Dino De Bernardis

Articoli di Dino De Bernardis

Venerdì, 16 Marzo 2012 19:28

Sono in zona - Teatro Sistina (Roma)

Alessandro Siani

Alessandro Siani arriva a Roma nel tempio del teatro italiano, “Il Sistina”, e rimane in zona per la gioia di tutti i suoi fans fino al 1 aprile. “Sono in zona” è il nuovo spettacolo con il quale il comico napoletano, reduce dai successi cinematografici – “Benvenuti al Sud” e relativo seguito “Benvenuti al Nord” - e dalla applauditissima partecipazione al festival di Sanremo, girerà l’Italia intrattenendo migliaia di spettatori con nuovi monologhi che metteranno a nudo con arguzia dissacratoria i difetti e i pregi degli italiani in un collaudato confronto tra le abitudini dei meridionali e quelle dei settentrionali.

Il coraggio di Adele

Giampiero Rappa, dopo i successi di “Prenditi cura di me” e “Sogno d’amore”, ritorna al Piccolo Eliseo con “Il coraggio di Adele” in scena fino al 18 marzo. Ancora una volta l’autore genovese, già premiato per “Gabriele” nella rassegna di Teatro Emergente e con il Premio Enrico Maria Salerno per “Prenditi cura di me”, si conferma uno tra i drammaturghi più prolifici ed originali del panorama teatrale italiano.

La Signorina Papillon

L’arguzia, l’acutezza e la sagacia della penna di Stefano Benni vengono pienamente confermate nella vicenda della Signorina Papillon, in scena fino al 18 marzo al Teatro Testaccio.

Nemici come prima

Ancora una volta Gianni Clementi, autore della commedia “Nemici come prima”, in scena al Teatro de’ Servi fino al 25 marzo, scherza con le dinamiche umane scandagliando con tratto ironico e disincantato gli anfratti psicologici e le debolezze che albergano in ognuno di noi e che con sempre maggiore fatica riusciamo a controllare.

Papà al cubo

Il giovane e promettente autore e attore Antonio Grosso, dopo il successo riscosso con “Minchia Signor Tenente”, dal 14 febbraio al 4 marzo è tornato in scena al Teatro de’ Servi con la nuova esilarante commedia “Papà al Cubo”. L’abbiamo incontrato con i suoi compagni di viaggio, Salvatore Catanese, Antonello Pascale e Claudia Vismara, per farci svelare qualche segreto e curiosità di questo intrigante progetto teatrale che ha nuovamente conquistato il pubblico romano.

Dietro i tuoi passi

“Dietro i tuoi passi” è la storia di Peppino Impastato, un uomo che è morto per un’idea continuando a vivere in essa. E sì, perché Peppino è uno di quelli che come Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Rocco Chinnici o Rosario Livatino, hanno creduto in quello che facevano fino a sacrificare la propria vita riscattando così una terra e con essa una cultura intera.

Sabato, 18 Febbraio 2012 20:08

Papà al cubo - Teatro de’ Servi (Roma)

Papà al cubo

Dal 14 febbraio al 4 marzo al Teatro de’ Servi andrà in scena l’esilarante commedia “Papà al cubo”, in cui verremo trasportati in casa di tre giovani ragazzi, i quali dopo l’inaspettato e fortuito arrivo di un bimbo, Carletto, si troveranno a fare i conti, prima che con il piccolo pargolo, con se stessi.

Rosso Vivo

Dal 14 al 19 febbraio. Sono passati trentadue anni da quel drammatico evento che ha cambiato la vita di Carla Verbano, una madre che insieme al marito vede uccidere il proprio figlio Valerio, impotenti di fronte a così inaudita violenza. Valerio Verbano, il 22 febbraio del 1980 aveva 19 anni, stava compilando un dossier che dimostrava i collegamenti tra alcuni gruppi di estrema destra e gli apparati statali. In scena all’Ambra Teatro alla Garbatella il dramma di una madre che chiede a gran voce giustizia per placare i fantasmi che infestano la sua anima da troppo tempo.

Mercoledì, 15 Febbraio 2012 18:05

Il mio secondo matrimonio - Teatro Sistina (Roma)

Il mio secondo matrimonio

Dal 14 febbraio all’ 11 marzo, Maurizio Battista ci invita al Sistina al suo secondo matrimonio, “ma non preoccupatevi” sembra dirci il nostro sposo perché, pur offrendoci un menu ricco di sane e spensierate risate, non vi sono salate partecipazioni o spese per l’abito nuovo da sostenere…

Cyrano dacci una mano

Fino al 21 febbraio al Teatro delle Muse, un prete tecnologico gestore del teatro della parrocchia, un anziano attore di film western ormai caduto in disgrazia, un malcapitato elettricista, insieme ad un gruppo di inesperti attori, tra cui un irruente muratore calabrese, tre attrici avvenenti ma povere ed un giovane attore particolarmente vanesio ma di cui nessuno ricorda il nome, si uniranno, loro malgrado, nell’allestimento di uno spettacolo nel tentativo di evitare la demolizione del teatro, ultimo presidio di speranza e scrigno invalicabile in cui custodire i propri sogni sempre più minacciati.

TOP