Daniela Cohen

Articoli di Daniela Cohen

 

Il Teatro Martinitt di Milano ha una gran facciata imponente e bella ma si trova in una zona che un milanese considera periferia estrema, ovvero Cascina Gobba. Eppure è un luogo ben frequentato e, una volta arrivati, si è contenti di trovare tante persone felici di occuparsi di questo teatro, ristrutturato con un occhio alla storia. La stagione di prosa ha avuto inizio il 27 settembre ma già nelle settimane precedenti un focus sulla danza ha consentito di ospitare compagnie esplosive come questa, condotta dalla storica danzatrice Adriana Cava; oggi insegna e crea per il Teatro Nuovo di Torino e ha presentato in questa occasione “Dancing in New York” con una compagnia di giovani che hanno studiato con lei, ottenendo applausi continui dalla platea anche per la musica e le immagini che, con una proiezione su fondo totale, hanno incantato per bellezza e potere di suggestione.

Mercoledì, 05 Settembre 2018 18:43

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura

Una proposta estiva offerta dal Museo di Fotografia Contemporanea per una bella esposizione alla Triennale di Milano che dona al pubblico già dal 25 maggio e fino al 9 settembre una magnifica mostra di oltre 300 fotografie scattate da Luigi Ghirri, fotografo vissuto solo 49 anni ma la cui visione poetica e originale lo ha reso un maestro per intere generazioni. Nato in una frazione di Reggio Emilia, Fellagara di Scandiano, il 5 gennaio 1943, evolve uno sguardo ampio e attento su tutto ciò che lo circonda, avido di sapere e di capire.

Dal 17 maggio e fino al 3 giugno, la Triennale di Milano espone su due grandi pareti una mostra dedicata all'evento del tour italiano di Jimi Hendrix, considerato come uno dei massimi chitarristi, voce unica nel mondo del rock e del blues e autore di brani memorabili, che si svolse a maggio del 1968. Sono state esposte immagini dell'epoca, alcune foto del concerto tenutosi al Piper Club di Milano e ce ne sono diverse scattate ai concerti avvenuti a Roma e Bologna. Oltre ai pannelli di immagini sui muri di un lungo locale adiacente al Cafè Design, che si trova di fronte al Parco Sempione, in Triennale sono esposte pure delle bacheche contenenti giornali d'epoca, riviste, biglietti di spettacoli e altre memorabilia. Ci sono anche testimonianze di diversi artisti che ricordano quei concerti indimenticabili, come Renzo Arbore, Ricky Gianco, Maurizio Vandelli, Dodi Battaglia e tanti altri.

Un immenso Gioele Dix è il protagonista di questa commedia scritta da un autore argentino, Mario Diament, tradotta, adattata e diretta da una Andrée Ruth Shammah totalmente affascinata da questo testo che ha saputo trasporre con un’intensità colma di poesia e stupore. Grazie ad un gruppo perfetto di interpreti, al Teatro Franco Parenti di Milano, ci troviamo ad ascoltare una serie di brevi ma profondi racconti che rivelano gli intrecci esistenziali fra personaggi che si incontrano prima in una piazza di Buenos Aires ed in seguito in interni, luoghi che appaiono tramite una scenografia stupenda che trasforma il fondale dell’esterno nello studio di una psicologa, come se i due lati che si avvicinano fossero un enorme libro che vede girare una pagina...

A un anno dalla scomparsa di Umberto Eco, che ha segnato indelebilmente la letteratura, la filosofia e la semiologia italiana, il drammaturgo e regista Stefano Massini, successore di Luca Ronconi alla guida del Piccolo Teatro di Milano, rende omaggio al grande scrittore adattando con una versione teatrale l'incredibile romanzo “Il nome della rosa”. In scena al Teatro Franco Parenti dal 2 al 12 novembre.

Mercoledì, 01 Novembre 2017 17:42

Tanti lati - Latitanti - Teatro Nuovo (Milano)

Il teatro più centrale di Milano è senza dubbio il Teatro Nuovo di piazza San Babila, in verità uno dei più vecchi, con una storia di spettacoli che ha sentito le bombe della seconda guerra mondiale. Grande, comodo e in queste serate pieno di gente accorsa a vedere l'ultimo show di Ale e Franz intitolato 'Tanti lati - Latitanti'; quando cala il buio, una fioca luce illumina una grossa luna piena che si staglia nella notte e, sulla destra, un tronco d'albero secco, con un'unica foglia attaccata in alto. Franz è appoggiato al tronco, seduto a terra e borbotta, mentre Ale canta una canzone in milanese che parla appunto della luna. Franz si tira su, si gira e grida: “Voglio la luna!” e Ale si mette a saltellare dicendo “Te la prendo io, te la compro!”, ma non si può…

Al Teatro Delfino di Milano e solo per pochi giorni, da mercoledì 18 a domenica 22 ottobre, si è presentata una grandissima artista: Eka, giovane e bella ragazza snella ed elegante, capace di creare arte non con pennello, matite o carboncino bensì con la sabbia, che getta su una lastra di vetro illuminata da un faro, con tanto di proiettore che rimanda le immagini che vi appaiono su un grande schermo posto al centro del palcoscenico. Eka e il suo tavolo magico stanno sulla sinistra, perfettamente visibili, ma sarà lo schermo a catturare l’ attenzione e le emozioni degli spettatori.

Lunedì, 24 Luglio 2017 20:22

Milano Blues - Teatro Libero (Milano)

Come ormai di consueto, il Teatro Libero di Milano resta aperto anche d'estate e in questo luglio infuocato ha presentato una rassegna dedicata alle opere prime degli under 35, 'Liberi d'Estate', con serate dedicate ogni volta a differenti spettacoli. Domenica 2 luglio è stata la volta di “Milano Blues”, spettacolo inserito nella sezione Banco di Prova, una settimana dedicata ai giovani autori che non solo hanno messo in scena per la prima volta le loro opere in forma di reading presso Isolacasateatro, ma le hanno poi elaborate e perfezionate dopo un confronto con critica e pubblico fino all'approdo attuale. I sei testi scelti sono stati vagliati e diretti da Manuel Renga, co-direttore artistico del Teatro Libero, grazie anche a Susanna Verri che ne ha seguito la creazione.

Al Teatro Nazionale CheBanca! di Milano è andato in scena per la prima volta “Dialogo - Concerto dialogato”: sul palco sale Luca Tudisca, cantautore siciliano uscito dalla scuola di Amici che lavora sotto la direzione di Mauro Simone. I due sono amici e se il giovane Luca desidera affrontare una nuova carriera, Mauro si impegna a seguirlo per realizzare i sogni da trasformare in una storia, che prende spunto dalle canzoni scritte da Tudisca e allestite per il teatro grazie al testo di Elisabetta Tulli e ai movimenti coreografici di Nadia Scherani. Questo spettacolo si lega a un'iniziativa benefica intitolata 'Porta in scena il tuo cappotto' e il teatro ha annunciato con un certo anticipo che se il pubblico avesse portato cappotti, giubbotti o altri indumenti, questi avrebbero fatto parte della messa in scena per poi essere donati ai bisognosi tramite un'associazione no profit, oltre a offrire ai donatori uno sconto del 20% sul prezzo del biglietto di questo spettacolo.

Sabato, 13 Maggio 2017 15:05

Cancun - Teatro San Babila (Milano)

Il Teatro San Babila ha portato in scena un magnifico esempio di commedia dedicata a quanti sbagli si possono fare tra coppie e amici, dal titolo “Cancun”, lussureggiante cittadina tropicale dove quattro amici di lunga data decidono di trascorrere una vacanza assieme. Il sipario si apre mostrando il palco trasformato in un locale del resort vacanziero e sembra davvero di essere in un posto incantevole vicino all'oceano. Lo spettacolo porta la firma dello spagnolo Jordi Galceràn, autore sia di racconti e romanzi, che di sceneggiature per il teatro, il cinema e la televisione; è anche traduttore e adattatore di testi stranieri e in questa circostanza ha saputo mostrare una volta di più una rara sensibilità per i dialoghi incalzanti e le avventure complicate da rocamboleschi colpi di scena.

Pagina 1 di 13
TOP