Dal 24 ottobre al 5 novembre. Elio De Capitani, a due secoli esatti dalla sua ideazione, propone al Teatro Elfo Puccini una lettura scenica di “Frankenstein” per cercare di capire il presente e il futuro, superando l'orizzonte della pura attualità e facendo affiorare anche il desiderio di indagare l'infinita stratificazione di stimoli che ci offre il romanzo di Mary Shelley.

Lunedì, 07 Novembre 2016 21:36

Otello - Teatro Elfo Puccini (Milano)

Quest’autunno William Shakespeare torna protagonista al Teatro Elfo Puccini di Milano con l’Otello curato da Elio De Capitani e Lisa Ferlazzo Natoli, sul testo tradotto da Ferdinando Bruni. Otello si aggiunge alla fitta collana di teatro shakespeariano “made in Elfo”, che conta ormai molti successi: dal Sogno all’Amleto e al Mercante di Venezia, diretti da De Capitani, dalla Tempesta a Romeo e Giulietta di Ferdinando Bruni, fino al più recente Racconto d’inverno diretto a quattro mani.

Dal 20 al 25 settembre l’invisibile bellezza dell’Auditorium di Mecenate, capolavoro dell’archeologia romana nascosto nel quartiere Esquilino, apre i suoi spazi per la terza edizione di IF / Invasioni (dal) Futuro*003, per un nuovo ciclo di storie, immagini e suoni della fantascienza.

Nel foyer del Teatro Elfo Puccini di Milano, campeggiano bellissimi poster. Raffigurano il nuovo logo dal tratto “elfico”, creato ed offerto da Mimmo Paladino a questo eclettico teatro meneghino che, come l'artista campano, vede nel teatro qualcosa di arcaico, mitico, ma capace di dialogare con la contemporaneità. E la nuova stagione 206/2017, idealmente dedicata a Paolo Poli, presentata in conferenza stampa giovedì 9 giugno, lo testimonia.

È un giardino illuminato che emana un’aria frizzante quello che Ferdinando Bruni mette in scena al Teatro Elfo Puccini di Milano, nel nuovo allestimento 2015/2016. Un intenso lucore rivela aspetti inediti di un’opera che la tradizione ci ha abituato a percepire cupa, tradendo forse le intenzioni dello stesso Cechov che la considerava, invece, una commedia. E nella regia di Ferdinando Bruni, che ha curato anche la traduzione dell’opera, con la supervisione di Rosa Molteni Grieco, i toni comici sono ben visibili anche nella sostanziale fedeltà alla storia della decadenza dell’aristocrazia russa.

Dopo la recente nomina a Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione presenta una Stagione che riconosce la linea di lavoro e ricerca che negli anni ha visto ERT crescere assieme alla sua città. È proprio quella con la città la prima relazione che il Teatro deve tessere, riconoscendovi un luogo privilegiato di riflessioni, crescita personale, sviluppo di senso critico ma anche un importante momento di confronto con la realtà e la contemporaneità che ci circondano.

Sono 15 i percorsi che compongono la nuova Stagione di Progetti del Teatro di Roma, riconosciuto dal MiBACT Teatro Nazionale: 95 spettacoli complessivi, di cui 19 produzioni, 7 prime nazionali, 676 alzate di sipario. Un’offerta che può apparire eccessiva, ma è una messe necessaria, strutturata in capitoli che hanno ciascuno il proprio senso e la propria ragione. Un processo già attivato dalla passata stagione che, attraverso un “cantiere” articolato in progetti e percorsi, ha rilanciato il Teatro della Capitale come luogo “plurale” e di tutti. In questa ottica di teatro della città e di città nel teatro, il direttore Antonio Calbi e il presidente Marino Sinibaldi presentano la Stagione di Progetti 2015/2016, vivace, articolata e multidisciplinare, con un percorso di 12 mesi di continua attività offerta tutti i giorni, a tutte le generazioni di pubblico e con più proposte quotidiane.

Si è svolta venerdì 5 giugno al Teatro Elfo Puccini la seconda edizione del Premio Comicità dedicato a Gianni Palladino, amico e compagno di tanti attori, interprete dello storico spettacolo ‘Comedians’ che 30 anni fa circa lanciò una quantità di personaggi comici divenuti poi celebri come Claudio Bisio, Paolo Rossi, Renato Sarti e Elio De Capitani, Antonio Catania, Gino e Michele, Gigio Alberti, con la regia di Gabriele Salvatores. Palladino, ottimo cabarettista e attore brillante, è scomparso nel 2008; il vuoto che ha lasciato viene un po’ colmato da questa iniziativa partita lo scorso anno, con cui si vogliono selezionare gruppi comici capaci di far ridere un pubblico smaliziato come quello milanese. Per la serata sono giunte sette compagnie da vari luoghi d’Italia, per l'occasione valutate da una giuria selezionata, composta dai vecchi amici e compagni Gino e Michele, Elio De Capitani, Bebo Storti, Renato Sarti e Claudio Bisio. Ma anche tutti gli spettatori hanno avuto la possibilità di esprimere una preferenza grazie a schede valutative distribuite ovunque nella grande sala del teatro.

Una stagione, quella del Teatro Elfo Puccini di Milano, di ben 48 titoli (e ne manca ancora qualcuno!) che vuole suscitare sorpresa ed emozione, scoperte e riscoperte, stimolare il dialogo e il fluire delle emozioni tra scena e platea, come avviene negli incontri più veri che fanno esplodere idee e creatività, mischiando le carte tra artisti amati o conosciuti e nuovi talenti. Come avviene, sempre, nelle produzioni del Teatro dell'Elfo che si fondano sul lavoro intergenerazionale e che valorizzano tanto il gruppo che le individualità dei protagonisti e dei più giovani.

Fino al 26 aprile il Teatro India ospita l'elegante e intenso allestimento firmato Elio De Capitani di uno dei più forti e profondi componimenti di Oscar Wilde; Umberto Orsini e Giovanna Marini orchestrano musica, parola, voce e luci, armonizzate a comporre un poetico grido contro la pena di morte.

Pagina 1 di 3
TOP