio Stampa DNA Concerti

Sul web: Facebook - www.wilcoworld.net

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP