Domenica, 06 Aprile 2014 13:38

Straccioni - Teatro Litta (Milano)

Dall' 1 al 13 aprile, al Teatro Litta di Milano, va in scena Straccioni, una produzione LITTAproduzioni e Accademia dei Folli, con il contributo di Città di Torino e Provincia di Torino e il sostegno di Sistema Teatro Torino e Provincia. Il testo è di Tiziano Scarpa e la regia di Carlo Roncaglia. Lo spettacolo è vitale e “musicato”. La musica, come in molti spettacoli di questo giovane gruppo di artisti diplomati alla Scuola del Teatro Stabile di Torino nel 1997, è elemento integrante. Alice Baccalini accompagnerà infatti al piano i diversi attori.

Sabato, 05 Aprile 2014 17:24

Straccioni - Teatro Litta (Milano)

Dall'1 al 13 aprile. C'è una differenza significativa tra Stabat mater e Gli straccioni, entrambi testi scritti da Tiziano Scarpa: nel romanzo - premio Strega 2009 - c'era l'Ospedale della pietà. Nello spettacolo in scena in questi giorni al Litta, viceversa, la pietà dove è andata a finire? Dove è finito lo spirito di solidarietà tra le persone; l'empatia che ci portava a riconoscere la sofferenza negli occhi degli altri e a far di tutto per alleviarne il malessere? A Milano, poi, c'è rimasta appena la Pietà Rondanini. E fuori, nelle strade del capoluogo?

Domenica, 08 Dicembre 2013 17:29

Il bugiardo - Teatro Litta (Milano)

È un fatto di reputazione: se scegli “Accademia dei folli” come nome della compagnia, è evidente che poi in scena non puoi proporre delle cose normali. Sarebbe uno smacco nella loro carriera di teatranti, ma soprattutto il pubblico ci rimarrebbe male. Questa volta i Folli hanno “preso di mira” Goldoni, lo hanno riletto con molta libertà e creatività. Ci sono due tipi di teatro sperimentale: quello noioso e quello divertente. Il bugiardo - andato in scena al Litta dal 12 novembre all’ 1 dicembre - appartiene alla seconda categoria.

Venerdì, 22 Novembre 2013 20:24

Il bugiardo - Teatro Litta (Milano)

Il teatro Litta di Milano presenta, dal 12 al 21 novembre e dal 26 novembre al 1 dicembre, "Il Bugiardo" di Goldoni, una commedia dell’arte rivisitata in chiave pop, con tanto di musica, occhiali da sole anni Cinquanta e quiz televisivi. Carlo Roncaglia, il regista, nonostante le piccole aggiunte, ha mantenuto intatto lo sguardo tra il divertito ed il sornione dell’autore veneziano, che ama proporre personaggi reali presi dal popolo e dalla borghesia.

Martedì, 29 Gennaio 2013 17:48

Io sono partigiana! - Teatro Litta (Milano)

Dal 22 al 27 gennaio. Buio in sala. Una voce femminile, sottovoce: “Scusi, scusi”. Nell’oscurità hai l’impressione di aver lasciato distrattamente il cellulare acceso, urtando la suscettibilità di una spettatrice. Controlli nella giacca, il cellulare tace educatamente. Meno male. E allora chi è che parla? Ah, ecco: è una donna, armata di ramazza, che emerge dal fondo. Declama i versi del Nobel Szymborska, nell’unica maniera in cui la Szymborska deve essere recitata: con naturalezza, con la spontaneità della chiacchiera tra amici. Per forza: la semplicità è l’arma dei folli. Dell’Accademia dei folli, compagnia di musica-teatro che ha allestito Io sono partigiana: un’altra gemma incastonata in questo piccolo gioiello che è il Litta di Corso Magenta.

TOP