Un documentario a cinque anni dalla Rivoluzione tunisina un documentario sul disagio della popolazione e soprattutto dei giovani e il ruolo dell’arte, della condivisione come risposta e antidoto al terrorismo e alla criminalità che attecchisce là dove non c’è lavoro, né svago e creatività.

TOP