Ministri in concerto @ Black Out (Roma) - 15/03/2013

Scritto da  Mercoledì, 20 Marzo 2013 

Apre al Black Out di Roma il nuovo tour dei Ministri in occasione dell'uscita del disco “Per un passato migliore”. Due parole lo definiscono pienamente: bolgia infernale.

 

 

 

 

Il loro disco è uscito da meno di una settimana nei negozi e online, mancavano dal palco da più di un anno ed il riscontro è chiaro sin dalla partenza: sold out e show interrotto per 10 minuti alla 3a canzone per la tanta affluenza in un locale troppo piccolo o semplicemente inadatto. Sono questi i risultati del ritorno sul palco dei Ministri in un atmosfera che dire calda è un eufemismo: fuori il termometro segna -1 mentre dentro ci saranno stati 25 gradi, come minimo.

 

La uscita recente del disco non ha impedito ai fan di cantare tutte le canzoni a scuarciagola, sovrastando in volume la potente ma stavolta provata voce di Divi, sovrastandola totalmente (strumenti compresi) nei brani più celebri. 2 ore di un concerto eclatante su molti punti di vista, primo tra tutti il rapporto tra gruppo e fan.

 

Il gruppo è fortemente legato ai propri sostenitori, vero e proprio motore del live, e lo dimostrano l’attaccamento, le premure e l’atteggiamento confidenziale e fraterno con cui gli artisti si rivolgono loro: il lancio continuo di bottigliette d’acqua anche a danno della propria provvigione, gli intermezzi tra un brano e l’altro, oltre al filo diretto che, attraverso la pagina Facebook, lega i Ministri al proprio pubblico è un aspetto molto raro da ritrovare in altri gruppi a livello mondiale.

 

Tutto questo è a vantaggio di uno spettacolo carico di un’energia costante e nuova, dove la rabbia ed il risentimento per una situazione frustrante e comune, non sfocia nel desiderio di distruzione, peculiare del movimento Punk, ma in un moto verso un moderno Rinascimento incoraggiato in più battute da moltissimi testi dell’autore e chitarrista Federico Dragogna: Per un Passato Migliore, per esempio, sembra emblematicamente racchiudere lo spirito della band che esorta a lavorare non per una meta da raggiungere ma per una più vicina, a meno che non sia una missione che ci suggeriscono a vantaggio dei nostri figli, per i quali dovremmo per forza aspirare ad “un passato (il loro) migliore (del nostro)”.

 

Dopo giorni, il Black Out di Roma starà ancora tremando per il concerto di apertura del nuovo tour dei Ministri, i quali hanno regalato agli accorsi ed al loro zoccolo duro, un concerto potentissimo che difficilmente verrà dimenticato. Per la serie: chi ben comincia, è a metà dell’opera.

 

Post scriptum: Al consueto banchetto, i ministri vendono i propri dischi a 10€, 12€ per quello nuovo e UN SOLO EURO per il poster. Queste sono scelte da vere super star. Bravissimi!

 

 


SCALETTA
1. Stare Dove sono
2. Mammut
3. Il Sole
4. I Nostri Uomini Ti Vedono
5. Comunque
6. Caso Umano
7. Gli Alberi
8. La Pista Anarchica
9. Una Palude
10. Tempi Bui
11. Spingere
12. Diritto Al Tetto
13. Non Mi Conviene Puntare In Alto
14. Il Bel Canto
15. Le Nostre Condizioni
16. La Mia Giornata Che Tace
17. Noi Fuori
18. Abituarsi Alla fine

 

MINISTRI sono:
Davide “Divi” Autelitano - voce e basso
Federico Dragogna - chitarra, seconda voce
Michele Esposito - batteria
F Punto (Filippo Cecconi) - tastiera e seconda chitarra

 

Articolo di: Giovanni Villani
Grazie a: Francesca Caporilli - Ufficio Stampa e Promozione BIG TIME
Sul web: http://www.iministri.com/ - http://www.myspace.com/ministri/ - http://www.facebook.com/pages/I-Ministri/24621610686

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP