Garbage in concerto @ Postepay Rock in Roma (Roma) - 12/07/2012

Scritto da  Venerdì, 20 Luglio 2012 

Meno di 1000 spettatori non hanno demoralizzato i Garbage in concerto al Postepay Rock in Roma, nel loro primo concerto romano in 20 anni di carriera. Anzi.

 

 

 

L’arena di Capannelle non è mai stata (forse) così deserta in una serata del Postepay Rock in Roma come in questo caso. La sensazione, nonché il colpo d’occhio, è veramente triste e non rende onore al lavoro e all’organizzazione di questa grande manifestazione romana e all’offerta che essa propone.

È stata una mossa azzardata assegnare una serata così grande ai Garbage, gruppo (forse) poco conosciuto in Italia? Ci sembra molto strano, quando la band di cui stiamo parlando, festeggia quest’anno i 20 anni di carriera; può essere definita in molti modi ma non sconosciuta, basti pensare che la batteria è suonata dalle mani che hanno realizzato Nevermind, mica pizza e fichi (Butch Vig è stato produttore oltre che dei Nirvana, anche degli Smashing Pumpinks e dell’ultimo dei Foo Fighters, ndr); gli statunitensi Garbage sono sempre cresciuti e si sono consolidati al limite del mainstream, realizzando parecchie hit arcinote come Cherry Lips e totalizzando diversi risultati positivi, non ultima la possibilità di prestare la propria musica per The World Is Not Enough, film del 1999 di 007.

Non proprio degli illustri sconosciuti, quindi, che però in questa occasione arrivano per la prima volta a Roma; sia tramite Twitter che dalle chiacchiere tra un pezzo e l’altro, la bellissima cantante, dagli impensabili 46 anni, Sherley Manson, nei panni di una moderna e grintosissima Eva Kant, non perde occasione per elogiare ed entusiasmarsi per aver finalmente visitato la città eterna.

Roma non ha contraccambiato l’attenzione dei Garbage.

Da veri professionisti quali sono, quasi noncuranti delle poche centinaia di fan, belli larghi e comodi ma senza meno elettrizzati nel parterre, il gruppo ha da subito calcato il piede sull’acceleratore proponendo un’ora e mezzo di live fenomenale, dalla scenografia molto essenziale ma molto energico, in bilico tra elettronica, rock e pop.

I classici di tutta la carriera non si sono fatti aspettare, pur prestando maggiormente attenzione all’ultimo album Not Your Kind of People, uscito nel maggio del 2012 dopo sei anni pieni di mancanza.

Se qualche pezzo è sfuggiva alla scaletta, la spiritosa “front – woman” ha ovviato interpellando il pubblico con bis a richiesta, improvvisandoli direttamente in scena accompagnata dai compagni divertiti, sfidando il fuori programma ma soprattutto la memoria dei testi non proprio perfetta: “è quello che succede quando scrivi centinaia di canzoni in tanti anni” per citare le sue parole. Prima d’ora, una simile pratica ci era capitata davanti agli occhi solo con quel pazzo di Stefano Bollani, illustre pianista che per concludere i propri concerti chiede al pubblico, quasi fossero delle ordinazioni in pizzeria (con blocchetto alla mano, ndr), canzoni e sigle dei cartoni animate, da mescolare in un folle medley.

L’ottimo concerto però non distoglie l’attenzione dal poco pubblico, ripensandoci a mente fredda: quali possono essere i motivi di tale flop? I Garbage sono poco conosciuti? Il biglietto era troppo caro? La Crisi non ha raggiunto anche il settore dei live?

Chissà, resta il fatto che gli assenti si sono persi un grande concerto di una grande band. Peccato.

Speriamo di non dover aspettare altri 20 anni prima di rivedere Shirley e compagnia dalle parti della Capitale.

 


SCALETTA

1. Automatic Systematic Habit

2. I Think I'm Paranoid

3. Shut Your Mouth

4. Metal Heart

5. Queer

6. Stupid Girl

7. Why Do You Love Me

8. Control

9. Run Baby Run (fuori programma, suggerita dal pubblico)

10. Cherry Lips (Go Baby Go!)

11. Blood for Poppies

12. Special

13. #1 Crush

14. Man On a Wire

15. Big Bright World

16. Push It

17. Trip My Wire  (fuori programma, suggerita dal pubblico)

18. Cup of Coffee  (fuori programma, suggerita dal pubblico)

19. Vow

 

Encore:

20. Supervixen

21. Only Happy When It Rains

 

GARBAGE sono:

Butch Vig – batteria

Steve Marker – Chitarra e tastiere

Duke Erikson – Chitarra e tastiere

Shirley Manson - Voce

 

Articolo di: Giovanni Villani

Grazie a: Ufficio Stampa Daniele Mignardi Promopressagency

Sul web: www.garbage.com

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP