“The Red Line Archives” è il disco della desolazione e della disperazione, della definitiva deumanizzazione dell’opera musicale e della sua deliberata inaccessibilità. E’ la rottura col mondo, quello tangibile.

TOP