Sabato, 09 Novembre 2013 17:47

Lezioni Americane - Teatro Ghione (Roma)

Dall’ 1 al 17 novembre. Le “Lezioni americane” sono cinque conferenze scritte nel 1985 da Italo Calvino per le "Charles Eliot Norton Poetry Lectures" della Harvard University. L'invito era un vero evento per la nostra cultura, Calvino sarebbe stato il primo italiano a tenere quelle conferenze, preceduto negli anni dalle più grandi personalità della letteratura mondiale: T.S.Eliot, Stravinsky, Borges, Northrop Frye, Octavio Paz. Sfortunatamente, lo scrittore morirà qualche mese prima della partenza per l'America, e le Lezioni resteranno allo stato di manoscritto, in mezzo a tutte le carte, gli appunti e gli scritti inediti. Alcuni anni dopo sua moglie, Ester Calvino, le fece pubblicare sotto il titolo di “Lezioni americane - Sei proposte per il prossimo millennio” (di cui una incompiuta). Oggi ritorna lo spettacolo costruito da Giorgio Albertazzi, a inizio del nuovo millennio, su tali letture.

Dal 19 febbraio al 17 marzo. L’immaginario racconto di Adriano quando l’ombra nera della morte si avvicina: la sua vita fatta di successi e dolori, di passioni e di amore; e, celato dalla tunica del vecchio imperatore, il corpo stanco di una messa in scena senza linfa.

Da martedi 19 febbraio a domenica 17 marzo, al Teatro Parioli Peppino De Filippo, un vero e proprio evento, Giorgio Albertazzi in "Memorie di Adriano", di Marguerite Yourcenar, regia di Maurizio Scaparro.

Dall'1 al 3 febbraio. Se lo chiami monumento, giustamente, si incazza. “I monumenti lasciamoli dentro ai musei”, replicherebbe con quell’ironia schietta, icastica che i toscani sanno sfoderare più di chiunque altro. Maestro, invece, è un appellativo che accetta senza schermirsi. Ma non con spocchia: è un omaggio che accoglie con quella buona dose di autoironia che solo i grandi possiedono. Essendo poi un uomo intelligente, sa perfettamente che un eccesso di generosità nei suoi riguardi ha il sapore di un coccodrillo anticipato. Troppo comodo, pensa lui: questi mi hanno messo su un piedistallo, magari pensano che gli declami uno Shakespeare per poi levarmi subito dalle scatole. E invece no: a novant’anni ha ancora voglia di sperimentare, di stupire, di spiazzare. Vuole ancora giocare col pubblico. Anche se, da persona avvezza a maneggiare le parole con cura, ha da ridire sul termine giocare: «È il mio modo di comunicare col pubblico, di tener desta la loro attenzione. È un dialogo, uno scambio più che un gioco».

Venerdì, 12 Ottobre 2012 22:50

Puccini - Teatro Ghione (Roma)

Puccini

Dal 4 al 21 ottobre. Giorgio Albertazzi, il grande maestro del teatro italiano, si cala nei panni del compositore Giacomo Puccini sul palco del Teatro Ghione. Indubbiamente un omaggio a Puccini, al grande compositore e alle sue opere immortali che ci restituiscono ancora oggi un teatro modernissimo. Ma anche un omaggio ad Albertazzi, al grande attore e all’intensità delle sue straordinarie doti drammatiche.

Amleto ed altre storie

Dal 23 novembre al 4 dicembre. “Essere o non essere: questo è il problema”. Il grande Giorgio Albertazzi, uno dei più importanti attori di teatro mai esistiti, ci fa ancora una volta emozionare riportando sul palcoscenico i più noti personaggi delle tragedie shakespeariane. Un tripudio.

Sabato, 26 Marzo 2011 22:52

Cercando Picasso - Teatro Quirino (Roma)

Cercando Picasso

Dal 15 al 27 marzo. La straordinaria vena creativa, l’indomabile slancio vitalistico e l’eclettico talento artistico di Pablo Picasso, l’uomo che inaugurò la stagione delle avanguardie pittoriche del primo Novecento portando all’estremo la scomposizione della realtà e dell’individuo tipica del cubismo, viene celebrato in uno spettacolo affascinante e complesso, capace di sintetizzare in maniera armonica e complementare diversi linguaggi espressivi: recitazione, danza, musica e pittura si fondono in un unicum teatrale di grande fascino con due protagonisti d’eccezione, lo straordinario carisma interpretativo del maestro Giorgio Albertazzi e la superba eleganza delle ballerine della Martha Graham Dance Company.

la tempesta

Dal 23 luglio all’1 agosto. Il profondo simbolismo, l’atmosfera magica e misteriosa e l’elaborata architettura metateatrale della penultima opera shakespeariana conquistano il romano Globe Theatre proiettando il pubblico in una dimensione onirica, sospesa tra passioni dirompenti e fascino fiabesco, nell’adattamento con la regia di Daniele Salvo e la traduzione di Agostino Lombardo. Protagonista d’eccezione il maestro Giorgio Albertazzi che incarna con sapiente solennità attoriale e trascinante carisma il sovrano negromante Prospero, circondato da una moltitudine di spiriti, creature sovrannaturali e sperduti avventurieri interpretati da una ricchissima compagnia di attori di sorprendente talento. Un viaggio in un affascinante universo parallelo che cattura i sensi e l’anima, lasciandovi un segno che sarà difficile dimenticare.

albertazzi

Dal 4 al 7 febbraio 2010 va in scena al Teatro Nuovo di Milano “Dante legge Albertazzi”, uno spettacolo che vuole raccontare un Dante diverso, non il Sommo Poeta che ci è stato insegnato a scuola, ma l’uomo che si cela dietro l’artista.

Pagina 2 di 2
TOP