Il celeberrimo musical di Broadway "Sunset Boulevard", basato sull'omonima pellicola di Billy Wilder e con le musiche di Andrew Lloyd Webber, approda nella magnifica Piazza del Popolo, come attesissimo evento di chiusura del Todi Festival 2014. La regia di questa prima produzione italiana è affidata a Federico Bellone e ne sono protagonisti due interpreti dallo scintillante carisma, Donatella Pandimiglio ad incarnare l'algida follia di Norma Desmond e Simone Leonardi nel ruolo dell'affascinante ed istrionico sceneggiatore Joe Gillis. A poche ore dal debutto abbiamo intervistato l'inarrestabile Leonardi che, oltre a svelarci alcuni interessanti dettagli della genesi dello spettacolo, ci racconta i suoi progetti futuri, diviso tra la regia del musical più atteso dell'autunno milanese, "Dirty Dancing" in arrivo al Barclays Nazionale di Milano, la drammaturgia contemporanea di Vuccirìa Teatro e nuovi ambiziosi progetti tutti da scoprire...

Il regista Enrico Maria Lamanna è stato due volte protagonista del Todi Festival 2014. In primo luogo la rassegna ha offerto l'occasione per celebrare i suoi 25 anni di carriera nella Sala delle Pietre - il luogo da cui il suo percorso ha avuto inizio con il musical "Nunsense" - in compagnia di numerosi attori ed amici, tra cui alcune delle sue muse, come Ornella Muti, Giuliana De Sio e Edy Angelillo. Ma soprattutto il Todi Festival è stato cornice quest'anno del debutto di "Vico Sirene", il suo nuovo lavoro, messa in scena di un testo inedito di Fortunato Calvino, con due protagonisti dalla viscerale potenza espressiva come Massimiliano Gallo e Francesco Di Leva. Un'umanità complessa e sofferente, quella dei "femminèlli" napoletani dei quartieri spagnoli, che regala allo spettatore cristalli di commozione, frammisti a istanti di una sferzante ironia inconfondibilmente partenopea.

Il giovane attore e drammaturgo napoletano Antonio Grosso incanta il Todi Festival 2014 con "L'Ipocrita", divertente e al contempo toccante monologo tratto dai racconti di Vincenzo Cerami, che pone pienamente in luce il suo istrionico talento recitativo ed una sensibilità e presenza scenica realmente fuori dal comune. Dopo le amatissime commedie "Minchia signor tenente", "Papà al cubo", "Giggino Passaguai", "Vicini di stalla" e "L'invisibile che c'è", il nuovo lavoro drammaturgico segna un deciso e promettente passo avanti lungo un percorso artistico sempre più luminoso e interessante.

Nella coinvolgente atmosfera del Todi Festival abbiamo incontrato Michela Andreozzi e Massimiliano Vado che, con la loro consueta carica di effervescente simpatia, ci raccontano la genesi del nuovo progetto teatrale "Ring", tratto dal testo dell'autrice francese Léonore Confino recentemente candidato al Premio Molière per il Teatro. Lo spettacolo ha debuttato al Palazzo del Vignola di Todi e, in un tourbillon di ironia e scoppiettanti trovate ad effetto, scandaglia con intelligenza e sensibilità tra le più recondite pieghe delle dinamiche affettive tra uomo e donna.

"Alla base dell'idea stessa del Todi Festival ed in particolare in questa edizione 2014, c'è un'urgenza di cultura. E ringrazio Jannis Kounellis per l'onore di aver realizzato il manifesto del Todi Festival 2014, con la luce magica di un corno ad indicare e suggerire il risveglio e la ribellione all'apatia e al conformismo...Nel Programma del Todi Festival 2014 c'è cultura perché proponiamo riflessioni su temi umani, sulla smania di potere e di denaro e la volgarità e il vuoto che ne deriva, sull'amore e, a volte, la difficoltà di amare, sulle emarginazioni, sui giovani e gli adulti, sulla sessualità...". Silvano Spada, direttore artistico del Todi Festival.

Graziano Sirci, attore, regista e direttore artistico del Teatro Civico di Norcia, ci svela tutti i dettagli dello spettacolo "Toh, quante donne!", attualmente in scena nella prestigiosa cornice del Festival di Todi. In questo progetto teatrale Sirci rivisita gli immortali personaggi che hanno costellato l'universo umoristico di Franca Valeri, affidandone l'interpretazione en travesti a Mauro Bronchi con cui aveva già avuto l'occasione di collaborare recitando accanto alle mitiche Sorelle Bandiera. Un progetto insolito e curioso, tra recupero della tradizione e spunti di accattivante originalità.

TOP