SounDrome @ Stadio Olimpico (Roma) - 28/06/2012

Scritto da  Valentina Carradori Lunedì, 02 Luglio 2012 

SoundRome Stadio Olimpico (Roma)Si è svolta a Roma la prima edizione di SounDrome, organizzato da Studio EGA e Vizi Capitali:  dieci ore di musica in uno scenario insolito che ha visto la partecipazione di alcuni tra i più importanti DJ e artisti della scena mondiale: Tiësto, Sebastian Ingrosso, Max Vangeli, Ricky Romero, Pete Tong, Riva Starr, Crookers, Planet Funk, D. Lewis e gli artisti del Circo Nero.

 

 

Il 28 giugno, presso lo Stadio Olimpico, si è svolta la prima edizione di SounDrome, organizzato da Studio EGA e Vizi Capitali:  dieci ore di musica in uno scenario insolito che ha visto la partecipazione di alcuni tra i più importanti DJ e artisti della scena mondiale.

Tiësto, Sebastian Ingrosso, Max Vangeli, Ricky Romero, Pete Tong, Riva Starr, Crookers, Planet Funk, D. Lewis e gli artisti del Circo Nero si sono alternati sul palco e dietro alla consolle, suonando i loro successi più famosi e movimentando la (poca) folla presente, coinvolgendo tutti a ritmi esplosivi.

Luci colorate e videoinstallazioni hanno reso più magica l'atmosfera, colorando lo Stadio Olimpico e rendendolo ancora più affascinante.

Il pubblico ha dato data meno importanza alla manifestazione di quella che in realtà avrebbe meritato, vista la non numerosa partecipazione. Colpa della partita della Nazionale italiana di calcio prevista per la stessa sera o colpa di una scelta organizzativa sbagliata? 

Di sicuro non ha aiutato la scelta del giorno: periodo di esami di maturità e di esami universitari, giorno infrasettimanale e caldo torrido, hanno fatto si che molti appassionati hanno dovuto rinunciare a partecipare alla rassegna. E il costo del biglietto non era così accessibile: molti eventi di questa portata, in altre città, hanno costi nettamente inferiori. Ma il "colpo" più duro è arrivato dal calcio: nonostante il maxi-schermo presente all'interno, molti ragazzi hanno deciso di guardare la partita in altri luoghi. Nemmeno i colpi più duri di Sebastian Ingrosso sono riusciti a distogliere dal maxi-schermo i partecipanti, che sono tornati in pista soltanto al fischio finale della partita dell'Italia.

Buona l'organizzazione interna che prevedeva numerosi stand di bibite e cibo. Unico neo era l'impossibilità di raggiungere il palco, a meno che non si fosse acquistato un biglietto di costo superiore. 

Tuttavia la mancanza di un adeguato piano di trasporto pubblico connesso all'evento (navette esterne alla fine della manifestazione o comunque un servizio potenziato e indicazioni ai partecipanti), ha creato qualche disagio ai ragazzi giunti con i mezzi pubblici e costretti a tornare con i bus notturni.

Nel complesso l'idea è stata buona. Finora a Roma non erano mai stati organizzati eventi di questo genere, se non in piccole location o con la presenza di massimo uno o due artisti. La speranza è che questo evento sia solo l'inizio di qualcosa di più coinvolgente nel futuro della città di Roma.

 

 

 

 

Articolo di: Valentina Carradori

Grazie a: Ufficio Stampa Parole & Dintorni

Sul web: www.soundrome.it - www.facebook.com/sounDromeFestival - www.twitter.com/sounDromeFest

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP