Moneta internazionale – Un piano per la libertà del commercio e il disarmo finanziario, edito dalla casa editrice “il Saggiatore” e la cui cura e traduzione è di Luca Fantacci, riporta all’attualità un pensiero affascinante dell’economista britannico John Maynard Keynes.

In una vecchia intervista degli anni Novanta (si veda il numero di Febbraio 1995 della rivista CD Classica, alle pagine 28-30) alla domanda su come fosse nel corso degli anni cambiata la sua visione dei grandi della musica, Claudio Abbado rispose che:

Innanzitutto, devo premettere che, oggi come oggi non sono assolutamente soddisfatto delle mie vecchie incisioni di Mahler, per esempio: salverei solo quella della Settima, mentre la prima, incisa con la Chicago Symphony, la trovo troppo schematica. Adesso cerco di interpretarla in modo più libero, soprattutto nel trio del secondo movimento. In secondo luogo, c’è una naturale evoluzione nel mio modo di intendere Mahler, dovuta all’esperienza, alle tante esecuzioni; poi Mahler, come tutti i geni, consente sempre di scoprire particolari nuovi nelle sue monumentali opere.

La casa editrice il Saggiatore è lieta di segnalare che Jaron Lanier, autore de La dignità ai tempi di Internet, è stato insignito del prestigioso Friedenspreis (Premio della pace) per l'edizione 2014.

La rivoluzione digitale distrugge più posti di lavoro di quanti ne crei. Ci rallegriamo di scoprire che sul Web tutto è «gratis» e «open», o sta per diventarlo, ma nel frattempo l’economia dell’informazione concentra sempre più potere e ricchezza nelle mani di pochi. Mentre celebriamo le virtù democratiche di Internet, consegniamo il futuro ai colossi che controllano i server centrali e traggono immensi profitti dai dati che ri- cavano osservando le nostre vite. Sono i Server Sirena che, ammaliandoci con il richiamo del «free», ci imprigionano in una stagnazione economica perenne, con ricorrenti crisi fi- nanziarie e disuguaglianze sempre più gravi. Com’è possibile che le straordinarie innovazioni degli ultimi decenni abbiano generato un sistema così oligarchico e di- sumanizzante? Unendo lo sguardo del tecnologo a un’acuta sensibilità sociale, Jaron Lanier illustra come e perché le tec- nologie di rete cambiano le dinamiche del potere economi- co. E con esempi di folgorante potenza evocativa ci avverte: quando prenderanno piede stampanti 3D, infermieri robo- tici e veicoli autoguidati, la disoccupazione dilagherà anche nell’industria, nella sanità e nei trasporti! Eppure, una via d’uscita realistica esiste. Se è vero che sono le informazioni a creare valore e arricchire i Server Sirena, bi- sogna concepire un sistema in cui gli individui siano retribuiti per le informazioni che producono e condividono ogni giorno. Non è utopia, è una via d’uscita fondata sul recupero di una caratteristica già presente nelle prime reti: la bidirezionalità dei collegamenti. Spetta a noi decidere per una rivoluzione digitale che crei prosperità equamente diffusa, riconoscendo dignità alle persone.

Jaron Lanier è un pioniere dell’informa- tica, musicista e scrittore, famoso per il suo lavoro di ricerca sulla Realtà virtua- le. Ha contribuito allo sviluppo di startup poi acquisite da Google, Adobe e Oracle, e attualmente lavora a un grande proget- to, non ancora reso noto, per Microsoft Research. Nel 2010 Time lo ha inserito tra i cento pensatori più influenti del no- stro tempo. Il suo primo libro, Tu non sei un gadget (Mondadori 2010), è stato un best seller internazionale.

€ 22,00
pp. 416 brossura

Fonte: Ufficio Stampa Il Saggiatore

Pagina 2 di 2
TOP