Donare sorrisi che possono sfociare nella risata immediata o nella riflessione da elaborare con calma. È questo lo stile del cartellone 2017-2018 del Teatro 7, arrivato al ventunesimo anno di attività. Il direttore artistico Michele La Ginestra - che nel corso della stagione sarà impegnato in diversi spettacoli in veste di autore, di regista o di interprete -, racconta un po’ le caratteristiche del cartellone. E precisa che la vera scommessa dell’anno sarà «Come Cristo comanda», un lavoro messo in scena assieme a Massimo Wertmuller dal 13 febbraio al 4 marzo.

Enzo Casertano e Fabio Avaro sono i simpaticissimi protagonisti della commedia di Francesco Stella «Unpercento - Punizione ad Affetto», in scena al Teatro 7 in prima assoluta dal 2 al 14 maggio, per la regia di Valerio Groppa. Ad unirsi ai due affiatati attori, c’è Giorgia Trasselli, la travolgente Tata di Casa Vianello.

Dopo le citazioni legate a Marziale e a San Paolo, quest’anno il Teatro 7 ha scelto di fare appello ad un aforisma di Chopin per connotare la sua nuova programmazione. A succedersi sul palcoscenico, saranno Massimo Wertmuller, Michele La Ginestra, Nicola Pistoia, Claudio Gregori, Sergio Zecca, Giulia Ricciardi, Federica Cifola, Beatrice Fazi, Fabio Avaro, Marco Falaguasta, Gianni Ferreri e Daniela Morozzi. La presentazione della stagione e l’intervista al direttore artistico Michele La Ginestra.

Parte il primo Festival del Teatro Indipendente intitolato a Ciro Melillo, attore e regista teatrale scomparso nel luglio 2015. La rassegna si svolgerà dal 17 al 26 settembre in tutti i teatri del X Municipio: sostenuto senza scopi di lucro dagli artisti di Ostia, il Festival accoglie compagnie esterne al circuito territoriale, tra cui l’emozionante contributo di Simone Cristicchi.

Nella nuova stagione del Teatro Manzoni di Roma diretto da Pietro Longhi ritroveremo gli attori di riferimento delle passate stagioni e una selezione di nove spettacoli nel segno della commedia brillante e di temi attuali e spesso difficili, sempre trattati con leggerezza per non smettere di divertire ed emozionare il pubblico.

Martedì, 16 Febbraio 2016 21:27

Ce lo chiede l’Europa - Teatro Sette (Roma)

Una sorta di cabaret musicale quello proposto da Fabio Avaro e Vanina Marini, fino al 21 febbraio in scena al Teatro Sette di Roma. Un bando promosso dall’Unione Europea è il fulcro attorno a cui gira l’incontro improbabile tra una regista, un attore che ha rinunciato alle sue aspirazioni ed un trio inedito di suonatori di ukulele.

Con un foyer mutato, una platea ampliata ed una struttura innovata a livello tecnologico, il Teatro Sette accoglie il suo pubblico offrendo un cartellone che dà spazio tanto alle nuove leve come ad attori noti del panorama italiano. Nicola Pistoia, Ugo Dighero, Gigi Proietti, Sergio Zecca, Marco Zadra sono solamente alcuni dei tanti artisti che si ritroveranno nello spazio di via Benevento nel corso della stagione 2015/2016. Il direttore artistico Michele La Ginestra sarà in scena a Natale con il suo nuovo one-man-show «M’accompagno da me».

Spunti di riflessione a non finire e sicuramente tante risate. Si preannuncia con questi principi ispiratori la proposta artistica del Teatro Manzoni di Roma per il prossimo anno. Fra gradite conferme e giovani talenti, moltissimi gli attori che si succederanno sul palco di via Monte Zebio. Fra di loro, Pietro Longhi, Paola Gassman, Carlo Alighiero, Elena Cotta, Francesca Nunzi, Max Tortora, Fabio Avaro, Rita Forte, Saverio Marconi, Antonello Costa, Enzo Casertano, Gianfranco D’Angelo e Patrizia Pellegrino.

Quarantenni in crisi e paura di crescere sono gli ingredienti di “Contrazioni pericolose”, la nuova commedia scritta, diretta ed interpretata da Gabriele Pignotta. Ancora una volta il talentuoso regista affronta una tematica che gli sta particolarmente a cuore: l’immaturità e l’incapacità della sua generazione di affrontare svolte importanti. Una generazione fatta di bambinoni o di eterni adolescenti, incapaci di gestire i fisiologici cambiamenti della propria esistenza, che preferisce nascondersi di fronte agli eventi inaspettati perché non all’altezza di vivere serenamente le naturali tappe di passaggio e tutto ciò che può stravolgere per sempre la vita.

Dopo il grande riscontro di pubblico e stampa raccolto con le sue opere (Scusa sono in riunione, Se tutto va male divento famoso, Una notte bianca), nei principali teatri Italiani, Gabriele Pignotta, autore, interprete e regista dello spettacolo, ci regala una nuova deliziosa commedia che parla d'amore e delle inconciliabili differenze tra uomo e donna: Mi piaci perché sei così. Con lui sul palco Vanessa Incontrada, già sua partner nel debutto cinematografico con il film Ti sposo ma non troppo tratto sempre da una piece teatrale di Pignotta.

Pagina 1 di 2
TOP