Paolo Benvegnù in concerto @ Auditorium Parco della Musica (Roma) - 31/10/2014

Scritto da  Lunedì, 10 Novembre 2014 

“E a illudermi di apprendere la verità dagli uomini
e illudermi,
difendermi dalle pazzie degli uomini”

("Avanzate, ascoltate" – "Hermann", 2011)

L’ultimo viaggio di Paolo Benvegnù era al centro dell’uomo e lo abbiamo lasciato così, stanco e sereno dopo la corsa variegata, infinita e dolorosa di "Hermann" che fa esplodere il suo senso in "Avanzate, ascoltate".

 

La nave senza vento, nell’oceano senza fine, è tornata a navigare perché tutto quello che si può apprendere è che gli uomini non possono insegnare il mistero, il caso non si può che accettare. L’indagine emozionale si tinge ancora d’amore e, sul palco dell’Auditorium Parco della Musica, l’ex leader degli Scisma dà il via alle 23 tappe che accompagnano l’ascolto del suo "Earth Hotel". Guglielmo Ridolfo Gagliano alla chitarra, Marco Lazzeri alle tastiere, Luca Baldini al basso, Andrea Franchi alla batteria: questa la formazione dei Paolo Benvegnù; ma dimenticatela, perché più volte si vedrà uno scambio di strumenti e postazioni per arrivare in cima, in alto, a sfiorare il tetto di questo hotel dove chi tende la mano sfiora galassie inesplorate, asteroidi senza nome, supernovae luminescenti.

Da questa Via Lattea, di sedili e legni scelti da Renzo Piano, è possibile perdersi senza riserve, nella voce di questo cantautore che da sempre non ottiene i giusti riconoscimenti e che, instancabile, continua a regalare fiori di pura poesia, petali scelti, ambientazioni da visitare seguendo la guida inestricabile all’ascolto. Non è difficile caratterizzare l’amore dei fan per l’artista che, prima di essere definito tale, ricorda la sua essenza di uomo ad ogni passo. E ogni passo è gentile, elegante e macigno al tempo stesso, tipico di chi non lascia la vita scorrere sul letto di un fiume ma la attraversa e decide di annegare, di nuotare e di dissetarsi. Le danze si aprono nello Spazio Profondo, Waldorf Astoria Towers, New York. Settantesimo piano. Camera 437. Punti luce negli angoli accesi.

L’uomo guarda dall’ampia finestra e Benvegnù canta di uno spazio in cui non si vede niente perché si è troppo in alto e parliamo d’amore, sì, parliamo ancora d’amore, parliamo spesso d’amore e precipitiamo in ambienti artificiali per farci male. De Chirico in un centro commerciale. È naturale l’innaturale. L’attenzione dei presenti è totale, solo l’applauso di benvenuto spezza il silenzio. Si prosegue velocissimi a bordo di un razzo per almeno venti tracce di seguito. "Avenida Silencio", "Feed the destruction", incursioni e ripescaggi come "Quando passa lei" da "Piccoli Fragilissimi Film" del 2004 e poi  c’è spazio anche per i miracoli. Dopo l’elettrico, l’affiatamento, l’ottimo set, è il momento di "Orlando" dove, a detta di Paolo, la band lo abbandona e lo lascia suonare da solo. Voce e chitarra e poi i compagni fidati tornano per aggiungere pathos ed eccola la canzone della nuova epoca:

"(…)
Cos'è la vita, se non amarsi?
Cos'è la vita, se non proteggersi?
Cos'è la vita, se non cercarsi sempre?
Cos'è la vita?

È un nuovo giorno
il giorno in cui avrò cura di te
e se vorrai svegliarti
vedremo il sole sorgere
e la notte cadere giù dalle autostrade
e non chiedermi nulla
perché non saprei rispondere
perché tutto è un mistero da non rivelare
perché tutto ci parla senza farsi vedere
così tutto mi parla di te
ogni cosa mi parla di te
e i tuoi fiori mi abbracciano
e le tue labbra si schiudono
così tutto mi parla di te
ogni cosa mi parla di te. (…)"

Come un rinnovato Cesare Pavese, i cerchi nell’acqua non svaniscono ma diventano la chiusura perfetta di quasi due ore di musica. Imperdibile, insostituibile, indimenticabile: questo è un live di Paolo Benvegnù. E tenera è la notte di una fine di ottobre romana dove si incontra il cantante nel ristorante a fianco. Dopo la stanchezza, la frenesia - sotto le stelle - c’è tempo per chiacchiere e autografi e sempre ce ne sarà per i sorrisi.

 

Articolo di: Alessandra Cristofari
Foto di: Rosa Paolicelli

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP