“Spazio del Racconto”, la rassegna di drammaturgia contemporanea ospitata nella stagione 2017/2018 dal Teatro Brancaccino, nasce dall'idea di sviluppare un cantiere aperto di riflessione e pratica sulla scrittura, un punto di incontro tra drammaturghi - registi e attori - pubblico - in modo da rendere accessibile, fruibile, dinamico il rapporto scena/platea. Una rassegna dedicata alla drammaturgia contemporanea, che giunge alla sua terza edizione con la direzione artistica di Emanuela Rea.

Dal 6 al 25 giugno. Elsinor Centro di Produzione Teatrale affida per il secondo anno consecutivo una produzione a Michele Sinisi, che torna al Teatro Sala Fontana dopo il successo di Miseria e Nobiltà con una rivisitazione del celeberrimo romanzo di Alessandro Manzoni*, I Promessi Sposi*.

Sabato, 12 Novembre 2016 15:28

Ubu Roi - Teatro Sala Fontana (Milano)

“Ubu Roi” è il testo che, per antonomasia, ha sancito l’esordio del teatro contemporaneo: è dirompente, estremo, denso e feroce. Una serie di caratteristiche, queste, che Roberto Latini ha saputo far proprie in modo personale, ma, allo stesso tempo testualmente fedele: la sua versione, datata 2012, è complessa e ricca di riferimenti teatrali iperstratificati che, pur mantenendo una certa riconoscibilità, sono amalgamati in un tutto unico, omogeneo e ben calibrato. Il testo è arricchito da una serie di espedienti ricorrenti nella proposta di Latini, che costituiscono una sorta di leitmotiv poetico e teatrale: come nel suo I Giganti della Montagna andato in scena al Piccolo Teatro lo scorso maggio, Latini ricorre al microfono e alla voce monologante nei momenti di maggior tensione emotiva. Ancora, tornano i clown e l’atmosfera da circo sgangherato e decadente che già aveva arricchito le Metamorfosi, andate in scena al Teatro I lo scorso ottobre.

Domenica, 07 Febbraio 2016 21:35

Ubu Roi - Teatro Vascello (Roma)

Dal 4 al 7 febbraio al Teatro Vascello la compagnia Fortebraccio Teatro porta in scena lo spettacolo "Ubu Roi" di Alfred Jarry. Gli attori - diretti da Roberto Latini - costituiscono un vero e proprio ensemble variegato, il cui spirito unificatore e comunitario di compagnia permea non solo le pratiche recitative, ma anche l'estetica dell'intera messinscena.

Aria di grande rinnovamento alla conferenza stampa di presentazione della Stagione Teatrale 2015/2016 del Teatro Eliseo e del Piccolo Eliseo. In una gremita sala del Palazzo delle Esposizioni un emozionatissimo Luca Barbareschi prende la parola dopo la piacevole introduzione di Franco Di Mare, chiamato a condurre la presentazione. Con la voce spezzata dall’emozione dei ricordi e del prossimo importante traguardo anagrafico (compirà 60 anni l’anno prossimo), introduce - dopo l’intervento dell’Assessore Marinelli e prima di passare alla presentazione degli spettacoli in cartellone - le novità “dirompenti” che renderanno il teatro più glorioso di Roma un polo d’eccellenza. L’obiettivo è creare una “community”, realizzare un punto di aggregazione che possa ampliare la possibilità di offerte culturali. Non solo spettacoli, ma una commistione sinergica tra arte e scienza, tra intrattenimento e servizi di accoglienza, scuola di recitazione e formazione, bar e servizi di ristorazione.

"Come simbolo della nostra ventisettesima stagione abbiamo pensato ad un cerchio magico ellittico, un vortice, una spirale, uno spazio bianco da riempire, ma anche un occhio! Occhio come sguardo totale e periferico, sguardo al futuro e al passato. Uno sguardo sulla realtà che ci circonda, un occhio che vigila, attento indagatore, specchio dell'anima inteso come animus mundi. Occhio che si accende come un riflettore sul mondo, che svela bellezza e atrocità, fonte di lacrime e stupore e appagamento." Così il direttore artistico Manuela Kustermann ha presentato oggi la ricchissima stagione 2015/2016 del Teatro Vascello.

Arriva a Roma dal 21 al 23 aprile e apre la rassegna #PRIMAVERARGOT, dedicata alle compagnie indipendenti più interessanti del panorama italiano, "Gioco di specchi", il nuovo testo che Stefano Massini ha scritto appositamente per Ciro Masella che, dopo la felice esperienza de “La fine di Shavuoth” e de “L’Italia s’è desta”, torna ad immergersi nel mondo poetico di uno tra i più grandi e premiati autori del nostro teatro.

Giunge alla sua 16^ edizione a Lari (Pisa), dal 25 luglio al 2 agosto, il festival COLLINAREA, organizzato dalla Compagnia Scenica Frammenti e Fondazione Pontedera Teatro, in collaborazione con i comuni di Casciana Terme Lari, Ponsacco e Crespina.

TOP