Laura Sales

Articoli di Laura Sales

Martedì, 08 Maggio 2012 16:26

La Trappola - Teatro Tor Bella Monaca (Roma)

La Trappola

“La Trappola” di Luigi Pirandello è forse la novella più marcatamente esistenzialista di questo autore: un uomo, Fabrizio, è in preda ai suoi pensieri ossessivi sulla vita, una vita che ai suoi occhi si presenta come una vera e propria trappola; una trappola che ingabbia l’uomo sia dal punto di vista corporeo che mentale, sottraendolo con l’inganno violento del concepimento al fluire dell’universo per incastrarlo nella gabbia di un corpo che inizia a morire, di una forma che tende a deteriorarsi dal giorno della nascita. Un’ossessione, quella della trappola, che si riflette su ogni aspetto della vita umana: la donna è una trappola, l’amore è una trappola, gli affetti sono una trappola, le emozioni, il contatto. Tutto è una trappola che conduce inevitabilmente alla morte; una morte che è libertà, inizio, ricongiungimento al continuo ed eterno fluire; una morte che come una luce sottrae alla forma ciò che non nasce per la forma, ma che alla forma viene condotto dall’atto egoistico del rapporto tra uomo e donna.

Tony Allotta

Un uomo, un ragazzo dei nostri tempi in preda ad una crisi esistenziale ed economica, nel tentativo di cambiare direzione alla propria vita prova a giocarsi l’ultima carta: il furto. Luogo prescelto: la sacrestia di una chiesa. Un ladro improvvisato, come i protagonisti di alcuni film “storici” della nostra tradizione cinematografica: la Magnani in “Operazione San Gennaro” e Totò nel film “Risate di gioia”.

Le relazioni pericolose

Dall’1 al 20 maggio. Il musical tratto dal romanzo epistolare “Le relazioni pericolose”, dopo aver toccato diverse piazze italiane, approda a Roma, alla Sala Umberto. Il testo conosciutissimo di Chloderlos de Laclos conserva inalterato negli anni il suo innegabile fascino, messo ancor più in evidenza dallo splendido adattamento teatrale di Christopher Hampton premiato nel 1989 con l’Oscar per la migliore sceneggiatura proprio per l’omonima versione cinematografica diretta da Stephen Frears.

Pietro Romano

Pietro Romano andrebbe conosciuto personalmente perché le parole scritte non rendono a dovere cosa e chi sia questo strano personaggio; un attore dalla grande energia e padronanza del palcoscenico. Un attore che per la sua spontaneità rapisce anziani e bambini. Attore amatissimo dal pubblico del Teatro Tirso di Roma, dove lo rivedremo in scena dal 16 maggio con “Lassateme passa’… so’ romano”.

Sabato, 28 Aprile 2012 23:01

Hate Mail - Forte Fanfulla (Roma)

Hate Mail

Il nuovo spazio teatrale del Pigneto ha ospitato, dal 26 al 28 aprile, nell’ambito del Festival Parabole tra i Sampietrini, lo spettacolo “Hate mail”: un uomo e una donna, due universi contrapposti, si conoscono a causa dell’ossessiva abitudine alla corrispondenza; una corrispondenza epistolare che con lo scorrere del tempo e l’avvento della tecnologia diviene email, chat…Un uomo e una donna, appartenenti a due ceti sociali differenti rompono i rispettivi schemi di vita, di essere e si uniscono in una relazione che ribalta i ruoli e i punti di partenza.

Intrattenimento violento

Dal 18 al 29 aprile. Tre attrici, tre caratteri differenti, tre linguaggi diversi, tre, sei, nove drammi messi in scena utilizzando un montaggio alternato tra realtà e astrazione. Il corpo viene usato come inconscio, testo scritto, azione, luogo, rapporto sessuale. Le donne e gli uomini rappresentati vivono tutti nell’eterno presente di un conflitto, un conflitto uomo-donna, un conflitto sociale. L’uso dello slang romano e dell’italiano si alternano, come si alterna il drammatico al satirico, il comico al poetico.

Ecuba

Dal 20 aprile al 6 maggio. Una Ecuba, quella di Francesca Benedetti, per la regia di Beppe Menegatti, rivista alla luce delle suggestioni surrealiste e metafisiche di Savinio e Böcklin, delle trasgressioni di Georges Bataille e dell’esistenzialismo sartriano. Una scenografia bellissima, imponente, simbolica e allo stesso modo realista incombe sulla scena, catturando gli occhi degli spettatori e accogliendo, nel gioco di pieni e vuoti, il racconto, il dispiegarsi della tragedia che si articola in un continuum di greco e moderno, come fosse un’unica grande storia dove il divenire non ha tempo; dove tutto inizia e accade a causa della nascita dallo stesso grembo.

Sabato, 21 Aprile 2012 12:19

Potestad - Casa delle Culture (Roma)

Potestad

Dal 17 al 22 aprile. Protagonista indiscussa di questo dramma è l’ossessione dell’uomo, del padre per i particolari, il gap della sua mente che torna sempre allo stesso punto, arricchendo e ricercando tutti i particolari possibili come se questo fosse l’unico vero modo di dimenticare, cancellare la verità. Una verità che ha una sua drammaticità nella storia del popolo argentino, dove ragazzi, ragazze, donne, uomini dai trent’ anni in su possono essere figli non di quelli che ritengono i loro genitori ma di altre madri e padri violentati, uccisi, torturati nei campi di concentramento. Un’esistenza può in un solo attimo prendere una strada diversa; la sola analisi del Dna può cambiare una vita e riscrivere una storia.

Massimo Recalcati - Elogio del fallimentoConversazioni su anoressie e disagio della giovinezza. Un libro conversazione; uno scritto eterogeneo intorno e sul tema dell’anoressia e dei disagi giovanili quello dello psicoanalista lacaniano Massimo Recalcati, “Elogio del fallimento”. Un vero e proprio viaggio nella società contemporanea e nella visione psicoanalitica dell’autore stesso rispetto ai temi a lui più cari.

Giovedì, 12 Aprile 2012 22:57

Paradiso - Teatro Olimpico (Roma)

Paradiso

Dall’11 al 22 aprile. “Paradiso”, ultimo atto della trilogia dedicata alla Divina Commedia di Emiliano Pellisari, chiude il Festival Internazionale della Danza 2012, in scena dallo scorso 6 marzo presso il Teatro Olimpico. Il giovane e talentuoso regista teatrale e coreografo propone per quest’ultimo mondo, certamente il più bello e poetico seppur forse il meno accattivante ed impetuoso, suggestive coreografie aeree dal forte impatto visivo.

TOP