Sabato, 13 Dicembre 2014 14:33

Servo Per Due - Teatro Manzoni (Milano)

Ogni tanto, si sa, la vita fa strani giri. Figuriamoci poi il teatro. Può succedere così che una commedia nata dalla penna di Goldoni, "Il servitore di due padroni", arrivi nel paese di Shakespeare; là venga rimpastata dal noto commediografo inglese Richard Bean (classe 1956) e, tornata in Italia, sia a sua volta riadattata per una versione “italica”, con tanto di polenta taragna e coniglio brasato, da Pierfrancesco Favino e Paolo Sassanelli, che curano la regia, insieme a Marit Nissen e Simonetta Solder. È il caso di "Servo Per Due - One Man, Two Guvnors” di Richard Bean, che accompagna il pubblico del Teatro Manzoni di Milano dal 9 al 31 dicembre, per ridere e brindare insieme al nuovo anno.

Ultimissimo evento estivo al Teatro Libero con un’opera poetica classica, La Gerusalemme liberata di Torquato Tasso, interpretata e diretta da un personaggio molto particolare e di notevole rilievo: Roberto Zibetti, che ha mosso i suoi primi passi in carriera col grande Giorgio Strehler, passando poi a Luca Ronconi, Gabriele Vacis ed Elio De Capitani, solo per citare alcuni tra i registi teatrali coi quali ha lavorato. Ha inoltre attraversato l’esperienza del cinema con altrettanti grandi nomi, tra cui Bernardo Bertolucci e Marco Tullio Giordana fino a lavorare con Luciano Ligabue per Radiofreccia e arrivando a diventare protagonista di numerose fiction televisive. Nel frattempo a Torino ha creato una compagnia teatrale, ‘O Zoo Nõ e infine si è aggregato al Gruppo Danny Rose di Roma affiancando Pier Francesco Favino, mentre in autunno lo vedremo nel prossimo film di Abel Ferrara, Pier Paolo Pasolini.

TOP