Nicola Piovani, Concerto in Quintetto @ Villa Pamphilj (Roma)

Scritto da  Venerdì, 06 Luglio 2012 
Nicola Piovani

Nicola Piovani porta sull’ambito palcoscenico dell’affascinante rassegna di musica, danza e teatro di Villa Pamphilij il suo ultimo lavoro: ‘Quintetto’. Un concerto per cinque voci per reinterpretare le migliori musiche composte dall'autore, nel corso degli anni, per il cinema, il teatro, i cantanti, la televisione. Il quintetto è composto, oltre che da Piovani al pianoforte, da Andrea Avena al contrabbasso, Marina Cesari al sax e al clarinetto, Pasquale Filastò al cello e alla chitarra, e Cristian Marini alla batteria e alla fisarmonica.

 

 

Ha qualcosa di magico la serata a cui ho appena avuto la fortuna di assistere.

Magica per l’ambiente che le ha fatto da cornice, ossia quello offerto dai rigogliosi giardini di Villa Pamphilij, il cui fascino è arricchito dal gioco di luci ed ombre ricreato tra archi, pini e palme.

Magica per i protagonisti, cinque bravissimi musicisti intenti a concertare un vero dialogo tra i propri strumenti, un dialogo tra pari, in cui le note pizzicate, percosse, arpeggiate o soffiate trovano proprio spazio ed autonomia amalgamandosi al contempo con la partitura generale.

Magica per la scelta dei brani, che sembrano suggerire un percorso intimo, come un racconto fatto sottovoce. Brani che ripercorrono a grandi linee la storia compositiva di Nicola Piovani, indiscutibile genio della musica in tutte le sue forme di espressione, perfetto padrone dei tasti bicolore del pianoforte, indubbiamente l’elemento dominante dell’intero spettacolo.

Magica per l’arrangiamento operato dallo stesso pianista, che rende ancora più ‘cantabili’ ed ‘italiane’ le punte di diamante del proprio repertorio, attingendo ad una grande varietà di differenti forme di comunicazione e periodi storici.

Si inizia con la classica serie cinematografica, capitanata da “Il pianino delle meraviglie” scritto per il film “Good Morning Babilonia” dei fratelli Taviani, che, con gli assoli di sassofono e di pianoforte, ricorda molto il ritmo del ragtime, per poi proseguire con “Caro Diario” dell’omonimo film di Moretti, un adagio per pianoforte, ed infine concludere con “Ciliegine” scritto per il recentissimo film che ha visto Laura Morante (tra l’altro presente alla serata) al suo esordio come regista. Il filone cinematografico viene così abbandonato e ripreso solo in seguito per l’esecuzione dell’immancabile “La vita è bella”, colonna musicale del film che ha regalato il Premio Oscar a Piovani.

Il posto viene così lasciato alla musica d’autore con due brani scritti per essere cantati da Fabrizio De André, primo e forse unico ‘musicista libertario’ a detta di Piovani: “Non al denaro non all’amore né al cielo” e “Storia di un impiegato”.

Nemmeno la televisione viene tralasciata: infatti, viene eseguita la colonna sonora scritta da Piovani nel 2009 per la celebre trasmissione televisiva AnnoZero condotta da Michele Santoro.

Presto si fa il turno del teatro, forma d’arte ‘dal vivo’ tanto bistrattata nella realtà attuale, ‘insignificante’ come riportano le parole sarcastiche del pianista: il brano si intitola “La melodia sospesa” e si tratta di un ‘canto senza parole’ scritto per un assolo di sassofono all’interno dell’opera teatrale “La cimice”, un brano lasciato sospeso ed aperto alla molteplice interpretazione dell’ascoltatore.

Il clou dello spettacolo, sia per la verve musicale che per l’ars oratoria di Piovani, che si dimostra ancora una volta semplice ed ironico, viene raggiunto con le composizioni ispirate alla mitologia greca, in particolare ai miti di Icaro e Narciso, così remoti eppure così attuali, anche grazie alla nuova luce data dall’estro multiforme del compositore.

Purtroppo la performance volge al termine ed il cerchio si chiude: si ritorna al cinema, con la commemorazione accorata del re dei registi, nonché simbolo del cinema italiano nel mondo: “La voce della luna” dell’omonimo film di Federico Fellini. Le parole di Benigni: “Eppure io credo che se ci fosse un po' più di silenzio, se tutti facessimo un po' di silenzio, forse qualcosa potremmo capire”, riecheggiano nell’aria, spingendo a riflettere sulla reale importanza del silenzio, inteso come assenza di rumori e di ‘musica passiva’, ma anche come assenza di informazione non controllata, di caos mediatico.

Con questo pensiero Piovani ci lascia, ma non prima di averci deliziato con un ultimo brano, che restituisce la giusta dignità da solista a ciascuno dei cinque musicisti; si tratta di un brano scritto per un film francese mai uscito nelle sale, il cui titolo è “Le code a changé”.

Il pubblico, quello ‘insignificante’ delle platee, applaude entusiasta. E non potrebbe davvero essere altrimenti per un uomo che, con il suo innegabile talento, la sua simpatia, l’oculata scelta variegata dei brani da proporre, è riuscito a fare di queste due ore passate insieme un piccolo gioiellino da conservare.

 

Componenti del Quintetto:

Nicola Piovani: pianoforte

Marina Cesari: sax e clarino

Pasquale Filastò: violoncello e chitarra

Andrea Avena: contrabbasso

Cristian Marini: batteria, percussioni, fisarmonica

Programma

Poeta delle ceneri

(su una poesia di Pier Paolo Pasolini)

Il pianino delle meraviglie

Caro Diario (adagio)

Ciliegine (prima esecuzione assoluta)

Suite De André

(Non al denaro, non all’amore né al cielo- Storia di un impiegato)

Annozero

La vita è bella

Il volo di Icaro

La cantata del fiore

La voce della luna

1h 40’ senza intervallo

 

Teatro Villa Pamphilj - via di San Pancrazio 10, Roma (largo antistante la Casa dei Teatri)

in caso di maltempo gli spettacoli si svolgeranno al Teatro Vascello, via Giacinto Carini 78

Per informazioni e prenotazioni: telefono 06/5816987 – 339/8041777, mail info@iconcertinelparco

Biglietti: primo settore intero 18 €, ridotto 16 €; secondo settore intero 13 €, ridotto 10 €

Spettacolo 7 luglio: bambini al di sotto di 8 anni ridotto di favore 2 €

Concerto 28 luglio: primo settore intero 25 €, ridotto 22 €; secondo settore intero 20 €, ridotto 18 €

Diritti di prevendita: tutti gli spettacoli I settore 2 € - II settore 1,50 €

28 luglio: I settore 2,50 € - II settore 2 €

Vendita in loco tutti i giorni dal 26 giugno

ore 16 - 19 acquisto biglietti

ore 20 - 21.15 solo spettacolo della serata

Info botteghino 06-96.66.83.88

 

Articolo di: Serena Lena

Grazie a: Ufficio stampa Marina Nocilla e Maurizio Quattrini

Sul web: www.iconcertinelparco.it

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP