Dal 12 ottobre al 26 novembre. A quarantatré anni di distanza dal suo debutto, torna nei teatri italiani “Aggiungi un posto a tavola”, commedia musicale scritta da Garinei e Giovannini con le musiche di Armando Trovajoli e le coreografie di Gino Landi. Ispirata a “After me, the deluge”, di David Forrest, vede nelle vesti del protagonista Gianluca Guidi che, alla sua seconda edizione, raccoglie il testimone da papà Johnny Dorelli. Rappresentata per la prima volta nel 1974, la commedia ha avuto grandissimo successo e si è affermata anche sulla scena internazionale con oltre 30 edizioni e circa 15 milioni di spettatori. In occasione dell’ottantesimo compleanno del Teatro Brancaccio, Alessandro Longobardi raccoglie la sfida e la riporta in scena con una produzione grandiosa e di notevole impegno.

Lorella Cuccarini torna protagonista di un musical fiabesco per famiglie, stavolta omaggiando un caposaldo dell’opera lirica, la Turandot di Puccini: “La Regina di Ghiaccio”, favola rivisitata in chiave moderna, in scena fino al 26 marzo al Teatro Brancaccio di Roma.

Dal 1 al 12 febbraio. La Compagnia della Rancia, con la regia di Saverio Marconi, torna al Teatro Brancaccio di Roma con il suo “Sister Act, Il Musical”, riduzione teatrale del fortunato film “Sister Act” con Whoopi Goldberg. Una storia piena di ritmo, tra gangster e novizie, rosari, inseguimenti e colpi di scena: 25 splendidi brani musicali, , coreografie frizzanti, centinaia di costumi e imponenti scenografie, 23 grandissimi talenti tra cui Belia Martin nel ruolo della spumeggiante e incontenibile Deloris Van Cartier, Pino Strabioli nei panni di Monsignor O’Hara, Jacqueline Maria Ferry, una rigorosa e luminosa Madre Superiora e la special guest, Suor Cristina, che si alterna con la bravissima Veronica Appeddu nel ruolo della novizia Suor Maria Roberta.

Lunedì, 21 Dicembre 2015 20:21

Sister Act - Teatro Brancaccio (Roma)

Dal 10 dicembre al 24 gennaio. Entusiasmo contagioso al Teatro Brancaccio dove ha debuttato la versione italiana di «Sister Act», uno spettacolo scoppiettante animato da un ensemble di ventidue performers di grande livello. A primeggiare è la protagonista Belìa Martin, affiancata dal bravissimo Pino Strabioli, nei panni di Monsignor O’Hara, e da un’incredibile suor Cristina, che in scena è la timida suor Maria Roberta. La regia è di Saverio Marconi.

TOP