La Musica Nelle Aie @ Castel Raniero (Faenza, RA) - 10/05/2015

Scritto da  Venerdì, 15 Maggio 2015 

Catalogare La Musica Nelle Aie semplicemente come rassegna musicale è estremamente riduttivo.

Si tratta di una tre giorni di totale immersione di folk al quadrato, il folklore rappresentato in ogni sua forma, dal cibo, alla musica alla convivialità, incluso lo spirito di aggregazione e la sfrenata voglia di far festa e stare in allegria. Tre giorni che raggiungono il loro apice nella domenica pomeriggio, quando in un percorso di circa 5 km, disseminati nelle Aie delle case presenti, si esibiscono una ventina di gruppi, tutti con il folklore come comune denominatore. Per quanto mi riguarda La Musica nelle Aie, da diversi anni, è un appuntamento da non perdere. In questa edizione, è diventato un appuntamento fisso anche per tante altre persone, un serpentone di gente interminabile ha affollato il lungo percorso, complice la splendida giornata di sole, complice la voglia di stare all'aria aperta, oppure semplicemente ascoltare buona musica, ballando e divertendosi, fatto sta che l'affluenza è stata da record.

La particolarità di questo fest è anche nel target dei partecipanti, che è quanto mai eterogeneo: si parte dai bambini di tutte le età, per arrivare fino ai nonni passando da giovani di ogni estrazione sociale e gusti musicali, mi rallegra sempre vedere in una stessa rassegna ragazzi con magliette che vanno dai Motorhead ai Ramones, ai Rancid, passando per i Modena City Ramblers, finendo con gli Stato Sociale. Forse è proprio questo il segreto, La Musica Nelle Aie è un festival in grado di mettere daccordo tutti. La chermesse è stata vinta dai Swingari che si sono aggiudicati il premio della critica e il premio Musica nelle Aie, un quartetto di musicisti con la 'emme' maiuscola che con clarinetto, chitarra, contrabbasso e batteria hanno sfoggiato una tecnica sopraffina fuori dal comune.

Gli Obelisco Nero, invece, si sono aggiudicati il premio dato dal pubblico, una folle band di musicisti altrettanto bravi in grado di giocare con le note e far divertire tutti con il loro atteggiamento scanzonato, irriverente e goliardico, non a caso la classifica delle giuria vede gli Swingari al primo posto al secondo gli Obelisco Nero, mentre la classifica dei votanti del pubblico vede al primo posto gli Obelisco Nero al secondi i Swingari, penso sia la prima volta che ciò accada. In conclusione: ci si può permettere il lusso di perdere l'annuale appuntamento con il buon cibo, la buona musica e l'allegria? Credo proprio di no.


Articolo di: Alberto Naldini

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP