E’ in arrivo, per la precisione dal 25 agosto al 2 settembre, la XXXII edizione del Todi Festival, la rassegna di teatro, musica, danza e arti visive, ideata e fondata nel 1987 da Silvano Spada e affermatasi nel tempo come uno dei principali appuntamenti culturali in Umbria e tra i più apprezzati del panorama nazionale. Anche per quest’anno, dopo il successo delle due ultime edizioni, è confermata la direzione artistica di Eugenio Guarducci che ha confezionato nove giornate d’arte estremamente ricche, variegate, coraggiosamente creative ed indipendenti, tra prime nazionali, contaminazione di generi e sperimentazione. Lo abbiamo incontrato per scoprire assieme tutti i dettagli di un festival che si preannuncia da non perdere.

L'edizione 2017 del Todi Festival conferma la linea della nuova gestione, con una spinta all'innovazione, un radicamento sul territorio - l'attenzione si allarga ad un'offerta ampia della cultura del territorio - e uno sguardo mirato ai giovani e anche ad un pubblico di non habitué del teatro. Senza la scelta di un tema guida, al centro la condizione della donna, la violenza, presente in tanti spettacoli, e la musica.

TOP