Josè Leaci - Redazione Musica (Roma)

  • Stampa

Josè Leaci, nato a Milano nel 1967, odia a tal punto la musica da voler entrare a tutti i costi nello star system per affondarlo, definitivamente, dall'interno. Nel tempo libero vive e lavora a Roma come giardiniere e portiere notturno. Ogni tanto scrive racconti, poesie, canzoni e critiche musicali che gli creano un vuoto pneumatico attorno. È quasi felice.

Io per la musica ho lasciato tutto. Ho abbandonato l'università, ho perso soldi, avanzamenti di carriera, sicurezze e solidità, forse anche qualche amico importante. Ma dentro quelli come me c'è il demone dell'arte che spinge ad ascoltare il suono (e il mondo) come se, quello che mandiamo giù, fosse cibo, energia, luce ed aria.

Scrivo e compongo da oltre vent'anni, ho studiato pianoforte e chitarra, ho frequentato un corso di copywriting ed uno di autore della parte letteraria. Sto ancora cercando una definizione di arte e sono sicuro che non la troverò mai. Probabilmente l'arte è una soltanto e la musica è solo un modo, fra tanti, di rappresentarla. A mio parere i generi non esistono, si possono fare differenze solo tra i ritmi e i gruppi di suono. Armonie e melodie sono comuni ad ogni tecnica e stile. E, siccome non c'è genio senza ibridazione, ben vengano gli autori che mischiano stili e idee come chef di rango, senza paura e senza limite alcuno.

Come ascoltatore mi definisco ingordo ed esigente. Con SaltinAria.it ho l'occasione di toccare in anticipo il talento di musicisti e gruppi che amano il mondo delle note quanto lo amo io, confrontandomi con tendenze e linguaggi che possono solo arricchire il mio personale bagaglio d'ascolto.

 

Joomla SEF URLs by Artio