Enrico Vulpiani

Articoli di Enrico Vulpiani

A quarantatre anni di distanza dalla sua apparizione sui palchi dello storico locale Beat 72, Giorgio Barberio Corsetti, Marco Solari e Alessandra Vanzi, fondatori della compagnia “La Gaia Scienza”, uno dei gruppi di teatro più interessanti tra la seconda metà degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta, riportano in scena il loro “La rivolta degli oggetti”, spettacolo manifesto dell’avanguardia anni ’70, affidandone il viaggio nel futuro a tre giovani attori, loro alter ego. “Nato nel clima di estrema libertà artistica della controcultura romana degli anni Settanta, lo spettacolo restituisce, agli spettatori di oggi, proprio quello spazio utopico di creatività e circolazione del pensiero che ne aveva favorito la creazione.

Sabato, 26 Ottobre 2019 15:29

Attort’ - Teatro Trastevere (Roma)

Project xx1, compagnia di teatro immersivo già apprezzata nella più recente edizione del Roma Fringe Festival, ha portato in scena al Teatro Trastevere il suo “Attort’”, uno spettacolo che scende dal palco e si confonde nella platea, con la platea, rendendo gli spettatori protagonisti e complici di una festa vintage; un monologo scoppiettante che, con forzata spensieratezza, ci racconta un disagio che viviamo o abbiamo vissuto tutti, ovvero dover essere “conformi” a questa “zozza” società. Un'esperienza multimediale che coinvolge più linguaggi, più strumenti, ti chiede un contributo, una proposta, una risposta, senza pretendere che sia esaustiva, risolutiva, ma una proposta ci vuole; il teatro, questo teatro, l’arte ci offrono l’opportunità di non essere struzzi.

Sabato, 26 Ottobre 2019 14:22

In Exitu - Teatro Palladium (Roma)

Il premio UBU Roberto Latini porta in scena, al Teatro Palladium di Roma, il suo adattamento teatrale dell’omonimo romanzo di Giovanni Testori, proseguendo la collaborazione artistica con Sandro Lombardi e Federico Tiezzi, un ricercato lavoro sulle lingue “segrete” del teatro. Un lavoro attoriale e lessicale complesso, ambizioso e generoso che vuole spronare il pubblico ad un impegno ed una ricerca non banali.

Domenica, 07 Luglio 2019 20:27

Accattone - Teatro Trastevere (Roma)

Enrico Maria Carraro Moda, con la sua compagnia “I Nani Inani”, dopo gli ultimi apprezzati lavori, come “Fosse”, “Orgia” e “Uomo mangia uomo”, torna in scena al Teatro Trastevere con un suo personale e ricercato omaggio a Pier Paolo Pasolini ed al suo celebrato “Accattone”. Una trasposizione dal cinema al teatro che lascia intatta la qualità sociale ed emotiva dell’opera, aggiungendovi una sincera urgenza espressiva.

Dal 30 aprile al 12 maggio. La AST Company, apprezzata compagnia e scuola di improvvisazione teatrale, porta in scena, al Teatro Stanze Segrete di Roma, la sua ultima fatica, tutt’altro che improvvisata, “La Resilienza”, scaturita dal progetto artistico “Studi nudi di improvvisazione teatrale”. L’ambizione è grande, ovvero quella di verificare, appunto, la capacità di resilienza degli attori e delle persone in genere, ovvero la capacità di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici e di riorganizzare positivamente la propria vita.

Dal 12 al 17 marzo. La compagnia “hangar duchamp”, diretta da Andrea Martella, al suo secondo lavoro dopo l’esordio, nella scorsa stagione, con “Il Cuore a Gas”, opera dadaista di Tristan Tzara, porta in scena, al Teatro Trastevere, il dramma surrealista di Guillaume Apollinaire “Le Mammelle di Tiresia”. Uno sberleffo al machismo ed un grido di emancipazione femminile, mai così necessario in tempi come questi in cui la recrudescenza medioevale si fa sempre più sfacciata e selvaggia.

Sul palcoscenico del Teatro Argentina, la celebre regista britannica Katie Mitchell porta in scena la sua prima opera in lingua francese, “La maladie de la mort”, uno spettacolo tratto dall’omonimo racconto di Marguerite Duras. Un abisso psicologico fra uomo e donna, misterioso, inquietante, desolato e lancinante. La Duras racconta anime perdute, destinate ad affannarsi senza mai poter, voler davvero neanche lontanamente sfiorarsi.

Giovedì, 01 Novembre 2018 18:00

Barry Lyndon - Teatro Argentina (Roma)

Dal 23 ottobre al 4 novembre. Giancarlo Sepe, regista teatrale di grande qualità ed esperienza, apprezzato per la sua particolare capacità di mescolare, sul palco, lo stile teatrale e quello cinematografico, riuscendo ad offrire uno sguardo unico sulle opere di autori come Williams, Brecht, Sartre, Gogol, Pirandello, Cechov, Ibsen, De Filippo, Lorca e Strindberg, porta in scena, al Teatro Argentina di Roma, la sua rilettura del “Barry Lyndon”. Sepe compie un percorso a ritroso, partendo dalle suggestioni della trasposizione cinematografica di Stanley Kubrick per poi riconciliarsi con il romanzo originario di William Makepeace Thackeray. L’esito è coinvolgente, accattivante, ipnotico, da vedere e vivere.

Nella splendida cornice dell’Accademia Nazionale di Danza, sul colle Aventino, Filippo Gili porta in scena la sua versione del celeberrimo “Aspettando Godot”, probabilmente l’opera più nota e replicata di Samuel Beckett. Nelle vesti, rispettivamente, di Vladimiro ed Estragone, ci sono Giorgio Colangeli e Paolo Briguglia, quest’ultimo nel ruolo in precedenza indossato dal “libanese” Francesco Montanari. Un’attesa esistenziale, eterna, destinata a restare cristallizzata nella contemporaneità.

Sabato, 16 Giugno 2018 12:02

Timeless - Teatro India (Roma)

Dopo averli apprezzati nel loro “Bartleby”, progetto scenografico e narrativo dedicato all’omonimo racconto di Herman Melville, siamo tornati ad osservare, al Teatro India, il nuovo lavoro della Compagnia Muta Imago, “Timeless”, un percorso di esplorazione umana. Un’occasione per concedersi, secondo la loro stessa definizione, “un’indagine collettiva sulla natura del tempo per avviare una riflessione sull’ora e sulle sue caratteristiche di impermanenza”. Esperimento che, anche grazie alla volontà di mettersi in gioco dei giovani attori della Scuola di Teatro e Perfezionamento Professionale del Teatro di Roma, si fa seguire con attenzione, curiosità ed empatia.

Pagina 1 di 15
TOP