Sabato, 27 Gennaio 2018 20:29

Il Padre - Teatro della Pergola (Firenze)

Dopo Pirandello e Brecht, Gabriele Lavia torna in scena con il suo terzo allestimento de “Il Padre” di August Strindberg. Con Federica Di Martino, sua moglie nella vita e sulla scena, porta sul palco la lotta tra i sessi, la crisi della famiglia e della borghesia, in una sottile quanto spietata guerra di sopraffazione. Lo spettacolo, prodotto da Fondazione Teatro della Toscana, è andato in scena al Teatro Della Pergola di Firenze dal 16 al 21 gennaio ed è ora approdato a Roma (al Teatro Quirino, dal 23 gennaio al 4 febbraio); la tournée proseguirà poi a Bologna, Milano, Torino, Genova ed Udine.

Compostezza, lucidità, un’eleganza sorprendente che nasconde la violenza della donna, del femminile, non solo di una donna, facendo a meno dell’aggressività. E’ questo il senso del personaggio interpretato da Federica Di Martino ne “Il Padre” di August Strindberg per la regia di Gabriele Lavia, che ha debuttato al Teatro della Pergola di Firenze. A quasi due anni di distanza dall’ultima intervista, rincontriamo l’attrice in un contesto completamente diverso: Federica ha la stessa determinazione, partire dal lavoro sulla corporeità per assumere quanto più possibile il personaggio che mette in scena, lasciando da parte se stessa.

Dopo una stagione che sta per concludersi tra grandi successi, lunedì 8 maggio è stato presentato il nuovo cartellone del Teatro Quirino. Una varietà di generi caratterizzata dall’eccellenza e dal professionismo, che spazia dalla tragedia di Euripide ai romanzi di Agatha Christie passando per Woody Allen, Strindberg e Pierre Chesnot. Tra i protagonisti, i grandi nomi di Monica Guerritore, Gabriele Lavia, Massimo Ranieri e Mariangela D’Abbraccio, e giovani interpreti come Marianella Bargilli, Vanessa Gravina, Ruben Rigillo e Francesco Bonomo.

Spogliare il tragico della teatralità per arrivare al vero delle emozioni, questo è il claim dell’attrice di origini abruzzesi, Elettra nella tragedia omonima di Sofocle per la regia di Gabriele Lavia: pura energia di una fisicità che sorpassa le parole e le risucchia come fa in scena con il coro, che diventa l’onda del suo inconscio più profondo, voce materna che si muove come in una danza.

Dal 13 maggio al 18 giugno. Inaugura la stagione 2016 al Teatro Greco di Siracusa Elettra di Sofocle per la regia di Gabriele Lavia con Federica Di Martino nella parte di Elettra, Maddalena Crippa nelle vesti di Clitemnestra, Jacopo Venturiero nei panni di Oreste e Maurizio Donadoni in quelli di Egisto. Regia possente senza enfasi: misurandosi con il classico Lavia asciuga la partitura, esce di scena, attualizza senza modernizzazioni l’impianto, ed esalta il tema del femminile che in questa tragedia è centrale. Senza cadere nel descrittivismo ne interpreta piuttosto le istanze attuali e fruibili dal pubblico di oggi: un coro al femminile, una battaglia e un sentire tutti al femminile. Una tragedia che Lavia porta tutta nell’interiorità e incornicia in un’interpretazione corale armonica, che regala anche una bellezza estetica sobria ed essenziale. Una regia che coglie il classico nel senso più profondo del termine.

Tre giorni. Tanti ne servono a Pirandello per scrivere la commedia prima di leggerla personalmente alla compagnia di Dario Niccodemi. «Ma nessuno aveva capito niente», racconta lo stesso Niccodemi per spiegare uno straniamento che presto coinvolge anche il pubblico. Alla prima romana del 1921, la platea si divide tra entusiasmo convinto e chi urla “Manicomio! Manicomio!”. Prima di applaudire senza riserve, il pubblico ha bisogno di familiarizzare con lo spettacolo, il teatro di abituarsi all’idea di rappresentare se stesso. «I Sei personaggi sono una lunga avventura alla quale vado incontro», spiega Gabriele Lavia, interprete del Padre e regista di quest’edizione del 1925 arricchita con elementi del 1921: «È certamente uno degli spettacoli più difficili che abbia mai fatto. Quando ho cominciato a studiarlo ne ho avuto subito la sensazione. Siamo sempre in 21 in scena. Sempre.» L’effetto è di una costante tensione narrativa, un recitare anche solo facendo respirare il personaggio. O l’attore. O entrambi.

In una località indefinita nel tempo e nello spazio, si aggirano gretti personaggi che si dividono tra l'interessamento per un losco e inquietante straniero giunto da poco in città e la voglia di squinternare la placida esistenza del sagrestano, unica figura "pulita" e timorata di Dio. Un giorno la sorella del sagrestano viene a mancare e la carrozzina, contenente un deforme bambino in fasce, la sua miglior arma per l'elemosina, diviene un dispositivo che scatena faide familiari e avare, meschine gelosie all'interno di una comunità tenuta insieme dal comune senso del "basso istinto". Questo il punto di partenza di "Divine Parole", difficile prova registica e attoriale che Damiano Michieletto porta in scena al Piccolo Teatro Studio dal 25 marzo fino al 30 aprile. Spettacolo intenso e difficile anche per il pubblico ma proprio per questo ricco di profondi spunti di riflessione.

L'anno volge al termine e, come ormai da tradizione, la Redazione Teatro di SaltinAria vuole celebrare assieme ai suoi lettori gli spettacoli più emozionanti, gli attori più talentuosi, gli istanti più memorabili vissuti sui palcoscenici negli ultimi dodici mesi. Scopriamo assieme quali saranno secondo noi i più vividi ricordi teatrali di questo 2014...

Dal 25 marzo al 6 aprile al Piccolo Teatro Strehler di Milano, in una architettura scenografica visiva ed illustrativa di grande pregio e impatto, priva di qualsivoglia tentativo di attualizzazione, va in scena "I pilastri della società", di Henrik Ibsen, prodotto dal Teatro di Roma con la Pergola di Firenze e lo Stabile di Torino. Gabriele Lavia, regista ed anche interprete nei panni del console Bernick, riprende l’opera poco rivisitata del drammaturgo norvegese, interprete del dramma individuale e sociale dell' uomo dell’ Ottocento, nonché precursore di quella condizione esistenziale e del "male di vivere" dell'uomo del Novecento, che di lì a qualche anno, si stenderà sul lettino di Freud.

Dal 20 novembre al 22 dicembre. In scena al Teatro Argentina una delle opere di Ibsen meno conosciute e rappresentate sui palcoscenici italiani, "I pilastri della società", in una produzione mastodontica, magniloquente, di matrice essenzialmente tradizionale ma al contempo capace di restituire con inaudito vigore il virulento affondo sferrato dal drammaturgo norvegese al moralismo benpensante e alla cinica logica imperante del profitto a tutti i costi. Un file rouge neanche troppo sottile si dipana dunque tra la Norvegia del secondo Ottocento e la più stringente attualità: ad un capo della matassa i sordidi intrighi del console Bernick, magnificamente interpretato dal maestro Gabriele Lavia, pronto a sacrificare ogni benchè minimo barlume di onestà morale nonchè gli affetti familiari più cari sull'altare del più gretto tornaconto economico e di una squallida maschera di apparenze sociali da preservare scrupolosamente intonsa; all'altra estremità il manipolo di discutibili faccendieri e politicanti che affollano le aule parlamentari odierne, in un parallelismo di lapalissiana evidenza rimarcato dallo stesso regista nel trailer promozionale diffuso sul web, in cui accanto al protagonista delle vicende ibseniane vediamo campeggiare personaggi come Dell’Utri, Scilipoti, Fiorito e De Gregorio. Uno spettacolo barocco ed ipnotico, imponente e sottile, coinvolgente come sfogliare le pagine ingiallite di un romanzo dall'imprinting fortemente decadentista e ritrovarvi una fotografia livida e impietosa del nostro sgangherato presente.

TOP