La città medicea diventa per due giorni faro del Mediterraneo, sotto il segno e il sogno del sindaco visionario Giorgio La Pira che, alla fine degli anni Cinquanta del Novecento, intuì l’importanza del Mediterraneo e del dialogo tra i popoli e il ruolo centrale dell’Italia nel continente liquido. La serata al Teatro della Pergola condotta da Ferdinando Ceriani, coordinatore artistico del progetto realizzato dal regista Maurizio Scaparro, unisce letture e narrazioni di storie di migranti, il video del debutto a Roma di Memorie di Adriano, imperatore simbolo del Mediterraneo come crocevia, e sonorità contaminate come quelle di Peppe Servillo, Eugenio Bennato, l’ormai storica Orchestra di Piazza Vittorio e la prima orchestra formata interamente da donne “arabe”, Almar’à, nata proprio a Firenze.

Un progetto fra tre città, Roma, Firenze e Venezia, un programma culturale in forma di rassegna itinerante con al centro il Mediterraneo con l’idea che la cultura e l’arte grazie all’immediatezza restituiscano una lettura più profonda della realtà e siano foriere di dialogo. Il titolo “MediTerri-Amo”, che contiene allusivamente la parola amore, esprime con un verbo frutto d’invenzione la necessità di prendersi la responsabilità in comune ed essere attivi nella ri-costruzione del mondo mediterraneo.

Agognate una lussureggiante isola utopica in cui le asfissianti dinamiche servo-padrone si ribalteranno svelando da un lato le infinite nefandezze di coloro che detengono saldamente il potere e dall’altro la nobiltà e generosità d’animo dei loro sottoposti, costantemente esposti a vessazioni di ogni sorta? Precursore di questa chimera fu il drammaturgo francese Pierre de Marivaux che, nella sua opera “L’isola degli schiavi” del 1725, ipotizzò questo repentino mutamento di prospettive, destrutturando le norme codificate della Commedia dell’Arte ed arrivando a congetturare tesi di assoluta modernità (oltre sessant’anni prima del deflagrare della rivoluzione francese!). Dopo la memorabile regia strehleriana del 1994/1995, ha debuttato al Piccolo Eliseo il nuovo adattamento italiano a cura di Ferdinando Ceriani - anche regista - e Tommaso Mattei, con la ricercata scenografia ed i pregiati costumi di Marta Crisolini Malatesta ed un quintetto di interpreti coeso e brillante: Giovanni Anzaldo, Ippolita Baldini, Carla Ferraro, Stefano Fresi e Carlo Ragone. Una produzione Khora.Teatro e Teatro Stabile d'Abruzzo.

Lunedì, 15 Febbraio 2016 21:13

Memorie di Adriano - Teatro Ghione (Roma)

In un gremito Teatro Ghione si è svolta ieri l’ultima replica romana di “Memorie di Adriano”. Per il ventisettesimo anno Giorgio Albertazzi ha dato corpo e voce all’Imperatore romano in quello che è ormai divenuto artisticamente ed emotivamente un rapporto simbiotico perfetto. Lo spettacolo, tratto dal celebre romanzo di Marguerite Yourcenar, mentre delinea la figura umana e istituzionale di Adriano racconta la verità propria di ogni uomo che, nel veder profilarsi la fine, non può che fare un bilancio della propria vita.

Giovedì, 12 Novembre 2015 22:03

La bottega del caffè - Teatro Argentina (Roma)

Il piacere e il desiderio di tornare a parlare di Venezia e del suo Carnevale con un testo pensato in veneziano e mandato alle stampe in italiano, per un cambiamento di idea repentino dell’autore, portano a Roma e al Teatro Argentina “La bottega del caffè”, uno dei testi più fortunati del Goldoni, dal 10 al 15 novembre con la regia di Maurizio Scaparro, le musiche di Nicola Piovani, le scene e i costumi di Lorenzo Cutùli.

Il festival Arie Di Mare si svolgerà dal 18 al 22 agosto ad Orbetello (Piazza Giovanni Paolo II): la manifestazione, presentata dal Comune di Orbetello e da Lagazzaladra ha come direttore artistico Pamela Villoresi, che dedica l’edizione 2015 “Fenicotteri Rosa” al mondo femminile: “Spettacoli di teatro, di musica e di danza, di artisti di culture ed etnie diverse, accanto a manifestazioni frutto delle tante espressioni locali, ci aiuteranno a riflettere e a conoscere qualcosa in più dello sconfinato universo della condizione e della creatività femminile. Lo ricorderanno attraverso le tappe storiche e gli avvenimenti che hanno segnato tappe importanti o lasciato segni profondi nella nostra costa toscana, e quest'anno non si può non pensare anche ai 70 anni della nostra Repubblica”.

Fontanonestate giunge alla sua XX edizione, (14 luglio - 6 settembre 2015) rinnovando la sua proposta culturale e di spettacolo nella splendida cornice della Mostra dell’Acqua Paola al Gianicolo di Roma. Questo ventesimo anniversario è dedicato soprattutto a celebrare lo spazio in cui la manifestazione nacque nel 1996, attraverso un cartellone che punta sulla presenza di giovani artisti emergenti, sulle collaborazioni con importanti enti e organizzazioni internazionali, sulla molteplicità e alternanza delle arti (dalla Commedia dell’Arte alla Performing Art, passando per Danza, Teatro, Musica e Cinema), il tutto incastonato nella struttura barocca del Fontanone del Gianicolo.

Martedì, 02 Settembre 2014 19:38

Tacchi Misti - Fontanone Estate (Roma)

16 paia di scarpe, 4 attrici, 16 personaggi femminili creati dalla penna pluripremiata di Gloria Calderòn Kellet: questo è ‘Tacchi misti’, andato in scena il 26 agosto all’interno della rassegna teatrale estiva Fontanone Estate.

TOP