"Caro Faber. Roma Canta De André" @ Villa Ada (Roma), 28/06/2018

Scritto da  Sabato, 30 Giugno 2018 

Non poteva che commuoversi, e quindi mettersi a piangere, anche il cielo, in onore di uno dei suoi più illustri abitanti, Fabrizio De Andrè. E non poteva che sfidare perfino la pioggia il folto pubblico, tanta era la sua visibile voglia di ascoltare, di emozionarsi, di partecipare, perfino di scatenarsi a ballare: perché così si fa nelle feste, dopotutto. Una delle tante magie che si sono avverate nella serata "Caro Faber. Roma canta De Andrè", la più bella delle quali forse è stata proprio la presenza di tanti giovani. La dimostrazione che il linguaggio universale di un grande poeta raggiunge e coinvolge perfino chi lo ha scoperto solo dopo la sua scomparsa. Che possono "nascere i fior" pure dai risvoltini e dalle facce pitturate. Che esiste vita oltre l'indie.

 

Merito di un concerto che, oltre all'affascinante palcoscenico di Villa Ada, si è potuto giovare anche di una riuscita organizzazione. La scaletta, infatti, si è aperta e chiusa con i Faber Quartet: la tribute band ufficiale, capace di riprodurre impeccabilmente gli arrangiamenti (compresi quelli dello storico disco live con la Pfm) con i suoi strumentisti, e la voce con il cantante Marco Pinto, dall'inflessione tanto identica da risultare quasi inquietante, e che non tradisce minimamente le sue origini calabresi.

In mezzo, nel cuore della serata, spazio agli interventi più personali, le cover meno scontate. E così il cuore ha potuto saltare un battito con "La canzone di Marinella", nell'intensissima versione chitarra acustica e basso del duo Ilenia Volpe e Roberto Fasciani. E gli Hack ci hanno dimostrato che "Hotel Supramonte" può assumere perfino una veste elettronica: un esperimento coraggioso per quanto decisamente meno dinamico del precedente. De Andrè vive, insomma, nonostante i ripetuti tentativi di ammazzarlo da morto. Perché ancora nel 2018 c'è chi lo ha amato sempre, e ci dispiace per quelli che non lo hanno amato mai.


SCALETTA

Faber Quartet
1) Coda di lupo
2) Se ti tagliassero a pezzetti
3) Bocca di rosa
4) Creuza de ma
5) Via del campo
6) Un giudice
7) Canzone del Maggio
8) Disamistade
9) La città vecchia
10) La guerra di Piero

Ilenia Volpe con Roberto Fasciani
11) La canzone dell'amore perduto
12) Quello che non ho
13) La canzone di marinella

Hack
14) Hotel Supramonte
15) Amore che vieni, amore che vai
16) Inverno

Faber Quartet
17) Fiume Sand Creek
18) Andrea
19) Princesa
20) Dolcenera
21) Il testamento di Tito
22) La ballata dell'amore cieco
23) Geordie
24) Don Raffaé
25) Volta la carta
26) Pescatore
27) Il bombarolo


Articolo di: Fabrizio Corgnati
Grazie a: Gdg press
Sul web: www.villaada.org

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

TOP