Il Teatro Eliseo si accinge a spegnere le sue prime cento candeline ma lo sguardo certamente non è solo rivolto ad una nostalgica rievocazione del passato: inesauribile energia creativa e linfa vitale pervadono la nuova stagione dello storico teatro di via Nazionale con una calibratissima miscela di prosa tradizionale e drammaturgia contemporanea, una grande attenzione dedicata ai migliori artisti emergenti ed uno sguardo rivolto alla cultura in tutte le sue declinazioni - scienza, letteratura, poesia, arte, musica, cinema, cucina - ed attento a tutte le generazioni. Alcuni dei protagonisti in arrivo sui palcoscenici di Eliseo e Piccolo Eliseo? Il padrone di casa Luca Barbareschi, Gabriele Lavia, Glauco Mauri e Roberto Sturno, Michele Riondino, Giorgio Tirabassi, Lello Arena, Carrozzeria Orfeo, Ficarra e Picone, Licia Maglietta, Eros Pagni e tanti altri… scopriamo i dettagli di una stagione 2018/2019 da non perdere, attraverso le parole del direttore artistico Luca Barbareschi.

Sabato, 21 Novembre 2015 22:08

Mar del Plata - Teatro Piccolo Eliseo (Roma)

"Mar del Plata", l'ultima opera di Claudio Fava, con il suo lucidissimo impegno giornalistico a tutela dei diritti civili ed una intensità narrativa foriera di autentico, vibrante trasporto emotivo, approda sulle tavole del palcoscenico grazie alla regia onesta, vigorosa e coinvolgente di Giuseppe Marini. Una storia vera, testimonianza di incoercibile dignità ed eroico coraggio nutrito dai valori sportivi più sinceri ed incontaminati, accende una luce inquietante sulle atroci nefandezze che insanguinarono l'Argentina della fine degli anni Settanta, quella della feroce dittatura dei colonnelli di Jorge Rafael Videla, dell'efferata repressione di ogni opinione non allineata ai dictat del regime, delle migliaia di innocenti desaparecidos destinati al perpetuo oblio di una morte violenta, deprivata finanche delle lacrime degli affetti più cari. In scena al Piccolo Eliseo fino a domenica 22 novembre, con l'interpretazione di Fabio Bussotti, Claudio Casadio e di una squadra possente e incisiva di giovani protagonisti, magistralmente capitanata dal carismatico Giovanni Anzaldo.

Aria di grande rinnovamento alla conferenza stampa di presentazione della Stagione Teatrale 2015/2016 del Teatro Eliseo e del Piccolo Eliseo. In una gremita sala del Palazzo delle Esposizioni un emozionatissimo Luca Barbareschi prende la parola dopo la piacevole introduzione di Franco Di Mare, chiamato a condurre la presentazione. Con la voce spezzata dall’emozione dei ricordi e del prossimo importante traguardo anagrafico (compirà 60 anni l’anno prossimo), introduce - dopo l’intervento dell’Assessore Marinelli e prima di passare alla presentazione degli spettacoli in cartellone - le novità “dirompenti” che renderanno il teatro più glorioso di Roma un polo d’eccellenza. L’obiettivo è creare una “community”, realizzare un punto di aggregazione che possa ampliare la possibilità di offerte culturali. Non solo spettacoli, ma una commistione sinergica tra arte e scienza, tra intrattenimento e servizi di accoglienza, scuola di recitazione e formazione, bar e servizi di ristorazione.

È stata presentata, in anticipo rispetto a tutti gli altri teatri di Roma, la stagione 2015/2016 del Teatro Quirino Vittorio Gassman. Geppy Gleijeses, co-direttore artistico e presidente della società che gestisce il Teatro, accoglie i suoi ospiti - giornalisti, attori, registi, e addetti ai lavori presenti in sala -  vestito in abito completamente bianco, a voler far risaltare all’occhiello, in contrasto, una rosa vermiglia: il simbolo scelto per la stagione che sta per presentare.

Mercoledì, 14 Gennaio 2015 20:23

Il Caso Braibanti - Teatro dei Conciatori (Roma)

E' in scena al Teatro dei Conciatori di Roma dal 13 al 25 gennaio lo spettacolo "Il Caso Braibanti" di Massimiliano Palmese, regia di Giuseppe Marini. Protagonisti Fabio Bussotti e Mauro Conte; musiche composte ed eseguite dal vivo da Mauro Verrone.

Lunedì, 25 Novembre 2013 20:38

La locandiera - Teatro Quirino (Roma)

Dal 12 novembre al 1 dicembre. In scena al Teatro Quirino il capolavoro goldoniano in una rilettura di accattivante eleganza e godibilità, capace di coniugare con originalità la tradizione secolare di una delle pietre miliari della drammaturgia italiana con un'esigenza di modernità e attualizzazione imprescindibile per conquistare il pubblico di oggi. Così le rocambolesche vicende della conturbante Mirandolina - che a suo tempo soppiantarono gli schemi rigidi ed ormai arrugginiti della commedia dell'arte alla ricerca di un maggiore realismo dell'intreccio narrativo e di una più sfaccettata delineazione psicologica dei personaggi - tornano ad acquisire nuova linfa vitale, grazie alla regia netta, puntuale e priva di fronzoli di Giuseppe Marini e all'interpretazione energica, versatile ed ironica di Nancy Brilli.

Sabato, 12 Gennaio 2013 19:06

La locandiera - Teatro Manzoni (Milano)

Dall'8 al 27 gennaio. Goldoni visse prima di Schopenhauer, ma si può star certi che avrebbe volentieri vidimato il celebre aforisma del pensatore tedesco: “Non andare a teatro è come fare toeletta senza lo specchio”. Il teatro di Goldoni è espressione di uno spirito che prediligeva il realismo nel raccontare la vita degli uomini: ripresi nella naturalezza delle loro reazioni; nel loro barcamenarsi quotidiano, tra piccinerie (molte) e slanci di eroismo (rari). L’umanità questa è, volente o nolente. Goldoni lo aveva intuito bene, e ritenne opportuno trasferire sulla scena questa realtà, assestando un vigoroso schiaffo in faccia alle convenzioni della Commedia dell’arte.

TOP