Dopo il debutto al Napoli Teatro Festival 2018 arriva a Roma dal 1 al 3 aprile al Teatro de Servi "Il paese di chi se ne va" scritto e diretto da Francesca Muoio. Una ballata di voci e di corpi, una ricostruzione di fatti irrealmente avvenuti, un girotondo tribale ed eterno in cui la vita e la morte, tenendosi per mano, ostinate girano disperatamente e gioiosamente assieme.

Dal 23 al 28 ottobre. Vuccirìa Teatro torna al Bellini di Napoli con uno spettacolo emozionante e viscerale, “Io, mai niente con nessuno avevo fatto”, in scena ormai da cinque anni e salutato da numerosi riconoscimenti italiani ed internazionali, pregiata testimonianza dell’intenso lavoro di questi tre giovani e talentuosi intrepreti - Joele Anastasi (anche autore e regista), Enrico Sortino e Federica Carruba Toscano -, capaci di dar vita ad un prodotto di indiscusso valore artistico ed entusiasticamente apprezzato dal pubblico.

Nella splendida cornice dell’Accademia Nazionale di Danza, sul colle Aventino, Filippo Gili porta in scena la sua versione del celeberrimo “Aspettando Godot”, probabilmente l’opera più nota e replicata di Samuel Beckett. Nelle vesti, rispettivamente, di Vladimiro ed Estragone, ci sono Giorgio Colangeli e Paolo Briguglia, quest’ultimo nel ruolo in precedenza indossato dal “libanese” Francesco Montanari. Un’attesa esistenziale, eterna, destinata a restare cristallizzata nella contemporaneità.

La giovanissima compagnia Vuccirìa Teatro, dopo il grandissimo successo di "Io mai niente con nessuno avevo fatto" e di "Battuage", torna sulla scena romana con "Yesus Christo Vogue" un lavoro complesso nato interamente dalla penna di Joele Anastasi. Fino alla vigilia di Pasqua (un caso?) l’autore, Enrico Sortino e Federica Carruba Toscano occupano il palcoscenico del Teatro dell'Orologio con un’opera ambiziosa di concetto, di filosofia, di psicopatologia collettiva.

Continua la ricerca teatrale della compagnia siciliana Vuccirìa Teatro, che, dopo i successi di stampa e pubblico dei primi due spettacoli, debutta ora, con una nuova opera "Yesus Christo Vogue" al debutto nazionale a Roma, Teatro Dell’ Orologio dal 16 al 26 marzo 2016.

Per la movimentata e originale presentazione della stagione 2015-2016, il Teatro dell’Orologio propone al pubblico un’immagine “reale”. Giocando sul doppio senso della parola, sceglie, per la campagna di comunicazione, il claim CAMBIAMENTO REALE.

Martedì, 03 Marzo 2015 21:45

Battuage - Teatro dell'Orologio (Roma)

Torna a Roma, al Teatro dell’Orologio, dal 20 febbraio all’1 marzo, nell'ambito della rassegna ‘Be. You’, “Battuage”, seconda opera di Joele Anastasi, autore, regista e interprete, e seconda prova per la giovane compagnia Vuccirìa Teatro, fondata dallo stesso autore e da Enrico Sortino, anche lui interprete di questo lavoro, in scena con Federica Carruba Toscano e Simone Leonardi. Con “Battuage” la compagnia continua la ricerca di un linguaggio proprio, un incontro tra drammaturgia originale e ricerca attoriale, su una società indagata nei suoi aspetti più irrisolti e degradati.

Arriva ad Asti, in cartellone nel prestigioso Festival Asti Teatro, domenica 29 giugno alla Casa del Teatro di via Goltieri 3 (ore 20, in replica alle 22.30) ‘Io, mai niente con nessuno avevo fatto, di Vuccirìa Teatro, compagnia che a soli due anni dalla formazione si è aggiudicata prestigiosi premi e ha recentemente debuttato (Roma maggio 2014) con grande successo di pubblico e critica con la seconda opera del giovanissimo Joele Anastasi ‘Battuage’.

Venerdì, 09 Maggio 2014 19:59

Battuage - Teatro dell'Orologio (Roma)

Debutta in prima nazionale al Teatro dell'Orologio, nell'ambito della stagione di Dominio Pubblico, il secondo atteso lavoro della compagnia Vuccirìa Teatro. Dopo lo sbalorditivo successo riscosso con "Io, mai niente con nessuno avevo fatto" - vincitore del Roma Fringe Festival 2013 come miglior spettacolo, migliore drammaturgia a Joele Anastasi e miglior attore a Enrico Sortino - la seconda opera trascina violentemente lo spettatore in un universo parallelo popolato da creature inquiete e sofferenti alla ricerca spasmodica di un sesso mercificato e compulsivo che attenui la sciagurata solitudine di un'esistenza priva di affetti e valori. Un testo indubbiamente coraggioso, tagliente come una sciabola, onesto, necessario e corrosivo, che conferma l'originalità del brillante talento di Anastasi nel triplice ruolo di autore, regista e attore; al suo fianco Enrico Sortino, Federica Carruba Toscano e Simone Leonardi, interpreti straordinari che sposano con totalizzante entusiasmo il progetto, affondando nelle viscere delle anime maledette che popolano il tenebroso diorama di questo battuage esistenziale.

TOP