Al Roma Fringe Festival 2015, in attesa della finalissima del 5 luglio, riflettori puntati sulla “Scena Romana”, una selezione degli spettacoli più rappresentativi della stagione appena conclusa proposti dalle realtà più interessanti e vivaci del teatro indipendente della capitale: Teatro Studio Uno, Teatro Dell’Orologio, Teatro Argot Studio, Teatro Tordinona, Carrozzerie n.o.t. e Teatro e Critica Webzine.

In "Ferite d'arma da gioco" di Rajiv Joseph, i due protagonisti vivono una complessa e dolorosa storia d'amore; attraverso il dolore si incontreranno da bambini e, per inseguirsi, ritrovarsi, riconoscersi come essere viventi, al dolore rimarranno legati. I due ragazzi, per allontanarsi dagli schemi e dalle tappe obbligate del processo di crescita imposto dalla società, useranno una loro personale dinamica violenta.

In prima nazionale debutta dal 3 all’8 marzo 2015 al Teatro dell’Orologio sala Gassman dal martedì al sabato ore 21.15 - domenica ore 17.45 “Ferite d’arma da gioco” del drammaturgo indo-canadese Rajiv Joseph, per la regia di Stefano Scandaletti, interpretato da Chiara Capitani e Diego Maiello.

Giovedì, 23 Ottobre 2014 19:40

Il mercante di Venezia - Teatro Quirino (Roma)

Giorgio Albertazzi con la sua Compagnia e il Teatro Quirino, in omaggio al genio del Bardo nel 450° anno dalla nascita, presentano "Il mercante di Venezia", in scena dal 21 ottobre al 9 novembre.

Domenica, 16 Febbraio 2014 18:58

Il mercante di Venezia - Teatro Ghione (Roma)

Dal 30 gennaio al 16 febbraio. In un Teatro Ghione quasi sempre felicemente tutto esaurito, è andato in scena “Il Mercante di Venezia” di Shakespeare in un bell'adattamento di Giorgio Albertazzi diretto da Giancarlo Marinelli. Una delle opere più ambigue e controverse del Genio inglese torna qui ad acquisire i toni originali della commedia, dopo tante versioni che l'avevano resa più cupa e drammatica. Una storia di religione, amore e antisemitismo, di personaggi ambivalenti e fragilità umane, di vendetta, giustizia e denaro, uno scontro etico, sociale e culturale estremamente contemporaneo. In scena, vero punto di forza dello spettacolo, Giorgio Albertazzi regala una perfetta interpretazione di Shylock riuscendo, con maestria e naturalezza, ad infondergli una feroce malvagità insieme a un tangibile dolore emotivo.

TOP