Sabato, 27 Gennaio 2018 21:10

L’ Operazione - Teatro Roma (Roma)

Brillante e allo stesso tempo amara, «L’Operazione» di Stefano Reali è una commedia molto interessante in cui i protagonisti rivelano tutta la loro umanità anche dietro un comportamento meschino. Ottima l’interpretazione dei cinque attori in scena - Nicolas Vaporidis, Maurizio Mattioli, Antonio Catania, Gabriella Silvestri e Marco Giustini -, che rendono sfumati e sfaccettati i caratteri dei loro personaggi. Repliche al Teatro Roma fino all’11 febbraio.

Domenica, 22 Gennaio 2017 15:17

Tradimenti - Teatro Manzoni (Milano)

Dal 12 al 29 gennaio. Scritto nel 1978 e ambientato tra Londra e Venezia, “Tradimenti” di Pinter (Nobel 2005) nasce dallo spunto autobiografico della sua lunga relazione extraconiugale. È quella “Tanta voglia di lei” vissuta durate gli anni che hanno segnato le ideologie o che, come il Sessantotto, hanno fatto la storia. Nel mezzo, amori finiti, tradimenti, movimenti guidati dalla sapiente regia di Michele Placido. Protagonisti del triangolo sono Ambra Angiolini, Francesco Scianna e Francesco Biscione, praticamente perfetti.

In una famosa recensione di Alberto Moravia del film "Io sono un autarchico" di Nanni Moretti si legge: "Il comico si annida nelle cerniere della storia come ruggine corrosiva. Esso nasce dai cambiamenti radicali nella scala dei valori, per cui ciò che era reale... diventa irreale". Prendo in prestito questa precisa osservazione per iniziare un discorso critico sull'opera di Gianni Clementi, un discorso che concentro sul testo Finché vita non ci separi, appena visto al Teatro della Cometa.

Lunedì, 14 Novembre 2016 20:35

Tempesta - Teatro Argot Studio (Roma)

Dal 2 al 20 novembre. “Tempesta” di William Shakespeare per la regia di Maurizio Panici è una produzione per la stagione large 2016-2017 del Teatro Argot Studio, con un impianto scenico di grande impatto, per quanto essenziale e moderno senza attualizzazioni forzate. Grande cura nel gioco di luci, nei costumi, negli inserti musicali rock. Buona interpretazione con un filo costante di ironia che coglie del Bardo la duplicità del momento aulico e scurrile come un Rembrandt del teatro: la tragedia autentica ha sempre una nota da commedia come la vita. Con Luigi Diberti, Pier Giorgio Bellocchio, Matteo Quinzi, Claudia Gusmano, Valentina Carli, Riccardo Sinibaldi e Antonio Randazzo; musiche di Giovanni Di Giandomenico; scene di Francesco Ghisu; costumi di Anna Coluccia; light design di Giuseppe Filipponio. L’aiuto regia è di Maria Stella Taccone con la collaborazione di Alessandro Carbonara.

Giorgia Trasselli e Enzo Casertano saranno i protagonisti – al Teatro della Cometa dal 2 al 20 novembre - di FINCHÉ VITA NON CI SEPARI - Ovvero W Gli Sposi di Gianni Clementi, regia Vanessa Gasbarri. In scena Federica Quaglieri, Luigi Pisani e Alessandro Salvatori.

Con un cast parzialmente diverso da quello d'esordio, "Prima di andar via" di Filippo Gili, con lo stesso autore, Ermanno De Biagi, Michela Martini, Aurora Peres e Silvia Benvenuto diretti da Francesco Frangipane, approda anche al Teatro dell'Orologio dal 25 al 28 febbraio a concludere la "Trilogia di mezzanotte" (presentata, per l'occasione, in senso inverso).

Sabato, 27 Febbraio 2016 17:57

I Duellanti - Teatro Quirino (Roma)

L’esordio alla regia di Alessio Boni confeziona uno spettacolo che per echi tratteggia un’epoca: i duellanti, ussari dell’esercito napoleonico, per vent’anni artefici e vittime di un reciproco inseguimento. La messa in scena, tra belle trovate e musiche accattivanti, si sofferma forse eccessivamente sugli aspetti formali, non permettendo al testo di giungere alla tridimensionalità cui aspira.

Dal 19 al 21 febbraio. "Dall’alto di una fredda torre" è probabilmente il testo più maturo di Filippo Gili, portato in scena con la regia di Francesco Frangipane, secondo episodio della "Trilogia di Mezzanotte" attualmente in programma al Teatro dell’Orologio di Roma. Gili torna sull’intreccio tra vita e morte, sul gioco del destino, partecipando al dramma etico e psicologico dei personaggi con una singolare capacità di astrazione da ogni giudizio morale. Un testo crudele, più armonico dei precedenti, dove la dinamica della vita è dramma nel senso etimologico, azione, dell’anima prima che dei comportamenti, tragedia per lo più con accenti da commedia. A tratti magistrale l’interpretazione degli attori, con una spontaneità studiata che non si ha neppure nella vita reale.

Domenica, 07 Febbraio 2016 13:56

Leo - Teatro Argentina (Roma)

Dal 25 gennaio al 20 febbraio al Teatro Argentina si parte alla scoperta del Genio di un bambino che il mondo conoscerà come Leonardo da Vinci, "Leo", da un’idea di Alberto Nucci Angeli e Lorenzo Terranera, per la regia di Francesco Frangipane. Un gioco teatrale sull’essere bambino più che per i bambini, sul bisogno e la straordinarietà di coltivare il sogno, l’infanciullimento non come regressione ma come conquista. Uno spettacolo sulla fragilità di Leonardo e non sul suo genio, con una messa in scena fiabesca tra incanto ed inquietudine, marchingegni e sorprese. Un testo denso di grandi emozioni.

Dal 19 gennaio al 14 febbraio. Nell’ambito dei percorsi monografici della stagione Cambiamento Reale del Teatro dell’Orologio va in scena la Trilogia di Mezzanotte, composta dai tre spettacoli scritti da Filippo Gili e diretti da Francesco Frangipane. Come in un viaggio a ritroso attraverso il lavoro di Gili e Frangipane, che hanno così iniziato nel 2011 il loro sodalizio artistico, la trilogia si apre con il nuovo e ultimo capitolo, che debutta in prima nazionale: L’ora accanto.

Pagina 1 di 3
TOP