Marco Notari & Madam live @ Spazio Novecento (Roma) - 29/10/2008

Scritto da  Andrea Cova Sabato, 01 Novembre 2008 

In una serata in cui una incessante e violenta pioggia autunnale sferzava la città eterna, una scarica di emozioni, adrenalina ed energia ha travolto i fortunati che hanno potuto assistere al concerto di presentazione di uno degli album più sorprendenti di questo ultimo scorcio d’anno: “Babele” di Marco Notari è un concept-album di grande spessore artistico che conquista sempre più ad ogni ascolto.

 

Serata assolutamente perfetta quella tenutasi allo Spazio Novecento di Roma, spazio espositivo estremamente elegante e recentemente teatro degli eventi più prestigiosi e mondani della capitale: stavolta l’occasione è quella di celebrare il talento di uno dei giovani cantautori più promettenti dell’attuale panorama italiano, il torinese Marco Notari. Il suo secondo album di studio “Babele” si tratta indiscutibilmente di un gioiello di musica pop-rock d’autore che conquista per capacità di rapire i sensi alternando episodi di struggente romanticismo a taglienti incursioni sonore all’insegna di un’energia rock viscerale ed incontenibile. Il tutto accompagnato da un gusto raffinato per la melodia e da non comuni doti compositive nella stesura dei testi: grazie al talento poetico di Notari pochi semplici versi consentono di delineare i ritratti dei due protagonisti di questo concept-album, Lucia e Cristiano, le cui vicende esistenziali assurgono ad emblemi di profonde verità e tematiche che coinvolgono l’umanità tutta, con un gusto che si potrebbe quasi definire espressionistico.

Lo showcase romano ha permesso al cantautore di presentare al proprio pubblico alcuni dei brani estratti dal suo lavoro discografico di prossima pubblicazione, oltre ad alcuni dei suoi successi più conosciuti racchiusi nello straordinario album d’esordio “Oltre lo specchio” di un paio d’anni fa. Accompagnato dai Madam, band che condivide il suo itinerario artistico sin dai primi passi, Marco Notari ha incantato e convinto il pubblico romano con interpretazioni di grande pathos e suggestione, con una sapiente miscela di tecnica ed espressività che sono chiara testimonianza del raggiungimento di una notevole maturità artistica.

L’apertura è affidata alla eccezionale titletrack “Babele”, atmosfera cupa e una straripante intensità sonora che veicola un grido, quello dell’umanità la cui storia continua immancabilmente a seguire i medesimi percorsi. Il timbro originalissimo del cantautore, con le sua peculiare caratteristica di pronunciare le vocali estremamente aperte, rende il suo modo di intonare ogni singolo verso ancor più originale ed accattivante. Appena terminata questa ruvida ed impetuosa ballata rock, ecco partire immediatamente il riff di chitarra del singolo che ha imperversato nell’etere radiofonico la scorsa estate, quella “Io non mi riconosco nel mio stato” in cui Notari sagacemente gioca con il duplice significato della parola “stato”, visto da un lato come istituzione sociale e politica verso la quale si è irrimediabilmente smarrita la fiducia e dall’altro come la condizione umana della mediocrità borghese dalla quale il cantautore rifugge con altrettanta convinzione.

Particolarmente struggente ed emozionante la ballata “Lucia ha una pistola” in cui viene affrontato il tema, sempre più di scottante attualità, del suicidio, visto dalla protagonista Lucia come unica via per alleviare le proprie pene esistenziali: il crescendo di chitarra e batteria al termine del brano, con la ripetizione insistita sino allo sfinimento del titolo, lascia il pubblico pervaso da una sensazione di sgomento, che spinge alla riflessione e conquista cuore e mente dell’ascoltatore. Altrettanto sublimi sono anche “Piuma”, in cui un sound aggressivo concede spazio alla dolcezza della melodia nel ritornello per rivendicare il desiderio dell’essere umano di liberarsi dall’opprimente grigiore quotidiano e concedersi la leggerezza di una vita serena e del sentimento d’amore vissuto in pienezza ed armonia, la delicatissima “Su un treno che muove verso il nulla” (incipit del sogno di Cristiano) in una soave interpretazione pianoforte e voce, la funkeggiante ed ironica “La mia vita è un investimento sicuro” e la splendida “Porpora”, che, attraverso una visione onirica, porta del sollievo alla protagonista Lucia dissuadendola dai propositi suicidi.

Come precedentemente accennato, non è mancata l’opportunità di ascoltare anche alcuni dei brani più rappresentativi del repertorio passato di Marco Notari: dalla lacerante “Lamento d’inverno” ai pregiati singoli di chiara matrice pop-rock “Ninfee” ed “Automi”, dalla toccante “Elisewin” a “Un bacio falso”, cover del cantautore Garbo inserita alla fine del 2006 nella compilation che ne ripercorreva la carriera attraverso le voci dei principali esponenti della scena alternativa italiana, sino a concludere con una sensazionale interpretazione di “Hotel Supramonte”, cover di Fabrizio De Andrè rivestita del fascino entusiasmante del sound notariano.

Le carte per ambire ad un più che meritato successo ci sono veramente tutte: Marco Notari, oltre ad essere un talentuoso compositore, sa dominare perfettamente il palcoscenico donando emozioni e brividi a profusione, superando egregiamente la prova live. Gli auguriamo pertanto che il nuovo album “Babele” sancisca la sua definitiva consacrazione aprendo le porte ad una carriera e ad una maturazione artistica sempre in ascesa. Nel frattempo vi segnaliamo le date dei suoi prossimi appuntamenti live, assolutamente da non perdere!

 

NOVEMBRE 08

02.11.08 For Sale (Piacenza)  con Edoardo Cerea  www.myspace.com/forsale

20.11.08 Contestaccio (Roma)   www.myspace.com/contestaccio

21.11.08 Morgana (Benevento)  www.myspace.com/morganazone

22.11.08 TBC Napoli

23.11.08 Teatro Comunale (Eboli - SA) 

27.11.08 Madamadorè (Forlì)

28.11.08 M.E.I. (Faenza) www.audiocoop.it

GENNAIO 09

23.01.09 Zion Rock Club (Conegliano Veneto - TV)  www.myspace.com/zionrockclub

31.01.09 Cinema Vekkio (Corneliano d’Alba - CN)  www.myspace.com/cinemavekkio

FEBBRAIO 09

20.02.09 Arci Taun (Fidenza - PR)

 

Videoclip di Io non mi riconosco nel mio stato

 

Videoclip di Automi

 

MARCO NOTARI & MADAM sono:

Marco Notari: voce, chitarra acustica, fender rhodes, chitarra elettrica

Ghego Zola: chitarra elettrica, fender rhodes, chitarra acustica, cori

Roberto Sburlati: basso, chitarra acustica, cori

Pax Caterisano: batteria

Andrea Bergesio: fender rhodes, tastiere, programmazioni

 

Articolo di: Andrea Cova

Recensioni correlate: Babele

Grazie a: Roberto Sburlati, Ufficio Stampa Libellula Booking

Sul web: www.marconotari.ithttp://www.myspace.com/marconotari

 

TOP