Sabato, 22 Giugno 2019 13:31

Le Troiane - Teatro Greco (Siracusa)

Dal 10 maggio al 23 giugno. Nel fascino dell'antico Teatro Greco di Siracusa, un bosco con alberi veri, morti, accoglie la tragedia di Euripide, “Le Troiane”, per la regia di Muriel Mayette-Holtz. Un dramma corale segnato dalla condanna indistintamente rivolta ad ogni guerra, da forti eroine tragiche, dalla tenacia delle donne come segno di speranza e da una commossa pietà per i vinti, uomini o alberi che siano, uniti nella morte e nella devastazione.

Nel binomio della stagione 2019 del Teatro Greco di Siracusa, Donne e guerra, Elena Arvigo è Andromaca, un femminile che nel nome evoca il maschile, “l’uomo che combatte”, la “donna che combatte come un uomo”, ne “Le Troiane” di Euripide.

Un’apertura da Oscar: è sulle suggestive note della musica di Nicola Piovani, colonna sonora de “La vita è bella”, che ha inizio la conferenza stampa di presentazione della nuova stagione del Teatro Eliseo e del Piccolo Eliseo. Un incantevole prologo, eseguito da Europa InCanto - orchestra di giovani e talentuosi musicisti diretti dal Maestro Germano Neri - che apre con atmosfere soavi lo sguardo sugli spettacoli e sugli eventi in programma per la stagione 2019-2020.

TEATRO. LE FORME DELLA VERITÀ è il principio creativo, sociale, pluralistico su cui si fonda la Stagione 2018/2019 del Teatro di Roma - Teatro Nazionale, espressione delle molteplici identità dell’esistente e degli sconfinamenti del contemporaneo, temi cruciali della comunità civile raccontati sui palcoscenici del Teatro Argentina, Teatro India e Teatro Torlonia.

“Spazio del Racconto”, la rassegna di drammaturgia contemporanea ospitata nella stagione 2017/2018 dal Teatro Brancaccino, nasce dall'idea di sviluppare un cantiere aperto di riflessione e pratica sulla scrittura, un punto di incontro tra drammaturghi - registi e attori - pubblico - in modo da rendere accessibile, fruibile, dinamico il rapporto scena/platea. Una rassegna dedicata alla drammaturgia contemporanea, che giunge alla sua terza edizione con la direzione artistica di Emanuela Rea.

Il Teatro Sala Vignoli, sotto la guida del direttore artistico Eugenio Dura, è pronto a presentare un cartellone ricco di appuntamenti. La seconda stagione promette di intraprendere un indirizzo netto e preciso rivolgendosi ad una drammaturgia contemporanea e ad autori giovani, proponendo grandi classici rivisitati, opere di prosa e musical, con uno sguardo anche sulla romanità.

Abbiamo incontrato Elena Arvigo in occasione delle repliche romane di “Edipo”, ambizioso progetto teatrale della compagnia Mauri Sturno che giustappone due classici immortali, l’ “Edipo Re” e l’ “Edipo a Colono” di Sofocle, con le regie per taluni versi antitetiche di Andrea Baracco e Glauco Mauri. Partendo dai ruoli da lei interpretati, Giocasta e Antigone, abbiamo poi percorso a ritroso alcune delle ultime tappe del suo ricchissimo bagaglio artistico, dai “Monologhi dell’atomica” di Hayashi e Aleksievich ai reportage di Anna Politkovskaja, da Garcia Lorca a Sarah Kane, sino al prossimo lavoro che la vedrà protagonista, L’Imperatore della sconfitta di Jan Fabre, scoprendo in lei una sensibilità curiosa, ricercata ed appassionata.

Fino al 12 febbraio. 2500 anni sono passati da quando Sofocle compose “Edipo Re” e “Edipo a Colono” e ancora oggi il mito di Edipo, eroe tragico alla ricerca della verità ad ogni costo e in lotta contro il Fato, torna sul palco in un doppio allestimento. Andrea Baracco e Glauco Mauri dirigono due messe in scena opposte e complementari - cupa e modernizzata l'una, classica ed essenziale l'altra - per un unico lungo racconto di ombre e luci. Intensa l'interpretazione dell'ottantaseienne Glauco Mauri, riuscitissime le scenografie di Marta Crisolini Malatesta.

Appuntamento ormai irrinunciabile quello con "TREND nuove frontiere della scena britannica", la rassegna curata da Rodolfo di Giammarco che ormai da quindici anni accompagna l'autunno romano con il meglio della drammaturgia contemporanea d'oltremanica. Quindici titoli, due mesi consecutivi di programmazione per sperimentare fino in fondo le parole, i silenzi, i contatti umani, per raggiungere un senso o un inquietante vuoto di senso.

Riparte da lunedì 6 giugno la storica rassegna romana di teatro e letteratura al femminile La scena sensibile, nata nel giugno 1995 al Teatro Argot Studio di Roma da un’idea di Maurizio Panici e dell’attrice, autrice e drammaturga, Serena Grandicelli che ne cura da sempre la direzione artistica.

Pagina 1 di 3
TOP