Gli Stati Uniti d’America hanno sempre goduto nei confronti dei paesi di tutto il pianeta di un potere culturale, tecnologico, scientifico ed economico che non ha paragoni in occidente.

“Egregio professore, so che le è stato riferito che io non prendo «regolarmente» le sue medicine. Naturalmente si tratta dei soliti pettegolezzi di ospedale che purtroppo alle volte rovinano con la loro cattiveria la buona fede di chi crede nella lealtà del prossimo. È vero, qualche volta ho omesso il Nobrium perché non volevo cadere nel solito stato di incoscienza e volevo tenermi un po' desta, un po' attiva, ma se mai un ammalato non prendesse i medicamenti prescritti la cosa più grave non è nella omissione degli stessi ma nel proposito, assurdo e malato, di non volere guarire. Chi viene a riferirle queste cose dimostra un animo molto meschino ed io nella mia semplicità ed anche nella mia malattia mi rallegro di non essere tra le file di quelli che si chiamano «spie».”
Lettera al medico in Manicomio di Alda Merini

Giovedì, 01 Settembre 2016 18:48

“Signorina attaccabrighe” di Jane Austen

Premessa: Jane Austen è una delle scrittrici più amate di tutti i tempi.

Tutti sono inciampati in uno dei suoi personaggi, in un modo o nell’altro, per motivi di studio, per interesse o semplicemente vedendo un film e/o una serie televisiva. La Signorina Attaccabrighe, rappresenta uno dei primi esperimenti che l’appena quindicenne Jane ha fatto. Intenzionata a sfuggire dal matrimonio, che era il naturale destino delle donne della sua epoca, Jane decise fin da subito di vivere “della propria penna”.

Lavoro di breve respiro quanto di agile lettura ma niente affatto superficiale, quello di Mario Caligiuri che recensiamo su queste pagine: Cyber Intelligence – Tra libertà e sicurezza (appena pubblicato dalla Donzelli di Roma) contiene già nel titolo le coordinate che denotano la più stringente attualità degli argomenti trattati nel testo e l’estremo interesse che il lavoro potrebbe essere in grado di suscitare non solo presso esperti e/o accademici ma anche all’interno di categorie di lettori meno specializzati.

La Donzelli Editore ci presenta una nuova e perfetta edizione di “Le mie fiabe Africane” di Nelson Mandela (titolo originario Nelson Mandela’s favourite stories for children) con introduzione e traduzione a cura di Bianco Luzzaro.

Giovedì, 07 Luglio 2016 18:55

"Scritti sul cinema" di Yasujiro Ozu

Di recentissima uscita (stampati rispettivamente a Marzo, Aprile, Maggio di quest’anno) i tre volumi della romana Donzelli L’Arena del Duce – Storia del Partito Nazionale Fascista a Verona, di Federico Melotto, Szymborska – Un alfabeto del mondo, di Andrea Ceccherelli, Luigi Martinelli e Marcello Piacentini e Scritti sul cinema, di Yasujiro Ozu (curato, quest’ultimo, da Franco Picollo e Hiromi Yagi). Si tratta, come nella tradizione della casa editrice capitolina, di saggi storico politici (L’Arena del Duce) e artistico letterari (i restanti due, si leggano le relative recensioni su questa stessa pagina) di notevole spessore scientifico e documentaristico che potranno arricchire la biblioteca dello storico o quella dell’appassionato e/o studioso di poesia o di cinema. Gli autori e i curatori, tutti docenti di prestigiosi atenei, scrivono nell’ambito delle rispettive tematiche di ricerca, mentre Yasujiro Ozu, probabilmente la più eminente figura del cinema giapponese classico e del realismo cinematografico del paese del sol levante, è uno dei più significativi registi di tutti i tempi e uno dei maestri assoluti della settima arte in tutto il mondo.

Di recentissima uscita (stampati rispettivamente a Marzo, Aprile, Maggio di quest’anno) i tre volumi della romana Donzelli L’Arena del Duce – Storia del Partito Nazionale Fascista a Verona, di Federico Melotto, Szymborska – Un alfabeto del mondo, di Andrea Ceccherelli, Luigi Martinelli e Marcello Piacentini e Scritti sul cinema, di Yasujiro Ozu (curato, quest’ultimo, da Franco Picollo e Hiromi Yagi). Si tratta, come nella tradizione della casa editrice capitolina, di saggi storico politici (L’Arena del Duce) e artistico letterari (i restanti due, si leggano le relative recensioni su queste stesse pagine) di notevole spessore scientifico e documentaristico che potranno arricchire la biblioteca dello storico o quella dell’appassionato e/o studioso di poesia o di cinema. Gli autori e i curatori, tutti docenti di prestigiosi atenei, scrivono nell’ambito delle rispettive tematiche di ricerca, mentre Yasujiro Ozu, probabilmente la più eminente figura del cinema giapponese classico e del realismo cinematografico del paese del sol levante, è uno dei più significativi registi di tutti i tempi e uno dei maestri assoluti della settima arte in tutto il mondo.

Di recentissima uscita (stampati rispettivamente a Marzo, Aprile, Maggio di quest’anno) i tre volumi della romana Donzelli L’Arena del Duce – Storia del Partito Nazionale Fascista a Verona, di Federico Melotto, Szymborska – Un alfabeto del mondo, di Andrea Ceccherelli, Luigi Martinelli e Marcello Piacentini e Scritti sul cinema, di Yasujiro Ozu (curato, quest’ultimo, da Franco Picollo e Hiromi Yagi). Si tratta, come nella tradizione della casa editrice capitolina, di saggi storico politici (L’Arena del Duce) e artistico letterari (i restanti due, si leggano le relative recensioni su queste stesse pagine) di notevole spessore scientifico e documentaristico che potranno arricchire la biblioteca dello storico o quella dell’appassionato e/o studioso di poesia o di cinema. Gli autori e i curatori, tutti docenti di prestigiosi atenei, scrivono nell’ambito delle rispettive tematiche di ricerca, mentre Yasujiro Ozu, probabilmente la più eminente figura del cinema giapponese classico e del realismo cinematografico del paese del sol levante, è uno dei più significativi registi di tutti i tempi e uno dei maestri assoluti della settima arte in tutto il mondo.

La poca conoscenza della Storia ha innumerevoli risvolti negativi uno dei quali è quello di dar per scontato la provenienza delle cose di cui godiamo i benefici nel quotidiano: dando per assodato che tutto ciò che abbiamo sia caduto dal cielo e non sia frutto di un cammino lungo e tortuoso, fatto di aspre battaglie e innumerevoli sacrifici.

Il catalogo Donzelli si arricchisce di un ulteriore volume di approfondimento sul cinema italiano. Si tratta di Peplum – Il cinema italiano alle prese col mondo antico, un libro di Francesco Di Chiara, docente universitario di discipline cinematografiche, che esce in co-edizione con il Centro sperimentale di cinematografia di Roma.

Pagina 1 di 5
TOP