The Irrepressibles in concerto @ Teatro Eliseo (Roma), 16/10/2014

Scritto da  Sabato, 18 Ottobre 2014 

Il ritorno di The Irrepressibles con il loro concerto “Nude: Viscera” presenta il gruppo britannico nel pieno delle sue forze creative, alle prese con una trilogia musicale che vuole mettere a “nudo” la ricchezza e la complessità della vita. Il secondo album “Nude”, uscito nel 2012, è diventato il momento germinale di una trilogia di cui “Viscera” è la seconda tappa, e ne rappresenta il momento più sensuale, carnale, intimo e, appunto viscerale.

  

THE IRREPRESSIBLES
Jamie McDermott - voce, chitarra, piano, composizione
Sarah Kershaw - piano, cori
Apollo violino - cori
Chloe Treacher - violoncello, contrabbasso, cori
Ollie Hipkin - percussioni

Il teatro è l’habitat naturale di Jamie McDermott e dei suoi The Irrepressibles. La loro musica, definita da molti critici baroque-pop, si sposa perfettamente con uno spazio scenico come quello teatrale, dove il pubblico è seduto come se stesse in chiesa o in una sinagoga ad assistere a un rito sacro.

“Nude: Viscera”, il nuovo concerto della band britannica, è un live che può dare il meglio di sè proprio in questo tipo di contesto, e infatti l'obiettivo è stato assolutamente raggiunto (va sottolineato che non sempre i musicisti a teatro riescono ad esprimersi appieno; non tutta la musica può adattarsi ad un luogo del genere, col risultato che certi artisti possono apparire talvolta in questa cornice la pallida copia di se stessi).

A differenza delle esibizioni live del passato, in cui la musica rischiava di passare in secondo piano, rispetto ai troppi orpelli scenici delle performance del vulcanico McDermott, gli Irrepressibles hanno scelto questa volta la sobrietà. Perciò niente balletti, travestimenti, maschere della commedia dell’arte oppure pompose orchestre a colorire la scena. Il frontman degli Irrepressibles è stato accompagnato soltanto da altri quattro musicisti e da una luce scenica che a volte si faceva tenue e altre volte prorompeva in una vivacità luminosa, tutto a servizio delle sue confessioni intime, legate a un passato di bullismo omofobo di cui il cantautore britannico dichiaratamente gay non ha mai fatto mistero. Ovviamente a determinare questa scelta è stato anche il minimalismo dell'ultimo album "Nude" (2012), nettamente differente rispetto al precedente disco "Mirror Mirror" (2010) il quale sconfinava nel cabaret e nel recitativo stile operetta buffa.

L’inizio è molto rock’n’roll con l’energica “Not Mine” e con “Raise My Soul”, durante la quale i fantasmi di Nick Cave e Jeff Buckley si aggirano nei paraggi. La voce di McDermott alterna la sensualità e la decadenza del cantautore australiano all’ermafroditismo angelicale di Buckley. In “Now That My Lover Is Dead” Jamie McDermott è un Antony Hegarty più disperato e un Jeff Buckley che porta alle estreme conseguenze la sua vocalità, il canto si fa pianto. La platea risponde con un applauso caloroso. E’ ormai completamente ammaliata dalla musica degli Irrepressibles.

“Pale Sweet Healing” è la traccia più sensuale. La voce di Jamie McDermott è quella di un dandy inglese che declama le proprie poesie per sedurre l’ascoltatore e farlo innamorare di sè. “Change in Time” dà molto risalto al pianoforte e fa sì che la voce di McDermott diventi un tutt’uno con la band. “Two men in love” vede il cantautore inglese mettersi al piano e cantare il suo inno all’amore omosessuale. Il pubblico ne è rapito. Questa, oltre ad essere la traccia più conosciuta dell’album, e anche la più toccante. Così come “In This Shirt”, l’altro pezzo noto al grande pubblico: pelle d’oca dalla prima all’ultima nota.

Jamie McDermott si conferma non solo un grande vocalist, ma anche un ottimo attore, showman e performer. Durante il concerto ha più volte scherzato col pubblico, interrompendo delle canzoni (o per delle dimenticanze nell’esecuzione o per delle difficoltà col suono di una chitarra) ironizzando così sul suo personaggio e di conseguenza conferendo al suo show quell’umanità necessaria per avvicinarlo maggiormente al pubblico. Un artista terreno dunque e non un artistoide tormentato e lontano dai suoi simili. Meraviglioso.

 

Teatro Eliseo - via Nazionale 183, 00184 Roma
Per informazioni e prenotazioni: telefono (centralino) 06/488721, (botteghino) 06/4882114 - 06/48872222, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Orario spettacoli: martedì 16 ottobre ore 21


Articolo di: Giuseppe Sciarra
Grazie a: Giulia Di Giovanni, Ufficio stampa Romaeuropa Festival
Sul web: www.teatroeliseo.it - http://romaeuropa.net

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP