Donare sorrisi che possono sfociare nella risata immediata o nella riflessione da elaborare con calma. È questo lo stile del cartellone 2017-2018 del Teatro 7, arrivato al ventunesimo anno di attività. Il direttore artistico Michele La Ginestra - che nel corso della stagione sarà impegnato in diversi spettacoli in veste di autore, di regista o di interprete -, racconta un po’ le caratteristiche del cartellone. E precisa che la vera scommessa dell’anno sarà «Come Cristo comanda», un lavoro messo in scena assieme a Massimo Wertmuller dal 13 febbraio al 4 marzo.

E…non sei mai stato al Teatro Roma? Che aspetti? È questo il claim che accompagna la stagione 2017/2018 del Teatro Roma, l’accogliente teatro di Via Umbertide 3, a due passi da Piazza di Santa Maria Ausiliatrice. Si perché questa stagione sarà innovativa e ricca di curiosità. Accurata è stata la selezione degli spettacoli grazie alla direzione artistica di Pietro Longhi e Gianluca Ramazzotti, tante nuove produzioni, molte prime nazionali di allestimenti con una lunga tenitura, aspetto assolutamente nuovo questo per la città di Roma, insomma una vera e propria rivoluzione tutta da scoprire!

Un curioso e bizzarro percorso onirico è il tema scelto da Sergio Zecca per lo spettacolo allestito sulle tavole del Teatro Sette. «Buonanotte e…incubi d’oro» è il titolo di questo lavoro che sarà in scena fino al 13 marzo.

E' in scena al Teatro della Cometa dal 3 al 20 dicembre lo spettacolo “Parzialmente Stremate”, di Giulia Ricciardi, con la regia di Michele La Ginestra. Mirella, dopo anni di convivenza con il suo compagno, si sposa. O forse no. Nel giorno che avrebbe dovuto essere quello del fatidico “sì”, le sue amiche di sempre si raccolgono intorno a lei per confortarla, condividere e raccontarsi.

Con un foyer mutato, una platea ampliata ed una struttura innovata a livello tecnologico, il Teatro Sette accoglie il suo pubblico offrendo un cartellone che dà spazio tanto alle nuove leve come ad attori noti del panorama italiano. Nicola Pistoia, Ugo Dighero, Gigi Proietti, Sergio Zecca, Marco Zadra sono solamente alcuni dei tanti artisti che si ritroveranno nello spazio di via Benevento nel corso della stagione 2015/2016. Il direttore artistico Michele La Ginestra sarà in scena a Natale con il suo nuovo one-man-show «M’accompagno da me».

Domenica, 26 Aprile 2015 17:14

Amleto - Teatro Comunale Ridotto (L'Aquila)

Una riscrittura prima che una rilettura, asciugata, depurata, spogliata di ogni ornamento che rischi il decorativismo. Filippo Gili si concentra sulla parola e gioca tutte le componenti dello spettacolo, assottigliandole ma affilandole allo stesso tempo, per tagliare la ridondanza. Il suo Amleto non è attualizzato; è attuale perché coglie l’universale e lo spettacolo scuote perché ha una forza interiore che non ha bisogno di vestirsi di potenza. La mano della regia, senza schiacciare l’interpretazione, guida e disegna la trama, plasma gli interpreti e si vede. Si riconosce senza tentennamenti. Ne esce un lavoro armonico con una parola molto lavorata, ruminata dagli attori, che alla fine convincono perché sono convinti. Hanno interiorizzato il messaggio e lo vivono nell’azione non frontale. Il pubblico è immerso nello spettacolo che si muove con continuità tra platea e palcoscenico, senza semplici incursioni, né ammiccamenti, e neppure strattonando lo spettatore.

Con l’occasione del debutto dell’"Amleto” a Montalto di Castro, nel teatro che fa parte del circuito dei teatri regionali, abbiamo incontrato nuovamente il regista Filippo Gili per un viaggio dietro le quinte e nei laboratori di un artista. «E’ un progetto che nasce con Daniele Pecci. Quando Daniele mi ha chiesto se volevo curare la regia di un Amleto con lui protagonista, è stato come ritrovarsi un ombrello sotto la pioggia. Era quello che attendevo. Ed è quello che abbiamo cercato di fare. Mettere un ombrello sotto le infinite chance di una lettura di un testo infinito. Un ombrello che copra una sola parte di mondo, il palcoscenico della rappresentazione, ma spoglio di letture forzate, unicamente teso al gioco di analizzare perché, all’alba del ‘600, nacque un uomo che vide il mondo uscire dai suoi binari.»

Lunedì, 23 Febbraio 2015 22:08

Rumori Fuori Scena - Teatro Sette (Roma)

Marco Zadra firma la regia del capolavoro di Michael Frayn, "Rumori fuori scena", approntando il proprio allestimento sul palco del Teatro Sette. Ritmo sostenuto e comicità trascinante sono gli ingredienti di questa pièce particolarmente riuscita, anche grazie all’interpretazione di una compagnia molto affiatata. Repliche fino al 29 marzo.

Lunedì, 08 Dicembre 2014 16:38

Parzialmente Stremate - Teatro Sette (Roma)

Debutto con successo per "Parzialmente stremate", lo spettacolo in scena al Teatro Sette dal 2 al 21 dicembre. Quattro donne con la sindrome di Campanellino - versione femminile di quella di Peter Pan - si confrontano e tirano fuori le proprie debolezze in un ping-pong di divertenti battute.

Nella cornice trasformata per l'occasione del Teatro Argot, Filippo Gili porta in scena il suo personale "Sistema Cechov", un mese in compagnia di alcuni dei personaggi più amati del grande drammaturgo russo: dal martedì al giovedì le “Tre sorelle” e dal venerdì alla domenica “Il gabbiano” ci ingloberanno nel loro mondo caotico ma statico, in cui tutto accade ma nulla cambia.

Pagina 1 di 2
TOP