Quella compiuta con il ciclo "Diecipartite" da Giuseppe Manfridi (e da Daniele Lo Monaco, che con lui ha ideato questo progetto) è una scommessa, la più spregiudicata scommessa sul calcio che si potrebbe immaginare. Quella che non riguarda un semplice risultato, ma l'entità stessa dello sport del pallone. La scommessa di dimostrare che lo spettacolo più nazionalpopolare che si possa immaginare non sia solo materia di risse da ultras in curva, o al meglio da discussioni da bar, ma possa essere nobilitato a tal punto da finire sul palco di un teatro.

Claudio Boccaccini porta al Teatro Nino Manfredi di Ostia lo spettacolo da lui scritto, diretto e interpretato che gli è valso, lo scorso settembre, il Premio Speciale Salvo D’Acquisto “per aver onorato la figura del Vice Brigadiere in Teatro”: il monologo è la diretta testimonianza del sacrificio del giovane carabiniere che il 23 settembre 1943 salvò ventidue innocenti, tra cui il padre dell’attore romano. In scena fino al 23 aprile.

Claudio Boccaccini porta nuovamente in scena la sua versione dell’opera pirandelliana, a vent’anni dal debutto: uno dei testi più rappresentativi del pensiero dell’autore siciliano, in un allestimento che esalta il contrasto tra dramma e ironia grottesca. In scena al Teatro Nino Manfredi di Ostia fino al 12 febbraio.

Declina i titoli dei film di 007 la campagna grafica della stagione 2016/2017 del Teatro Sala Umberto e, al motto di “Licenza di Ridere”, il direttore artistico Alessandro Longobardi accoglie pubblico e stampa per la presentazione di una stagione che si preannuncia ricca, variegata, e di grande spessore.

E’ stata presentata la stagione 2016/2017 del Teatro della Cometa, pronto ad offrire un calendario equilibrato tra commedie brillanti e lavori più strutturati dal punto di vista drammatico, curato con passione dal Direttore Artistico Giorgio Barattolo. Tra ritorni di artisti amatissimi dal pubblico, la leggerezza ed ironia della commedia, un occhio costantemente rivolto alla drammaturgia contemporanea in special modo italiana, contaminazioni musicali e progetti collaterali focalizzati su tematiche culturali, si preannuncia una stagione quanto mai ricca e variegata, pronta ad accogliere gli affezionatissimi abbonati e nuovi spettatori nell'incantevole cornice dell'intimo teatro incastonato tra il Campidoglio e il Teatro di Marcello.

Lunedì, 25 Aprile 2016 19:39

Aspettando Godot - Teatro Ghione (Roma)

Dal 20 al 30 aprile. Al Teatro Ghione, il capolavoro del teatro beckettiano nella visione poetica e sognante di Claudio Boccaccini. La condizione definitiva dell’attesa, nella speranza di una svolta che non arriverà. L’immobilità, l’incapacità di agire. Così Beckett descrive l’uomo del Novecento. E Boccaccini sottolinea la spiazzante e indiscussa modernità dell’ opera, accompagnando il pubblico attraverso la sua comicità surreale e pungente.

In scena dal 13 al 24 gennaio al Teatro Carcano "I suoceri albanesi: due borghesi piccoli piccoli", commedia di Gianni Clementi che vede come protagonista il riuscitissimo duo Francesco Pannofino - Emanuela Rossi nei panni di una coppia di borghesi che, nonostante la loro agiatezza, cercano di formare la propria figlia adolescente attraverso valori “di sinistra”: altruismo, rispetto per le differenze culturali e giustizia sociale sono le parole d’ordine quotidiane in casa; eppure dovranno ricredersi sull’inamovibilità dei loro valori quando la loro piccola farà davvero suo il concetto di “amare il prossimo” con un giovane idraulico albanese…!

Il Teatro Carcano di Milano si rinnova intrecciando, nel cartellone 2015/2016, esperienze artistiche e linguaggi diversi; si presenta contemporaneo, colto e popolare; sensibilità ed intelligenza creano un ponte tra avanguardie, siano esse vecchie o nuove, ed il teatro di tradizione. Perchè il teatro oggi non è più solo un teatro di prosa, un luogo dove fruire di uno spettacolo e rientrare a casa; ma è uno spazio di incontro tra generazioni e generi artistici, una piazza di scambio dove si mescolano pubblico e performance. Prosa sì, ma, cosa nuova per il Carcano, di drammaturgia contemporanea.

Una stagione elegante, brillante ed intelligente! Così Giorgio Barattolo, Direttore artistico de Teatro della Cometa ha definito la trentesima stagione del teatro di Via del Teatro Marcello.

Dal 2 al 13 aprile. In principio erano quattro uomini, con le loro storie di separati ansiosi sopraffatti dalle difficoltà economiche, con un senso spiccato di cinismo al punto tale di rischiare di compromettere un valore sacro: l’amicizia. La loro lotta esistenziale viene messa allo specchio da una figura femminile, ben lontana dallo stereotipo di donna sinora vissuto e subito in maniera distruttiva, che li riavvicina aiutandoli a riscoprire e rivalorizzare il loro rapporto di amicizia.

TOP