La rassegna di teatro omosessuale del "Garofano Verde", ideata e curata da Rodolfo di Giammarco, compie vent'anni e promette un'edizione a dir poco galvanizzante. Tra gli spettacoli che saranno presentati nella suggestiva cornice del Teatro Argentina, il nuovo lavoro drammaturgico dell'ensemble ricci/forte, "Still Life (2013)". Osannati instancabilmente da un manipolo di sempre più numerosi e fedeli seguaci sia in patria che nel resto del mondo, ed al contempo bersaglio delle invettive acuminate della solita ostinata schiera di detrattori, Stefano Ricci e Gianni Forte affrontano il tema della strumentalizzazione e del mobbing psicologico identitario che tende alla repressione della fantasia e all'implacabile annientamento del diverso. Inizia sulle pagine di SaltinAria una marcia di avvicinamento a "Still Life (2013)": cinque interviste per cinque giovani e appassionati protagonisti. Iniziamo con Liliana Laera, sensibilità, talento e forza connaturati nel dna del sangue pugliese che le scorre fieramente nelle vene, coltivati con una determinazione incrollabile.

Il teatro della crudeltà della coppia cult Ricci/Forte nel bellicoso e ironico “Imitationofdeath” in scena a Teatri di Vita, venerdì 7 e 8 dicembre. Sedici attori travolgono i confini del teatro, in una polveriera di visioni ed emozioni ispirate a Chuck Palahniuk: una teatralità sempre più fisica e bellicosa, ironica e crudele, per una cerimonia funebre dell’adolescenza. E’ “Imitationofdeath”, l’ultima sfida della coppia “terrible” del nuovo teatro italiano, Ricci/Forte.

ImitationOfDeath

Dal 13 al 18 novembre. Dopo il debutto nell’ambito del RomaEuropa Festival, accolto dal consueto calore entusiasta del pubblico, la sferzante potenza drammaturgica del duo ricci/forte e l’incoercibile compagine di sedici impetuosi e appassionati interpreti protagonisti di “ImitationOfDeath” approdano a Milano, espugnando in maniera dirompente anche la prestigiosa cornice del Piccolo Teatro.

Giovedì, 01 Novembre 2012 17:06

ImitationOfDeath - Teatro Vascello (Roma)

Imitation of Death

“Dolcetto o scherzetto? Qui non c’è davvero niente da ridere”. Così apostrofano il pubblico le inquietanti e sofferenti creature protagoniste di “ImitationOfDeath”, nuovo lavoro drammaturgico di Stefano Ricci e Gianni Forte ed appuntamento indubbiamente tra i più attesi di questa edizione del RomaEuropa Festival. Attraverso un linguaggio performativo ed una costruzione teatrale assolutamente contemporanei, ci immergiamo senza sconti emotivi nelle atmosfere lisergiche ed acuminate evocate dai romanzi di Chuck Palahniuk. Al di là delle argomentazioni pretestuose ed aprioristiche di certa critica spocchiosa e della risonanza mediatica che sembra tramutare la loro arte in mero fenomeno di massa, ricci/forte ed il loro straordinario ensemble di giovani interpreti confermano la propria potenza espressiva inimitabile sferrando l’ennesimo colpo perfettamente assestato tra le incrinate certezze delle nostre coscienze.

Pagina 3 di 3
TOP