Dal 24 gennaio al 3 febbraio. Dopo aver debuttato lo scorso ottobre a Milano, sarà in scena ancora per pochi giorni alla Casa delle Culture di Roma "Sonata per ragazza sola - Omaggio a Irène Némirovsky", un elegante gioco teatrale ispirato alla vita e alle opere della famosa scrittrice. È il racconto di un desiderio, il confronto tra due donne diverse per età e indole ma uguali per aspirazioni e sangue: una madre e una figlia che si scontrano, si accusano, si specchiano una nell'altra tra frustrazione, desideri, repressioni e sogni da inseguire. A dar vita a entrambi i punti di vista è la perfetta interpretazione di Federica Bern, guidata dalla regia di Francesco Villano. Un testo introspettivo e complesso per uno spettacolo che, pur nella sua intensità drammatica, si dipana con ironia e seducente leggerezza.

Francesco Villano

Alessandro Magno sta morendo, dopo aver vinto il grande Darius e conquistato Samarcanda; dopo aver costruito città e fondato un immenso impero, è vinto dalla febbre. Gli rimangono poche ore di vita, parla. Il Dio dei morti lo ascolta: rivive in questo modo la sua epopea sentendo un'ultima volta il desiderio di non interrompere la sua corsa. “La tigre blu dell'Eufrate” è stato rappresentato nel 2004 nell'ambito del Festival “Quartieri dell'Arte” a Viterbo, con la regia di Gloria Paris. A Milano in una veste originale e one shot per la Rassegna Face-à-Face (evento unico, 7 marzo 2011).

Pagina 2 di 2
TOP