Il mito di Giacomo Puccini, così moderno, raffinato e popolare ad un tempo, viene evocato. Non rievocato, raccontato. Nessuna tentazione didascalica. La voce calda, ancora squillante e ironica di Giancarlo Giannini, colonna del cinema e teatro italiano, legge brani di poeti che avrebbero desiderato sempre collaborare con il grande compositore ma che dovettero accettare il diniego. I brani, soprattutto quelli di D’Annunzio, ricordano le passioni dell’artista per le donne, l’arte, la poesia e le auto. Un corpo di ballo straordinario, Emox Balletto con le coreografie di Beatrice Paoleschi, offre un esempio raffinato e insolito di danza contemporanea, al contempo classica per la plasticità dell’uso della corporeità che ricorda gli anni Venti del secolo scorso. Straordinari i costumi nella loro eleganza essenziale. Musiche ovviamente di Puccini.

Giovedì, 19 Dicembre 2013 20:12

Omaggio a Morricone - Teatro Sistina (Roma)

Uno spettacolo al quale si va ad occhi chiusi in quanto costituito da buona musica ben suonata, accompagnata dalla voce calda di un attore di singolare bravura verso il quale non si può che provare affetto, da bei corpi che muovono la scena in armonia e con voluttà virtuosa, mentre le note e il rimando ai film che sono ormai nel nostro immaginario collettivo non possono deludere. Così è, anche se restano frammenti di un intreccio dove le parti si nutrono una dell’altra; mentre forse si fatica un po’ a trovarne la regia, l’unità. Ci si chiede se e cosa volesse dire. Ma forse vuole solo comunicare emozioni. E allora non resta che lasciarsi cullare.

TOP