Il celebre film di Pupi Avati arriva a teatro, con l’adattamento di Sergio Pierattini e la regia di Marcello Cotugno, portando in scena una metafora crudele della vita: il poker specchio dell’illusione dell’amicizia. Uno spettacolo che ferisce, anche se ci sono momenti di comicità gustosa, sempre intrecciati con il gusto amaro della vita. Interpretazione corale di profilo, con Gigio Alberti nella parte caricaturale del “pollo da spennare”, in realtà avvocato provetto e di magistrale astuzia. Avvolgenti e coinvolgenti la scenografia e il gioco delle luci con le pareti che cambiano secondo le atmosfere e un’immaginaria parete vetrata sul cortile. Una resa d’effetto e di grande modernità.

10 personaggi, 1 assassino-vendicatore nascosto tra loro, 10 morti: un rompicapo geniale nel più classico stile del mistery all'inglese. Per tre sere è andato in scena al Teatro Brancaccio “Dieci piccoli indiani... e non rimase nessuno!”, il capolavoro che Agatha Christie scrisse quasi 80 anni fa e che è tuttora il giallo più venduto in assoluto. Un'operazione di adattamento difficilissima ma ben realizzata, con un valido cast e il pregio di aver riproposto il vero finale della storia, quello più tragico e geniale.

Domenica, 19 Novembre 2017 16:00

La guerra dei Roses - Teatro Manzoni (Milano)

Al Teatro Manzoni di Milano va in scena fino al 26 novembre la lenta, dolorosa ma esilarante separazione tra i coniugi Rose, già interpretati al cinema da Michael Douglas e Kathleen Turner, ora da Ambra Angiolini e Matteo Cremon. Una commedia comica e crudele che, battaglia dopo battaglia, insulto dopo insulto, conquista e diverte il pubblico che ride e applaude a scena aperta e continuamente.

Domenica, 06 Dicembre 2015 22:20

Bisbetica - Teatro Quirino (Roma)

Dall' 1 al 20 dicembre. Una riscrittura, quella della Bisbetica Domata di Cristina Pezzoli, che tramite l’espediente metateatrale si concede di interrogare il testo e le sue possibilità interpretative. Un’operazione pop capeggiata da Nancy Brilli per proporre al pubblico anche uno sguardo sui “rapporti tragicomici che si generano tra gli attori durante le prove di uno spettacolo”.

Commedia atipica dall’ironia sottile che è soprattutto autoironia, dove l’inganno è di fatto rivolto a noi stessi. Al di là della trama, per altro non scontata, è la riflessione sulla fragilità umana che rappresenta la cifra caratteristica di questo testo: un’amara riflessione sul bisogno di illusione e la difficoltà pratica di conviverci che nella scena finale si dichiara. Interpretata con capacità e garbo, un’insolita pièce napoletana. Maurizio Micheli, Vito, Loredana Giordano e Alessia Fabiani in scena al Teatro Sala Umberto dal 15 al 27 settembre con "Un coperto in più" di Maurizio Costanzo con la regia di Gianfelice Imparato.

TOP