Fabrizio Corgnati

Articoli di Fabrizio Corgnati

Mercoledì, 01 Marzo 2017 13:54

Quello che non ho - Teatro Quirino (Roma)

Fino al 5 marzo Neri Marcorè, accompagnato dalle chitarre e dalle voci di Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini, porta sul palco del Teatro Quirino "Quello che non ho", un inedito pezzo di teatro-canzone scritto e diretto da Giorgio Gallione che alterna le ballate di Fabrizio De André e i pensieri di Pier Paolo Pasolini per raccontare le contraddizioni dell'Italia e del mondo di oggi.

Il più noto e replicato degli spettacoli della premiata coppia Lillo & Greg, "Il mistero dell'assassino misterioso", approda per la prima volta sul mitico palco del Teatro Sistina. Cambiano le formazioni che lo interpretano, ma non il dirompente effetto di questo testo, a cavallo tra commedia, nonsense, giallo e metateatro: una comicità ricercata e raffinata, ma non per questo meno immediata ed efficace.

Dopo la malattia alle corde vocali, e un anno e mezzo di inattività forzata, Samuele Bersani fa il suo simbolico ritorno proprio sullo stesso palco dove suonò per l'ultima volta, la sala Santa Cecilia dell'Auditorium Parco della Musica di Roma. E, ne "La fortuna che abbiamo tour", si presenta al suo pubblico cresciuto, più consapevole, finalmente adulto, come uomo e artista.

La compagnia del Teatro Stabile di Genova porta in scena al Teatro Parioli Peppino De Filippo di Roma l'opera prima del duo francese Matthieu Delaporte e Alexandre de La Patellière, "Le prénom", nota in Italia anche per il suo fortunato adattamento cinematografico "Cena tra amici": uno sguardo tagliente e profondo che incide il velo di ipocrisie sociali che nascondono rancori indicibili.

Mercoledì, 25 Gennaio 2017 08:56

Aspettando Godot - Teatro dei conciatori (Roma)

Il maestro Samuel Beckett lo scrisse oltre sessant'anni fa, eppure ad oggi non esiste testo più attuale di "Aspettando Godot". Questa commedia è qualcosa in più del capolavoro del teatro dell'assurdo: è una vera e propria vita in sedicesimo.

Lunedì, 19 Dicembre 2016 10:04

La cena dei cretini - Teatro Ghione (Roma)

La storia la conoscono tutti, perfino quei pochi sconsiderati che non hanno ancora mai visto il film francese che la portò sul grande schermo. I protagonisti sono Pierre Brochand, ricco editore che con la cerchia dei suoi amici più stretti organizza banchetti settimanali a cui invita dei malcapitati e ignari idioti, all'unico scopo di prendersene gioco alle loro spalle, e François Pignon, un grigio funzionario del ministero delle finanze la cui improbabile passione per la costruzione di modellini con i fiammiferi lo rende il commensale ideale per "La cena dei cretini". Il loro incontro, nel salotto di casa Brochand, è la scintilla che fa detonare un'autentica bomba di gag, equivoci e situazioni esilaranti, al termine della quale il borghese Pierre si ritroverà con il colpo della strega, lasciato dalla moglie, sotto accertamento da parte del fisco, ma soprattutto più saggio di prima, avendo imparato che sotto la scorza di una mente certamente poco brillante e intuitiva si può nascondere un cuore sincero e sensibile.

Lunedì, 05 Dicembre 2016 17:40

Per quello che vale - Teatro Brancaccio (Roma)

Con il suo sesto spettacolo, "Per quello che vale", Giorgio Montanini si dimostra pronto per uscire dalla ristretta cerchia da iniziati degli autori satirici italiani e per candidarsi direttamente al ruolo di maestro. Già, perché l'ultima opera del quarantenne comico marchigiano, noto al grande pubblico per le trasmissioni Rai "Nemo - nessuno escluso" e "Nemico pubblico", è qualcosa di più di un semplice monologo. È una vera e propria lezione di satira.

Mercoledì, 27 Aprile 2016 09:38

YATO - Fuck simile (Autoproduzione, 2016)

"Fuck Simile" è il primo album di Yato, progetto musicale ed artistico che nasce nel 2014 grazie a Stefano Mazzei

Martedì, 16 Febbraio 2016 18:31

Il Calapranzi - Teatro Studio Uno (Roma)

"Il Calapranzi", che debuttò il 21 gennaio 1960 all'Hampstead Theatre di Londra, è il capolavoro (o, sarebbe meglio dire, uno dei capolavori) del Premio Nobel per la letteratura Harold Pinter. Quello in cui, più di ogni altro, il drammaturgo britannico si libera di ogni inutile orpello per lasciare più spazio possibile al cuore della sua produzione teatrale: due personaggi, i loro dialoghi e soprattutto i loro involuti, tortuosi e imprevedibili percorsi mentali. Non serve altro sulla scena per creare un vero e proprio mondo.

Un teatro Quirinetta gremito all'inverosimile, da un pubblico caloroso ed entusiasta (nonché composto per la maggior parte da esponenti del gentil sesso), ha ospitato sabato la tappa romana dell'“Abbi cura di te tour” di Levante. Una nuova serie di concerti con i quali l'artista siciliana, ma torinese d'adozione, promuove il suo secondo e omonimo album. Che, dopo la sorpresa di “Manuale Distruzione”, la conferma come la voce più promettente dell'ultima generazione del cantautorato femminile all'italiana.

TOP