Dal 14 febbraio al 10 marzo. Il piacere del teatro, il piacere nel teatro. In quanti modi si può declinare la lussuria nella società contemporanea? Infiniti. Il Teatro Filodrammatici ha optato per una scelta colta e originale: ispirarsi al Girotondo di Arthur Schnitzler, l’ ‘enfant terrible’ che all’inizio del Novecento indignava l’Impero Tedesco coi suoi graffi alla morale borghese. È trascorso un secolo dalla prima a Berlino: il mondo è cambiato, certo, ma le dinamiche dei rapporti di coppia quelle sono. Cambia il linguaggio, lo stile di vita, la cornice in cui avvengono gli incontri, ma quella spinta interiore che porta due persone a conoscersi 'in senso biblico' rimane immutata nei secoli. Alice Francesca Redini e Tommaso Amadio sono i protagonisti di uno spettacolo completo, in cui la profondità delle tematiche trattate si sposa alla godibilità dell'allestimento. «Il pubblico che viene a vederci apprezza moltissimo. La gente torna portandosi dietro gli amici, il passaparola funziona. Siamo soli in scena ma ci trasformiamo così tanto che una signora, alla fine dello spettacolo, si è chiesta: “Bravi quei due, ma gli altri come mai non sono usciti a prendere gli applausi?”. Una vera soddisfazione, significa che siamo stati dei bravi Fregoli».

La vita è piena di coincidenze. Nell’immediato Dopoguerra recitava con Macario ne "Le educande di San Babila". Ora è proprio il Teatro San Babila ad accoglierla in questi giorni con "Gl’innamorati" di Goldoni. Che ricordo ha di quella Milano?
Ho un ricordo nitidissimo, certe immagini forti rimangono impresse nella memoria. La guerra era finita, ma Milano come sai aveva patito più di altre città gli orrori dei bombardamenti, perciò mostrava ancora i segni di quella terribile esperienza. Si avvertiva però nell’aria anche la voglia di ricominciare. Io poi ero una ragazzina, non avevo nemmeno 18 anni e sentivo l’entusiasmo di chi si affaccia alla vita. Dunque muovevo i primi passi nel palcoscenico, dopo aver superato faticosamente le resistenze di mio padre. Il quale alla fine cedette, ma a patto che avessi come accompagnatrice una governante.

Lo chiamano ‘Effetto Serendipity’: apparentemente la tua vita ha imboccato una certa strada ma poi, per una serie di circostanze casuali, ti ritrovi proiettato in un vortice imprevisto. Gisella è entrata nel vortice del teatro a 22 anni. Forse negli anfratti del suo animo covava la voglia latente di esibirsi davanti al pubblico, ma a livello cosciente non sentiva questa urgenza. Ciò che è certo, più che certo, è che negli anni la crisalide si è trasformata in farfalla multicolore. Il talento l’ha affinato spettacolo dopo spettacolo, accompagnato dalla convinzione, molto presente dentro di sé, che recitare è il mestiere più bello del mondo.

Come direbbe il Dr Frankenstein, gridando a squarciagola: SI PUO' FAREEE. Certo che si può fare un musical tratto dal celebre film di Mel Brooks. Anzi, si deve fare, tale e tanto è l'affetto che il pubblico da decenni riversa su questa storia. Personaggi rimasti nell'immaginario collettivo, battute rimaste scolpite nella mente: Frankenstein Junior, ormai, è patrimonio dell'umanità. Il talento, la simpatia, l'impeccabile professionalità della Compagnia della Rancia fanno il resto. Giampiero Ingrassia, formidabile mattatore del palcoscenico, ci racconta questa sua ultima esperienza. E sfoglia insieme a noi l'album dei ricordi di una carriera ormai trentennale.

Alessandro Salvatori è un giovane attore romano, ricco di entusiasmo e creatività, diviso tra la passione per il musical e quella per la commedia brillante all'italiana. Due istinti che si compenetrano alla perfezione nello spettacolo "In 2 sotto a 'na finestra" di cui è protagonista assieme ad Andrea Perrozzi, con il travolgente ritmo comico garantito dalla regia di Paola Tiziana Cruciani. Lo spettacolo, dopo il grande successo riscosso nella scorsa stagione, sarà in scena al Teatro Sette dal 29 gennaio al 10 febbraio. Ne abbiamo parlato con lui per scoprire qualche dettaglio in più su questo progetto divertente  e originale e sulle idee in cantiere per il prossimo futuro.

Arriva direttamente dalla Sicilia uno dei giovani talenti più poliedrici e originali della nuova generazione attoriale italiana: Luigi Tabita, dopo i successi riscossi ne “L’opera da tre soldi” di Brecht al fianco di Massimo Ranieri e Lina Sastri e nello shakespeariano “Come vi piace” diretto da Marco Carniti al romano Globe Theatre, sta per debuttare nel tempio della commedia musicale all’italiana, il Sistina, nello spettacolo “Una vita da strega” con Bianca Guaccero e Francesco Venditti. Tra la genesi della sua passione per la recitazione e i progetti in cantiere per il futuro, Luigi si racconta a trecentosessanta gradi svelando con entusiasmo il suo costante desiderio di cimentarsi in nuove avvincenti avventure artistiche.

TOP