Nella splendida Sala Otto Colonne di Palazzo Reale, a Milano, si è tenuta venerdì 16 Maggio 2014, una conferenza stampa di anticipazione della mostra del grande pittore olandese a 125 anni dalla sua morte (1853-1890): Van Gogh, L’uomo e la terra, che sarà allestita a Palazzo Reale dal 18 ottobre 2014 all’8 marzo 2015.

GALLERIA BACCINA 66


23 MAGGIO 2014
Ore 21:00


“Asta di beneficenza”

ACQUA PER LO IOM


a cura di
ROBERTO ACQUA


con la collaborazione della scuola di teatro La Scaletta, Circolo degli Artisti, Associazione Rione Monti e Cronaca di Roma


a sostegno dello I.O.M.Istituto Oncologico Marchigiano

Le vittorie sui Galati, bellicosa popolazione di origine celtica che si era spinta a minacciare i confini del Regno di Pergamo, in Asia Minore, furono una sorta di mito fondativo per la dinastia degli Attalidi, per questo motivo celebrate in grandiose opere d’arte realizzate a partire dagli anni 240/238 a.c. I cosiddetti “Donari”, opere votive di ringraziamento e celebrazione di queste grandiose vittorie, composte da gruppi scultorei a dimensione più o meno monumentale, comprendono alcune delle statue a più alto contenuto patetico che l’antichità ci abbia lasciato, che si proponevano di celebrare, attraverso gli atteggiamenti di magnifica dignità e compostezza tragica degli sconfitti, la forza e virtù dei vincitori.

Grazie a Nexo Digital, giovane, ma già consolidata società di produzione e distribuzione di contenuti alternativi per il cinema e a Feltrinelli Editore, sarà possibile, il 20 Maggio 2014 in alcune sale cinematografiche italiane, vedere il film documentario “Salinger, il mistero del giovane Holden”, di Shane Salerno, prodotto dalla Weinstein Company; l’elenco delle sale è consultabile su www.nexodigital.it.

Museo dell’Ara Pacis
25 aprile – 7 settembre 2014

 

La storia narrata è protagonista di questa esposizione insieme al suo contenitore, l’Ara Pacis, splendido perché consente di viverci dentro. L’altare celebrativo espone se stesso e racconta il mito di Roma allusione al potere politico e religioso come categoria universale, e il culto della personalità fino al delirio, da Augusto a Hitler. Un po’ faticosa la lettura, lunga, e il procedere simultaneo dei pannelli secondo la storia degli uomini guida da una parte, le opere dall’altra che non seguono la temporalità, ma la tematica.

Torino – Polo Reale
Palazzo Chiablese, Piazzetta Reale
19 aprile- 13 luglio 2014

 

Un viaggio nel chiaro-scuro di sensazioni sfumate come la malinconia, la morte come condizione poetica, l’amore come struggimento, la donna come ambivalenza: un tuffo nel passato gotico eppure precursore del gusto noir moderno. Il contrasto al centro di una pittura sontuosa, carica di particolari e simbologie e al tempo stesso di grande modernità che mette al centro il femminile

TOP