Surgery in concerto @ Brancaleone (Roma) - 04/05/2012

Scritto da  Sabato, 05 Maggio 2012 

Surgery in concerto @ Brancaleone (Roma) - 04/05/2012I Surgery spaccano il palco del Brancaleone per presentare in anteprima “Reset”, la nuovissima creatura in uscita su etichetta Altipiani. Daniele Coccia & Co. si confermano ancora una volta come realtà industrial metal a livello internazionale.

 

 

 

 

 

Assistere ad un concerto dei Surgery è molto di più che assistere ad un concerto. E’ performance, è assistere ad uno show di musica, costumi e spettacolo.

Daniele Coccia & Co. salgono sul palco del Brancaleone per presentare “Reset”, la nuova creatura in uscita per Altipiani. Il disco è stato anticipato da due singoli/Ep in free download: “Habitat” ed “Enemy Domine”.

A mezzanotte in punto, come nelle storie più cupe e spaventose, i Surgery iniziano il loro live, proprio dal brano che dà il titolo al disco: “Reset”.

L’atmosfera viene subito scaldata da tre nuovi brani: “Reset”, “Nel nome del fuoco” ed “Enemy Domine”: nel nuovo disco infatti trovano posto brani in italiano e in inglese. Un mix di ritorno alle origini, tenendo sempre presente la caratura internazionale che la band di Guidonia ha incisa nel DNA.

Arriva “Morituri te salutant” (singolo da “Non un passo indietro”) seguita dalla strabiliante “Elettroshock” (da “L’altra educazione”). Intanto sul palco la band è accompagnata dalle performance di Fabio “bellecosce” Ciccalè, che hanno come denominatore comune l’utilizzo di luci e lampade, sconfinando con lanci al pubblico di pagine di riviste pornografiche, maschere ad ossigeno, cannule e sangue.

Daniele Coccia & Co. in perfetta forma snocciolano un brano dietro l’altro, senza respiro, senza pause, con commenti col contagocce. “Nessun dogma” e “Habitat” incendiano la folla, mentre il nuovo “Eye For An Eye”… singolo subito!!!

Intanto vengono lanciati dal palco manciate di oggetti fluorescenti, mentre le voci di Daniele Coccia e Cristina Badaracco si intrecciano come nella migliore tradizione Surgery. Arriva la meravigliosa “Il Galeone” (da “Reset”) un brillante adattamento (su musica originale) dell’omonimo canto anarchico scritto da Belgrado Pedrini nel 1967. “Grandine” spacca i timpani (uno dei miei preferiti di sempre) e con “Stupida estate” si raggiunge l’orgasmo collettivo. Cristina Badaracco infiamma il pubblico con “Lamette”, la personalissima visione del successo di Rettore.

E’ passata più di un’ora, ma sembra passato un secondo.

Si chiude con “Fuck ‘Em All”, gran finale, delirante, con una serie di “vaffa” campionati dalle voci di scalmanati ragazzi sotto al palco.

Finito?

Maddechè.

Ancora un bis di tre brani, e poi Coccia e la band si congedano.

I Surgery ancora una volta hanno infiammato il loro pubblico e i nostri animi.

Ed io a loro…

…voglio cantare il mio profondo orrore AMORE.

 

 

 

 

 

SCALETTA

1. Reset

2. Nel nome del fuoco

3. Enemy Domine

4. Morituri te salutant

5. Elettroshock

6. The Metro

7. Nessun dogma

8. Habitat

9. Eye For An Eye

10. L’erba cattiva

11. Edipo re

12. Zombi

13. Siamo animali

14. Il Galeone

15. Fino all’ultimo respiro

16. Grandine

17. Non posso dormire

18. Stupida estate

19. Lamette

20. Totem e Tv

21. L’angelo

22. Bambole e champagne

23. Fuck ‘Em All

Bis

24. Enemy Domine

25. L’erba cattiva

26. Stupida estate

 

SURGERY sono:

Daniele Coccia - voce

Cristina Badaracco - voce

Dario Casadei - Chitarra

Daniele Antolini - Basso

Matteo Castaldi - Dj & Producer

Performer live: Fabio Ciccalè

 

Articolo di: Ilario Pisanu

Grazie a: Carlo Roberti - management

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP