TERNIFESTIVAL festival internazionale della creazione contemporanea (18 > 27 settembre 2015) compie 10 anni e festeggia questo giro di boa con nuove sfide: anzi che compiacersi con torta e candeline si conferma come “a safe place for unsafe ideas” un approdo sicuro per nuovi interrogativi. Questa edizione speciale raccoglie e stimola nuove riflessioni sui cambiamenti registrati in questi dieci anni, ampliando lo sguardo dall’universo festival a uno scenario più vasto abbracciando nuove tendenze estetiche e processi di produzione, nuove chiavi di lettura di un decennio che ha rivoluzionato le definizioni di creazione, comunità, condivisione.

Teatri di Vetro, festival delle arti sceniche contemporanee, 8° edizione, dal 15 al 23 settembre 2014, programma la scena contemporanea italiana, teatro, danza, arte performativa, musica, processi di ricerca e definisce il proprio territorio estetico come un paesaggio in cui convivono una pluralità di linguaggi e formati. Dallo spazio teatrale del Vascello all’ultimo pascolo metropolitano di Monte Cucco al Trullo, Teatri di Vetro risponde alla multiforme creazione contemporanea e alla sua necessità di abitare i luoghi, creando un contesto sensibile, plurale e diffuso capace di coinvolgere la comunità artistica e cittadina.

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 21:22

Housemates .1 - Teatro dell'Arte (Milano)

Il CRT, Centro di Ricerca Teatrale riunito a CRT Artificio, si riappropria della sede del Teatro dell’Arte che per anni fu suo spazio d'elezione, sotto la direzione del grande Sisto Dalla Palma purtroppo scomparso; il figlio Jacopo rimane però tra gli organizzatori di una struttura che si è rinnovata completamente, creando un team che sembra combattivo e deciso a resistere alle difficoltà dei giorni nostri. Tanto più che proprio la sede, a loro disposizione per tutto il 2014, è sostanzialmente una cosa nuova: il Teatro dell’Arte ora dipende dal Palazzo della Triennale e si avvicina non solo a teatro, musica e danza ma anche alle arti applicate, all’ architettura, al design e alla moda, con ampi spazi alla ricerca delle nuove tecnologie digitali ed elettroniche per sperimentare, come dicono loro, ‘nuove alchimie’. La scommessa è rendere questo luogo un nuovo simbolo di Milano, fucina aperta alla collaborazione creativa e allo scambio con altre istituzioni culturali e il pubblico.

TOP